Segnala alla redazione
Keystone - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE AvanTI
STATI UNITI
6 ore
Una startup sta lanciando un servizio di backup del cervello che tuttavia è fatale per l’uomo
Nectome è un’azienda in grado di preservare il cervello grazie a una soluzione chimica che può mantenere intatto un corpo per centinaia di anni, ma si tratta di una vera e propria eutanasia
VIDEO
STATI UNITI
3 gior
Gli scienziati creano un’Intelligenza Artificiale da una lastra di vetro
I ricercatori dell’Università del Wisconsin-Madison hanno trovato il modo per creare vetri artificialmente intelligenti che funzionano senza il bisogno di sensori, circuiti e persino dell’elettricità
VIDEO
STATI UNITI
1 sett
Il serpente robot che potrebbe rivoluzionare gli interventi di neurochirurgia
La nuova tecnologia messa a punto dai ricercatori del MIT consiste in un filo per procedure endovascolari rivestito in idrogel e controllato magneticamente che riduce i rischi per medici e pazienti
STATI UNITI
1 sett
Il pilota automatico di Tesla è statisticamente 9 volte più sicuro della guida umana
Tesla ha aggiornato i dati del rapporto sulla sicurezza della guida autonoma: in condizioni di guida medie il pilota automatico sarebbe quasi 9 volte più sicuro di un conducente umano
AVANTI
2 sett
Embrioni modificati geneticamente con il metodo CRISPR per prevenire la sordità
Lo scienziato russo Denis Rebrikov ha informato della possibilità di utilizzare la tecnologia CRISPR per ottenere embrioni privi di una mutazione genetica che rende i nascituri sordi
AVANTI
2 sett
Realizzato un sistema di auto-programmazione modulare per robot sicuri
Un team di ricercatori dell’Università di Monaco ha creato IMPROV, un robot modulare assemblabile a seconda delle esigenze, economico, autoprogrammabile e che può lavorare con le persone senza ferirle
STATI UNITI
3 sett
Il computer quantistico di Google è realtà: risolve in 3 minuti un calcolo di migliaia di anni
Google ha annunciato di aver raggiunto la “supremazia quantistica”, risolvendo con il suo computer quantistico in 200 secondi un calcolo che un supercomputer tradizionale risolverebbe in 10.000 anni
MONDO
3 sett
Il primo “simulatore di universi” AI al mondo che impara da solo ad analizzare i dati
Un team internazionale di scienziati ha creato un software in grado di produrre simulazioni accurate dell’evoluzione dell’universo anche quando vengono modificati i parametri
STATI UNITI
11.07.2019 - 14:230

I coloni di Marte muteranno molto velocemente

Dopo circa due generazioni le loro ossa saranno più robuste, avranno bisogno di occhiali per correggere la miopia, il sistema immunitario non funzionerà bene e la gravidanza sarà più pericolosa

HOUSTON - La colonizzazione umana del Pianeta Rosso ormai non è più solo fantascienza. Elon Musk prevede di inviare esseri umani su Marte entro il 2024 e la NASA intende andarci dopo essere tornata sulla Luna. A prescindere dai propositi e dalle tempistiche, sembra comunque opportuno porsi alcune domande: cosa accadrà ai futuri abitanti di Marte? Quali saranno le possibili implicazioni evolutive sul corpo umano?

Il biologo evoluzionista e professore della Rice University Scott Solomon, in un’intervista pubblicata su Inverse, spiega che vale la pena interrogarsi su che cosa accadrà ai futuri coloni di Marte, soprattutto nel lungo termine, perché i nostri geni potrebbero iniziare a mutare rapidamente per adattarsi al nuovo ambiente.

Nel gennaio 2018, durante un discorso tenuto al TEDx di Houston, Solomon esponeva i possibili cambiamenti evolutivi che i primi coloni marziani potrebbero sperimentare. Dopo circa due generazioni, le loro ossa saranno più robuste, avranno bisogno di occhiali per correggere la miopia dovuta alla deformazione dei bulbi oculari, il sistema immunitario non funzionerà correttamente, la gravidanza e il parto saranno più pericolosi, l’esposizione alle radiazioni, che sono 5.000 volte maggiori di quelle a cui siamo sottoposti sulla terra, potrebbe portare ad un aumento dei tumori.

Ma soprattutto, Solomon sostiene che i coloni marziani non dovrebbero riprodursi con gli esseri umani terrestri. «L’evoluzione è più veloce o più lenta a seconda di quanto sia vantaggioso avere una determinata mutazione», spiega Solomon. «Quindi, se gli umani su Marte svilupperanno mutazioni che aumenteranno le loro probabilità di sopravvivenza sarà positivo, ma allo stesso tempo – continua Solomon – quei geni avranno più importanza di quella che avrebbero altrimenti».

Il contatto con i terrestri potrebbe persino diventare mortale per i marziani, e viceversa, in quanto su Marte non ci sono microrganismi che trasportano le malattie e quindi i coloni saranno sprovvisti di difese immunitarie.

Bisogna comunque dire che non tutte le mutazioni genetiche sono negative e che i coloni marziani potrebbero ottenere benefici essenziali per far fronte alle condizioni ostili del Pianeta Rosso. Ad esempio, potrebbero svilupparsi diversi colori della pelle per proteggere meglio le persone dalle radiazioni, una minore dipendenza dall’ossigeno per adattarsi all’atmosfera, ossa più dense per contrastare la perdita di calcio durante la gravidanza.

Ovviamente al momento si tratta solo di supposizioni. Nel frattempo Solomon suggerisce di usare il progetto CRISP per cercare di simulare scientificamente eventuali mutazioni genetiche.

La conclusione di Solomon sull’argomento è tristemente ironica in quanto egli afferma che se la Terra diventerà inabitabile e dovremo trovare casa su un altro pianeta, l’unico modo per garantire la sopravvivenza a lungo termine della specie umana potrebbe essere quella di diventare una specie completamente diversa.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-19 12:26:55 | 91.208.130.89