Keystone
SVIZZERA
12.07.2018 - 14:150

Eritrei: il rischio di essere arruolati non eviterà il rinvio

La Convenzione europea dei diritti dell'uomo vieta il rimpatrio dove c'è minaccia di lavori forzati, ma per il TAF non tutti rischiano di subirli

SAN GALLO - Ancora un giro di vite del Tribunale amministrativo federale (TAF) per i richiedenti asilo eritrei. Il rischio di essere arruolati nell'esercito in caso di ritorno nel loro Paese non sarà più motivo sufficiente per evitare il rinvio.

In una sentenza pubblicata oggi, il TAF si è occupato in particolare dell'equiparazione del servizio militare in Eritrea con i lavori forzati.

La Convenzione europea dei diritti dell'uomo vieta infatti i lavori forzati, impedendo di fatto alla Svizzera di rinviare richiedenti asilo in un Paese dove sarebbero minacciati di un tale trattamento. Questo vale però solo quando c'è un rischio serio e una violazione flagrante del divieto ai lavori forzati.

Secondo il TAF, è vero che per certi versi il servizio militare eritreo è simile a lavori forzati: può estendersi da cinque a dieci anni ed è sorretto da processi poco chiari, con segnalazioni di abusi sessuali o sevizie. Tuttavia, non è possibile affermare che gli abusi siano generalizzati e che ogni partecipante rischi di subirli. Non esiste dunque una violazione netta e la situazione non è grave al punto da escludere i rinvii, afferma la corte.

Giro di vite - Il TAF aveva già inasprito le condizioni dei richiedenti asilo eritrei l'anno scorso. Nel gennaio 2017 aveva affermato che il solo fatto di aver lasciato illegalmente il Paese non era motivo sufficiente per ottenere asilo. Nell'agosto dello stesso anno, aveva giudicato che i disertori non rischiano trattamenti disumani.

Attualmente la Svizzera non può effettuare rinvii forzati verso l'Eritrea, poiché il Paese non è disposto ad accogliere i suoi cittadini che hanno richiesto asilo. Ad oggi non esiste un accordo di riammissione.

L'Eritrea ha sempre giustificato la durata indeterminata del servizio militare con la situazione di conflitto con l'Etiopia. La situazione si è però risolta questo mese con l'annuncio ufficiale della fine della guerra fra i due Paesi.

Commenti
 
GI 4 mesi fa su tio
lasciano il loro paese per evitare il militare.....ma poi tornano in vacanza.....tutti a casina loro !!!
pontsort 4 mesi fa su tio
@GI Una volta che gli portano i nostri soldini chiudono un occhio anche da quelle parti....
madras 4 mesi fa su tio
Diciamo no ai disertori !
Danny50 4 mesi fa su tio
Ma scherziamo ! Questi disertori se vogliono andarsene per non fare servizio militare che vadano dove vogliono e possono, non in CH a farsi mantenere e raggiungere da una tribù di famigliari sotto il cappello buonista dei ricongiungimenti.
negang 4 mesi fa su tio
Giusto ! Altrimenti sarebbero disertori. Se poi nel loro paese sono governati male non e' colpa nostra !
Tags
lavori
lavori forzati
taf
asilo
rischio
paese
eritrea
rinvio
richiedenti asilo
essere arruolati
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-11-18 11:51:21 | 91.208.130.87