Segnala alla redazione
Keystone
STATI UNITI
25.09.2019 - 06:000

Per Brittany Howard c'è vita dopo gli Alabama Shakes

"Jaimie" della cantante dell'estremo Sud degli States è una prova coraggiosa e piena di begli spunti

 

MONTGOMERY - Fondi una band-culto nella scena indie americana (gli Alabama Shakes), ci vinci pure un Grammy e poi decidi che è giunto il momento di volare con le tue ali.

E così poco prima di compiere 31 anni, Brittany Howard esce con il suo disco solista: “Jaime”. La copertina molto anni '80 non vi tragga troppo d'inganno, però, quello della giovane ateniese (perché è di Athens, Alabama) è un disco molto moderno ma anche irresistibilmente vintage per riverberi e suoni di chitarre.

Come con gli Shakes si tratta di una caleidoscopio di influenze su una base di biscotto R&B e funky ma che qui virano più in direzione hip-hop e avanguardia black più che nello psichedelico.

Non fatevi spaventare se non è proprio easy listening, “Jaime” è uno di quei dischi con tanto da dare e che merita senz'altro di essere sentito con la dovuta calma. Magari in camera sdraiati sul letto e guardando il cielo notturno fuori dalla finestra.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-20 16:45:12 | 91.208.130.89