Keystone
GINEVRA
13.10.2018 - 17:220
Aggiornamento : 21:03

Marcia per il clima: 3'500 persone che «sentono l'urgenza»

Per Greenpeace Svizzera la sensibilità è stata stimolata dalla siccità e dalle alte temperature di quest'estate

GINEVRA - Circa 3500 persone hanno partecipato oggi alla marcia per il clima nel centro di Ginevra. I manifestanti hanno chiesto cambiamenti immediati dal governo per affrontare la crisi climatica.

«La politica non fa il proprio lavoro: il tempo delle mezze misure è finito», ha detto Anne Mahrer dell'associazione Anziane per il clima. La marcia, che si è svolta in un ambiente positivo, è stata organizzata da una ventina di associazioni della società civile.

Gli organizzatori parlano di 5000 partecipanti, mentre la polizia ginevrina di 3000/3500. Mathias Schlegel, portavoce di Greenpeace Svizzera, si dichiara soddisfatto dell'affluenza. «Le persone sentono l'urgenza, anche a causa della siccità e delle alte temperature di quest'estate», ha detto.

Manifestazione per il clima anche in Francia - Migliaia di persone hanno manifestato a Parigi, Lione, Marsiglia, Bordeaux, Lille e decine di altre città di Francia sulla scia della mobilitazione nata a settembre dopo le dimissioni di Nicolas Hulot, ministro della Transizione ecologica che era anche il personaggio più popolare del governo.

In tutto erano 80 le manifestazioni organizzate in Francia sotto un sole che ha fatto registrare anche oggi temperature record per il mese di ottobre in Francia, in media 10 gradi superiori alla norma. In 15.000 hanno sfilato a Parigi, 10.000 a Lione, diverse migliaia a Bordeaux, Strasburgo e Lille.

Un mese fa, le dimissioni di Hulot spinsero molti privati cittadini - sui social network e nelle associazioni - ad invocare una manifestazione di solidarietà con l'ex ministro e di protesta per quello che viene considerato un insufficiente impegno delle autorità sul problema del riscaldamento climatico. L'iniziativa si è rivelata un successo ed ha finito per convogliare anche associazioni e partiti politici.

«Cambiamo il sistema, non il clima« si leggeva su un grande striscione nella manifestazione di Parigi mentre i manifestanti scandivano lo slogan «Non siamo fregati, i panda sono in piazza».

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-04-25 20:30:47 | 91.208.130.87