Immobili
Veicoli
I vini ungheresi protagonisti al CP Bistrot

CUCINA E DINTORNII vini ungheresi protagonisti al CP Bistrot

16.11.21 - 08:20
Venerdì 19 novembre, una serata all’insegna della degustazione.
Cucina e dintorni
I vini ungheresi protagonisti al CP Bistrot
Venerdì 19 novembre, una serata all’insegna della degustazione.
I vini ungarici accompagneranno i piatti dello chef Andrea Cavallasca.

TAVERNE - In Ungheria la tradizione vinicola ha radici molto antiche, cento anni fa era uno dei più importanti produttori di vino in Europa. I vini erano il famoso vino dolce di Tokaji, ma anche gli altri vini bianchi e rossi ungheresi, all’epoca lodati e goduti in tutta Europa.

Oggi la tradizione non è paragonabile hai tempi che abbiamo citato. Però ci sono segnali importanti di ripresa, ad oggi conta su 22 regioni vinicole e moltissime tipologie di vino, alcune delle quali molto interessanti. Un dettaglio poco trascurabile è che L’Ungheria si trova tra il 46 ° e il 49 ° parallelo, il medesimo intervallo di latitudine di molte delle principali regioni vinicole della Francia, dal Rodano del Nord allo Champagne, inoltre le sue colline sono ricche di terreni vulcanici e di tipo calcareo, ideale per la coltivazione della vite.

La selezione delle etichette Ungheresi per la degustazione di venerdì 19 novembre, è curata dalla cantina “Obre d’Uva” di Ivano Carniello.

Per quanto riguarda la proposta gastronomica, selezionata dallo chef del Cp Bistrot da Stefy Bordogna, Andrea Cavallasca, possiamo citare tra le altre: croccante di pesce gatto…; petto d’anatra…; raviolo alla barbabietola…; gulasch secondo me…; cannoncino di sfoglia…

Il legame tra la cucina prelibata e i vini dunque si rinnova per la gioia di tutti gli amanti delle serate enogastronimiche.

La ricetta del mese dello chef Andrea Cavallasca

Paccheri ai pioppini aglio nero fermentato e sbrinz

Ingredienti per 4 persone:

400g paccheri

300g pioppini

Aglio nero fermentato

Sbrinz Qb

Olio Qb

Sale qb

Cuocete la pasta nel frattempo preparate i pioppini lavateli e mettere un padella con dell’olio a scaldare, una volta arrivata a temperatura aggiungete un spicchio di Aglio nero e i pioppini mette un pizzico di sale e una grattata di pepe bianco, fate cuocere per qualche minuto, quando alla pasta mancano un paio di minuti di cottura scolatela e mettetela nella padella con i pioppini, tenete un poi di acqua di cottura e aggiungetela in modo da ultimare la cottura con i pioppini e formare una crema, in ultimo date una grattata o fate delle scaglie di sbrinz e andate a metterle una volta impiattato.

NOTIZIE PIÙ LETTE