keystone-sda.ch / STR (MARCEL BIERI)
+13
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
EURO 2020
6 ore
Olanda avanti senza affanno
Depay e Dumfries lanciano gli Oranje: 2-0 il risultato finale
IL SORPASSO… A DUE RUOTE
7 ore
Marquez Kaiser senza regno
Al Sachsenring vinceva sempre lui. E ora? Il circuito sinistrorso potrebbe aiutare
EURO 2020
9 ore
Lacrime ed emozione per Eriksen, poi la battaglia
Impostisi 2-1, i Diavoli Rossi sono rimasti a punteggio pieno
EURO 2020
9 ore
«Questa Svizzera ci sta provocando»
Macchine, tatuaggi, coiffeur: «Atteggiamenti che non hanno nulla a che fare con il professionismo»
EURO 2020
12 ore
Un gol di Alioski non basta alla Macedonia del Nord: vince l'Ucraina
Primi tre punti per la selezione di Shevchenko, vittoriosa per 2-1.
NATIONAL LEAGUE
13 ore
Hockey: ecco tutte le novità
Il numero degli stranieri in pista varierà a dipendenza di quante squadre prenderanno parte al campionato.
SUPER LEAGUE
13 ore
Quintillà passa al Basilea
L'ex capitano del San Gallo si accasa al St. Jakob con un contratto valido fino al 2024
HCAP/HCL
13 ore
Mano all'agenda: il primo derby nella nuova Valascia il 1. ottobre
La regular season del Lugano scatterà l'8 settembre in casa contro il Rappi, quella dell'Ambrì il 10 a Zurigo
EURO 2020
14 ore
Oggi si gioca l'Europeo, "ieri" si frequentava la scuola
Durante la pandemia 200 alunni hanno frequentato la scuola presso il Parken Stadium, per rispettare il distanziamento
TENNIS
15 ore
Nadal: no a Wimbledon e no alle Olimpiadi
L'iberico: «Ho ascoltato il mio corpo, voglio prolungare il più possibile la mia carriera...»
SERIE B
17 ore
Altro che ritiro: Buffon-Parma, è ufficiale
Il portiere italiano torna a vestire la maglia gialloblù 20 anni dopo il suo addio.
EURO 2020
17 ore
"Mad dog" Alioski grande grazie a Jacobacci
Idolo a Lugano, il macedone era finito nella polvere...
EURO 2020
19 ore
«Dannazione, ho solo 29 anni...»
Il racconto del medico che ha salvato la vita ad Eriksen, Jens Kleinefeld: «Momento molto commovente...».
SERIE A
19 ore
Gattuso-Fiorentina: clamoroso divorzio, è già finita
Il tecnico calabrese e la società di Firenze hanno sciolto il contratto. La causa? Divergenze in termini di mercato...
HCAP
16.10.2020 - 22:320
Aggiornamento : 17.10.2020 - 11:58

Sconfitta (in rimonta) all’overtime

Avanti fino al 59’, i biancoblù si sono fatti riacciuffare da Earl. Poi il tonfo a un soffio dai rigori.

Caduti 3-2, i leventinesi hanno pagato a caro prezzo qualche imprecisione di troppo. Discreto debutto di Nättinen.

di Redazione
Alex Isenburg

LANGNAU - L’Ambrì perde al supplementare dal Langnau con il punteggio di 3-2, dopo essere stato in vantaggio fino a un solo minuto dalla fine, non riuscendo così a cogliere la seconda vittoria consecutiva.

I “tigrotti”, attesi a una reazione dopo la scoppola subita giovedì in quel di Ginevra, hanno messo in seria difficoltà gli uomini di Cereda, autori di una prova non brillantissima che è valsa, considerato l’andamento del match, un “solo” punto.

Nemmeno il tempo di prendere le misure ed è subito corso un brivido lungo la schiena dei biancoblù, in seguito alla chance avuta dal giovane Weibel, che ha sprecato l’occasione migliore dei primi venti minuti di gioco non sfruttando un rebound del rientrante Conz. La prima frazione di gioco si è altrimenti trascinata senza sussulti, con le due squadre incapaci di offrire uno spettacolo degno di nota. Infatti, entrambe sono apparse abbastanza abuliche, con gli attaccanti spuntati e costretti perlopiù alle assi dalle rispettive difese.

Il secondo periodo si è invece aperto con il gol del vantaggio dei padroni di casa. Ad aprire le marcature è stato Andersons, che, piazzatosi nello slot, ha creato traffico davanti alla gabbia di Conz ed è altresì stato in grado di deviare il puck alle spalle dell’estremo difensore leventinese. In seguito al gol subito, la squadra di Cereda ha provato a creare i primi veri grattacapi a Zaetta (ancora titolare in assenza di Punnenovs).

L’occasione più ghiotta è scaturita dal bastone del debuttante Nättinen, il tanto atteso straniero finlandese è stato autore di una prova nel complesso incoraggiante e di spessore. Il vero punto di svolta per l’Ambrì è tuttavia stato un powerplay, durante il quale Fora, per mezzo di una sassata dalla blu, ha sfruttato l’ottimo lavoro di disturbo di Fohrler. Il roccioso difensore ha infatti disturbato la visibilità di Zaetta, che non ha avuto modo di impedire la rete del pareggio. Da quel momento è poi stato sollecitato in maniera più frequente. Meno di due minuti dopo, è infatti stato lo stesso Nättinen a coronare il suo assolo, trovando la rete del vantaggio grazie a un'insistita e pregevole azione personale. Un’ulteriore occasione è poi capitata al sin lì evanescente Flynn (incapace però di trovare il gol dell’allungo), mentre vi è da segnalare una forte botta subita contro il plexiglas da capitan Bianchi, che però è tornato prontamente sul ghiaccio.

All’inizio dell’ultimo terzo di gioco regolamentare è stato il Langnau a farsi preferire: dapprima Conz ha fermato Leeger lanciato in “breakaway” e successivamente il pubblico benese è tornato a farsi sentire dopo il clamoroso palo colto da Diem. Nel finale teso e nervoso di partita, condizionato anche da svariate penalità, Conz non è stato in grado di resistere all’assedio dei padroni di casa. Il portiere giurassiano, disturbato in maniera dubbia da Earl, ha rilasciando in maniera insicura un tentativo avversario, consentendo al numero dieci statunitense di trovare l’ormai insperato pareggio a solo un minuto dalla fine.

L’eroe di serata si è poi rivelato essere il difensore neo arrivato Brannström, che, con l’uomo in più all’overtime, ha permesso ai suoi di conquistare la prima vittoria stagionale con un preciso tiro di polso sul primo palo.

L’Ambrì torna dunque dall’Emmental con un punto in saccoccia in più ma con diversi dubbi, relativi in particolare al gioco non spumeggiante proposto: la consueta intensità leventinese si è vista solo sporadicamente e a prevalere è stata una generale mancanza di idee. È invece senza dubbio da salvare la prestazione di Nättinen, apparso propositivo e resosi pericoloso in diverse occasioni, anche in situazione di superiorità numerica (nel medesimo spot appartenuto al rimpianto Kubalik). La sconfitta sicuramente brucia, ma permette all’Ambrì di avvicinarsi in classifica ai “cugini” bianconeri, in attesa di incontrare lo Zugo sabato sera alla Valascia.

LANGNAU - AMBRÌ 3-2 d.s. (0-0, 1-2, 1-0, 1-0)
Reti: 22’28” Andersons (Schilt, Kuonen) 1-0; 35’51” Fora (5c4) 1-1; 37’22” Nättinen (Dal Pian) 1-2; 58’56” Earl (6c4) 2-2; 64’49” Brannström (Earl, 4c3) 3-2.
AMBRÌ: Ciaccio; Ngoy, Fora; Fischer, Hächler; Pezzullo, Fohrler; Dotti. Horansky, Flynn, Kneubühler; Zwerger, Müller, D’Agostini; Nättinen, Dal Pian, Grassi; Bianchi, Kostner, Trisconi; Rohrbach.
Penalità: 6x2’ Langnau; 4x2’ Ambrì.
Note: Ilfishalle, 2’005 spettatori. Arbitri: Urban, Hendry; Wolf, Betschart.

HOCKEY: Risultati e classifiche

keystone-sda.ch / STR (MARCEL BIERI)
Guarda tutte le 17 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Evry 8 mesi fa su tio
Questo è il risultato di quando si gioca solo con la forza e senza testa e con il Coach che fa tutt'altro che trasmettere la dovuta tranquillità, Auguri
Bibo 8 mesi fa su tio
@Evry Pensa alla tua squadra di quarantenati e lascia stare quelli che sanno giocare, auguri.
David Micheletti 8 mesi fa su tio
...sempre peggio...
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-18 05:20:52 | 91.208.130.89