CHIARA ASSI
"Finché morte non ci separi" è la prima avventura del commissario Locatelli.
ULTIME NOTIZIE People
ITALIA
1 ora
Miriam Leone, festa nel castello e poi tuffo in mare
Sabato l’attrice ha sposato il compagno Paolo Carullo a Scicli, nella loro Sicilia
Italia
4 ore
The Ferragnez: la famiglia da 33 milioni di follower in una serie tv
Sarà disponibile dal prossimo dicembre in tutto il mondo sulla piattaforma streaming di Amazon
FOTO
STATI UNITI
8 ore
Agli Emmy “The Crown” fa il pigliatutto
In una cerimonia in parte in remoto, Netflix domina con 44 premi e vince anche con “La regina degli scacchi”
LOCARNO
9 ore
Un ragazzo e un videogame da cui fuggire... prima che sia "game over"
Choice, il progetto del filmmaker locarnese Michael A. Viteritti. L'inizio delle riprese è previsto per ottobre
STATI UNITI
1 gior
Ha avuto 15 figli, ma probabilmente era sterile
Una nuova biografia rivede la figura del leggendario bluesman B.B. King prolifico nell'arte quanto nella vita
ITALIA
1 gior
Miriam Leone ha detto sì
L'attrice è convolata a nozze con Paolo Carullo
STATI UNITI
1 gior
Aretha Franklin ha superato Bob Dylan
La top 500 di "Rolling Stone" delle migliori canzoni di tutti i tempi è stata rivista
ZURIGO
2 gior
Kanye West allontanato da un ristorante di Zurigo?
Stando ad una lettrice ci sarebbero stati problemi con il certificato Covid
STATI UNITI
2 gior
La ex campionessa cerca di dare scacco a Netflix
Nona Gaprindashvili ritiene di essere stata diffamata da una frase de "La regina degli scacchi" e chiede cinque milioni
VIDEO
FRANCIA
2 gior
La genesi di Voldemort nel film di un fan (ma autorizzato)
Il regista Joris Faucon Grimaud è stato mosso «dall'amore per il cinema» e ha sfruttato finanziamenti per 60mila euro
REGNO UNITO
3 gior
Il testamento di Filippo resterà segreto per tutelare la «dignità» della Regina
È l'ordine emesso giovedì da un giudice: potrà essere aperto non prima di 90 anni
SVIZZERA
3 gior
C'è Zurigo nel prossimo tour di Ed Sheeran
Il cantautore britannico si esibirà venerdì 16 settembre 2022
ITALIA
3 gior
Enrico Brignano, proposta di nozze al centro dell’Arena di Verona
Il comico ha chiesto alla sua Flora di sposarlo nel mezzo del suo spettacolo 
ITALIA
3 gior
Stefano De Martino e la relazione con Miss X
Il conduttore e ballerino avrebbe da tempo una storia con una donna misteriosa
CANTONE
26.04.2021 - 06:000

Il debutto del commissario Locatelli, un poliziotto atipico

"Finché morte non ci separi" della scrittrice ticinese Chiara Assi è il primo romanzo di una serie

BISSONE - "Finché morte non ci separi" è il titolo del libro poliziesco che la scrittrice ticinese Chiara Assi ha dato alle stampe recentemente.

Si tratta del debutto di una vera e propria serie ambientata a Milano e imperniata sulla figura del commissario di polizia Locatelli. «È il primo di tre volumi che ho già scritto e che sono pronti per la pubblicazione», ci spiega. Autrice molto prolifica, è già al lavoro sul quarto libro. "Finché morte non ci separi" si trova solo su Amazon, sia in versione Kindle che cartacea, con spedizione garantita in Ticino.

Che tipo di personaggio è, il tuo commissario Locatelli?
«È un commissario un po' atipico, con una storia familiare particolare. Sua madre era primo violino a Vienna, mentre il padre - con il quale non è mai andato d'accordo - è un generale in pensione dei Carabinieri. Ha quindi scelto di entrare in polizia come gesto di ribellione. È molto appassionato di musica e, come la madre, suona il violino. Inoltre per sei anni ha lavorato nei servizi segreti: un'attività che lo ha portato in luoghi molto pericolosi all'estero e che lo ha cambiato. Quando inizia il libro è tornato a Milano da circa un anno: la moglie si lamenta che non è più lo stesso e lui stesso cerca di stare lontano dal campo, rintanato dietro la scrivania. Fino a quando il suo capo lo costringe a tornare in azione. Da qui si sviluppa l'indagine al centro di “Finché morte non ci separi”».

Suona il violino come Sherlock Holmes: ha altre caratteristiche peculiari, come altri grandi detective della letteratura?
«Ho cercato di rendere Locatelli il più umano possibile. A lui piace molto la cucina, come Nero Wolfe: è un esperto di risotti. Ama moltissimo i cibi piccanti: ha sempre qualche salsa o peperoncino da aggiungere alle pietanze che si porta in ufficio. Il che lascia i colleghi piuttosto sbigottiti...».

Quindi innaffia di piccante la "schiscetta"...
«Sì, lui porta il cibo da casa perché, all'inizio del libro, è uno che sta molto sulle sue e quindi non va a pranzo con gli altri. Ma piano piano cambierà...».

Quale Milano hai costruito attorno al commissario?
«È una Milano abbastanza realistica. Il romanzo è ambientato alla fine del 2017 e non c'è niente di particolarmente diverso dalla realtà. Salvo i nomi dei commissariati: ho messo dei nomi fittizi al posto di quelli reali».

Che personaggio è, invece, la dottoressa Invernizzi?
«È una psichiatra che ha fatto dei master in Criminologia in California e Canada. Ha il suo studio a Milano ma ha una serie di altri progetti: aiuta le donne maltrattate, fa consulenze pro bono per il tribunale... È molto piena di vita, esuberante ed estroversa: le piace andare alle feste, fa strage di uomini ovunque vada. In questo è decisamente il contrario di Locatelli, che è molto tranquillo e riservato».

Come avviene l'incontro tra i due protagonisti della vicenda?
«È lei a trovare il cadavere che dà l'avvio all'indagine. Essendo due caratteri così opposti, all'inizio non c'è un grande feeling».

Qual è il punto di forza di questo romanzo?
«Rispetto a moltissimi gialli sono molto sviluppate anche le storie personali dei vari personaggi. Non c'è l'indagine nuda e cruda o il personaggio principale che rimane monolitico, come ad esempio Poirot, che sembra una figura quasi senza passato e che si anima solo quando scatta l'inchiesta. Ho voluto evidenziare anche i rapporti interpersonali: non solo quello tra Locatelli e Invernizzi, ma anche tra i vari componenti della squadra d'indagine. Sono intrecci che si sviluppano anche nei volumi successivi».

È il debutto di una serie: cosa puoi anticiparci degli altri volumi?
«Il secondo s'intitolerà "Fratelli coltelli". C'è un doppio motivo: il primo è l'ambientazione nel mondo della ristorazione di lusso, un ristorante molto in voga a Milano. Il secondo è che tutti i personaggi avranno a che fare con i propri fratelli, chi nel bene e chi nel male. Dovrebbe uscire già questa estate».

Un ritmo davvero serrato...
«È vero, ma il vantaggio della serialità è conoscere bene i protagonisti principali. Restano da quindi da creare le figure "extra"».

C'è un personaggio che hai trovato particolarmente sgradevole?
«La moglie odiosa di Locatelli. Che fosse antipatica era chiaro fin dal principio... Avevo intenzione che si auto-eliminasse ma, via via che scrivevo, è diventata sempre più repellente e non l'ho potuta sopportare per più di un libro. Perciò, tra il commissario e la dottoressa, le cose vanno piuttosto in fretta (ride, ndr)».

Gli sviluppi imprevisti dei personaggi...
«Davvero, certe volte fanno delle cose senza nemmeno chiedermi il permesso (ride, ndr)».


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-20 16:29:10 | 91.208.130.87