Foto Rsi
ULTIME NOTIZIE People
ITALIA
6 ore
Facchinetti e quella volta che gli prosciugarono il conto 
Per la prima volta ha rivelato che tre anni fa un suo ex socio lo mise in una situazione molto difficile
ITALIA
11 ore
Costanza Caracciolo a "Verissimo": «Sono al sesto mese»
Aspetta un'altra femminuccia da Bobo Vieri, dopo la nascita di Stella lo scorso anno
STATI UNITI
17 ore
Taylor Swift: «Le donne non sono delle incubatrici»
Secondo la cantante le persone dovrebbero smetterla di chiedere alle donne quando hanno intenzione di avere figli
ITALIA
17 ore
Alfonso Signorini, super allenamento prima del GF Vip 
Il direttore di 'Chi' si concede lunghe sessioni di allenamento con il suo personal trainer, in cui suda tantissimo e si sforza all'inverosimile.
FOTOGALLERY
MONDO
1 gior
Miss Universo, ecco le novanta bellezze a caccia della corona
La sessantottesima edizione del prestigioso concorso si terrà domenica 8 dicembre ad Atlanta. La Svizzera non sarà rappresentata
ITALIA
1 gior
Nina Moric sta male: «Vorrei tornasse tutto a due mesi fa»
La showgirl ha rivelato via social di non stare bene, sta affrontando un periodo difficile
STATI UNITI
1 gior
Nuovo look per Pink
La cantante ha deciso di radersi i capelli e ha condiviso la prima foto della sua 'nuova' testa sui social
STATI UNITI
1 gior
Chris Martin: «Da ragazzino ero omofobo: avevo paura di essere gay»
Il cantante dei Coldplay ha raccontato di alcuni momenti di disagio vissuti nel periodo dell’adolescenza
ITALIA
1 gior
Nathaly Caldonazzo attacca l'ex Andrea Ippoliti: «Mi sono vergognata»
I due, che sono stati concorrenti dell'ultima edizione di "Temptation Island Vip", hanno interrotto la loro relazione durante l'esperienza nel reality di Canale5
CANTONE
05.12.2018 - 11:000

Bosso: «La morte non esiste, è una parte della vita»

Abbiamo incontrato Ezio Bosso in Rsi a Lugano lunedì, poco prima che il compositore, direttore d'orchestra e pianista italiano presentasse il suo nuovo album nell'ambito degli showcase di Rete Uno

LUGANO - Un doppio cd, pianoforte e violoncello, “The Roots (A Tale Sonata)”, pubblicato a inizio novembre da Sony, che il Maestro ha messo a punto con un amico di lunga data, il violoncellista serbo Relja Lukic. «Oggettivamente Relja è uno dei migliori musicisti che abbia mai incontrato - spiega Bosso - Ed è una persona che mi è stata vicina anche nel buio pesto, non a caso ci chiamiamo “brother” (fratello): se io ho ricominciato a fare musica è grazie a lui. È lui che mi ha rimesso al pianoforte… Lui e un altro amico...».

Nell’album troviamo, tra le altre, la “Louage à l’Eternité de Jésus” (parte del “Quartetto per la fine dei tempi”, «una fra le opere strumentali più belle del ‘900»), così come “Al chiaro di luna” di Beethoven. Poi, Bach, Pärt e composizioni originali, ossia “Dreaming Tears In A Crystal Cage”, dedicata a John Cage, e la Sonata per pianoforte e violoncello che dà il titolo all’album.

Maestro, le pongo una domanda che lei stesso prima di realizzare questo nuovo album si è posto: cosa sono le nostre radici (“The Roots”)?

«Non c’è una risposta in realtà. Le radici vanno accettate una volta scoperte: proprio per andare avanti e prendere il volo… In questo album figurano le radici della musica a cui appartengo, ma ci sono anche tanti misteri, e se uno ascolta bene riesce a risolverli…».

Il suo primo ricordo musicale?

«Ne ho talmente tanti che credo di averne persino dal grembo materno… A tre anni, in ogni caso, ricordo di avere ascoltato “Al chiaro di luna”, e a otto, poi, di nascosto dai miei genitori, andai ad acquistarne la partitura…».

Presentando “The Roots”, lei ha affermato che tra le tante cose che l’hanno portata a riflettere sulle sue radici c’è anche la perdita di suo padre…

«La morte del mio babbo è stata un’ulteriore riflessione. Se ci pensiamo bene, i nostri genitori sono la radice più scomoda, quella che cerchi di tagliare e che devi tagliare… Io, poi, ho pensato alla vita del mio babbo, non alla morte: perché per me la morte non esiste, è una parte della vita…».

Che tipo di rapporto aveva con suo padre?

«Avevamo tanta differenza di età… E di conseguenza, non ci si capiva... Aveva però tutta la mia stima incondizionata, nonostante tutte le controversie… Mi ha insegnato come riferirmi a lui non solo come un padre, ma guardandolo come un uomo, come una persona...».

Quali altri compositori avrebbe voluto inserire nell’album?

«Monteverdi - “Sì dolce è ‘l tormento”, in particolare, che, anche se nessuno lo dice mai, è la radice della canzone pop -, così come Mendelssohn… Fosse stato per me, comunque, avrei fatto un cofanetto… (ride)».

 

 

 

 

 


 

 

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-08 01:18:17 | 91.208.130.87