People
07.02.2008 - 19:100
Aggiornamento : 17.11.2014 - 13:34

Scienza: ricostruita in laboratorio la dieta dei dinosauri

Milano, 7 feb. (Adnkronos Salute) - Ricercatori tedeschi a caccia dei segreti del menù dei dinosauri. Per scoprire quali piante vissute secoli fa abbiano permesso a questi colossi di raggiungere dimensioni tanto gigantesche quanto incredibili, alla luce delle moderne conoscenze. I risultati della ricerca, condotta simulando in laboratorio la digestione di un dinosauro, è pubblicata sui 'Proceedings of the Royal Society B'. La 'ricetta' impiegata da Jurgen Hummel del Bonn Institute of Animal Sciences include 200 milligrammi di equiseto essiccato, dieci millilitri di succo digestivo prelevato dallo stomaco di una pecora, un pugno di minerali, acqua e sali.

Il tutto è stato inserito in una grossa siringa di vetro, agganciata a un cilindro rotante e messa in un'incubatrice, dove il composto poteva ruotare lentamente. In questo modo lo studioso è convinto di aver riprodotto artificialmente il ruminare di un dinosauro, e intende svelare come questi animali siano riusciti a raggiungere dimensioni paragonabili a quelle di 10 elefanti. "C'è una legge rispettata dalla maggioranza degli animali che vivono oggi sulla terra: più grande è l'animale, più piccola la densità della sua popolazione, anche per una questione di risorse alimentari disponibili", spiega il responsabile della ricerca svizzero-tedesca, Martin Sander, paleontologo di Bonn.

Ma i dinosauri non rispettano questa legge. Una chiave può celarsi nel tipo di piante che crescevano milioni di anni fa, forse più nutrienti di quelle di oggi. Ma anche nel tipo di digestione, che secondo gli studiosi doveva essere in qualche modo simile a quello di moderni ruminanti, come le mucche. Un ruolo importante spetterebbe ai batteri, microrganismi antichissimi che, secondo i ricercatori, aiutavano i dinosauri nella 'digestione'. Così gli scienziati, sfruttando il succo contenuto nello stomaco delle pecore, hanno riprodotto l'effetto dei batteri, scoprendo che questi microrganismi sembrano prediligere una dieta a base di equiseto.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-15 22:52:08 | 91.208.130.85