ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
4 ore
Quante armi sequestrate: la popolazione vuole sentirsi più sicura?
Tra i motivi principali, le maggiori importazioni di armi vietate, ma non solo
SVIZZERA
6 ore
«C'è in ballo il nostro spazio aereo»
Tra poco più di un mese Viola Amherd sarà confrontata con la sua prima importante votazione.
SVIZZERA / BELGIO
8 ore
Il Belgio colora d'arancione tre Cantoni
A chi ritorna da queste regioni, Bruxelles raccomanda una quarantena o un test. E maggior vigilanza.
SVIZZERA
9 ore
Canicola: la prevenzione funziona
Dati alla mano, le campagne di sensibilizzazione effettuate dall'UFSP hanno ridotto la mortalità.
SVIZZERA
9 ore
Il ricercatore Konrad Steffen è morto durante una spedizione
Era direttore dell'Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio.
SAN GALLO
11 ore
Lupi sbranano pecore sull'Alpe Gafarra
Negli scorsi giorni 19 ovini sono stati feriti o uccisi.
GINEVRA
12 ore
Un morto e un disperso ieri nel Rodano
Una donna che galleggiava sull'acqua completamente vestita è stata ripescata ancora in vita
SVIZZERA
12 ore
Encefalite da zecche: il 2020 va verso il record
A fine luglio si registravano 332 casi, il numero di casi più elevato dal 2000
ZUGO
12 ore
Per Zugo i grandi eventi s'han da fare
Il Consiglio di Stato chiede che le manifestazioni con oltre mille persone siano nuovamente consentite.
ZURIGO
12 ore
Tre corpi senza vita dentro a un'auto: una madre con le sue figlie gemelle
Sono state rinvenute in un bosco a Uitikon questa mattina. La donna una 30enne tedesca, le piccole avevano 4 anni
FOTO
ZURIGO
13 ore
Allo Zoo di Zurigo è nato un koalino
Il piccolo, che si nasconde ancora nel marsupio della madre, è venuto al mondo quattro mesi fa
STRASBURGO / BERNA
26.01.2017 - 22:440

Svizzera condannata per l'espulsione di un Tamil. Al suo ritorno era stato torturato

La Corte europea dei diritti dell'uomo ha condannato la Svizzera per aver rimpatriato un richiedente l'asilo proveniente dallo Sri Lanka. La multa: 30mila euro per torto morale

STRASBURGO / BERNA - La Corte europea dei diritti dell'uomo ha condannato la Svizzera per aver rimpatriato un richiedente l'asilo proveniente dallo Sri Lanka, senza tener conto del rischio di maltrattamenti al suo paese d'origine. Le autorità elvetiche dovranno versare 30'000 euro per torto morale.

L'uomo aveva fatto richiesta d'asilo nel maggio del 2009, affermando di essere perseguitato nel suo paese. L'Ufficio federale della migrazione aveva respinto la sua richiesta e quella della moglie, e anche il ricorso al Tribunale amministrativo federale non era andato a buon fine. La coppia e i due figli erano stati quindi rimpatriati in Sri Lanka.

Al loro arrivo all'aeroporto di Colombo, nel 2013, i due genitori sono stati arrestati e interrogati. La donna è stata liberata mentre il marito, incarcerato, aveva subito torture e maltrattamenti. Dopo la visita di un rappresentante dell'ambasciata elvetica, il quale ha constatato le condizioni del carcerato, la famiglia è stata riaccolta in Svizzera. Liberato nel 2015, l'uomo aveva nuovamente domandato un visto umanitario, accettato dall'Ufficio federale della migrazione.

La Corte europea considera che la Svizzera avrebbe dovuto essere cosciente del rischio di maltrattamenti quando ha pronunciato il rinvio del richiedente, anche perché un altro caso simile si era verificato poco tempo prima.

Un mese prima dell'espulsione, infatti, un altro richiedente l'asilo proveniente dallo Sri Lanka espulso era stato incarcerato ed aveva subito maltrattamenti nel proprio Paese d'origine.

Il suo avvocato aveva scritto il 2 agosto 2013 al direttore del Dipartimento federale di giustizia e polizia e dell'Ufficio federale della migrazione per avvisarli, ma le autorità non hanno preso in considerazione la sua lettera.

La Corte ha condannato la Svizzera a pagare al cittadino dello Sri Lanka una riparazione per torto morale di 30'000 euro e un indennità di 4'770 euro di spese.

L'associazione Dialogo CEDU rileva che questo verdetto conferma il parere già espresso da differenti esperti secondo cui il rimpatrio nello Sri Lanka, a quel tempo, sarebbe stato contrario ai diritti dell'uomo e ai diritti dei rifugiati.

All'ats uno dei collaboratori di Dialogo CEDU ha sottolineato che la Svizzera ha implicitamente ammesso di aver violato l'art. 3 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo, poiché ha accettato in un secondo momento di riaccogliere il richiedente.

In una presa di posizione diffusa in serata, la Segreteria di Stato della migrazione (SEM) rileva che questa sentenza non avrà conseguenze dirette sulle pratiche di asilo e rimpatrio verso lo Sri Lanka. La corte non si esprime sull'attuale situazione nel Paese asiatico, aggiunge.

Il SEM precisa inoltre che continua a seguire attentamente gli sviluppi della situazione in loco e ricorda di essersi scusato pubblicamente e personalmente con la persona interessata e i suoi familiari.

ats 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
GIGETTO 3 anni fa su tio
E chi se ne frega altamente della Corte Europea.....Da non pagare la multa!!!
madras 3 anni fa su tio
Certo che se fosse stata la grande Germania nessuno si sarebbe permesso di multare.
Arpac 3 anni fa su tio
La stessa corte europea che permette a paesi terzi di sparare sulla folla per limitare il pasticcio migratorio che la stessa UE ha generato? Proprio quella?
911 3 anni fa su tio
Che Strasburgo si faccia i ca...i suoi o altrimenti che indennizzi tutti i danni dei falsi richiedenti l`asilo.
jibe 3 anni fa su tio
@911 Che arringa di classe.
madras 3 anni fa su tio
@jibe La migliore arringa che si potesse fare !!

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-11 03:55:35 | 91.208.130.86