mobile report Segnala alla redazione
Amico Animale
08.02.2019 - 19:000

Come mettere a dieta il gatto

I felini, soprattutto anziani, possono tendere a sviluppare uno stato di obesità 

 

I gatti domestici, specie quando raggiungono una certa età, sono soggetti a ingrassare fino a raggiungere un pericoloso stato di obesità. Questo disturbo, però, non è mai causato in maniera esclusiva da una predisposizione genetica del micio, quanto da una serie di cattive scelte in sede nutrizionale da parte del suo padrone. Tuttavia, lo stato di obesità non è irreversibile: cambiare regime alimentare, optando per una dieta più sana, può portare immediatamente dei benefici.

Quando si decide di far dimagrire un gatto, però, non si può semplicemente ridurre la quantità di cibo che compongono i suoi pasti. A questa tradizionale soluzione - definita calorica - che mira in pratica a ridurre i grassi per aumentare i livelli di fibra, va infatti accompagnata una terapia metabolica, ovvero che aiuti il gatto a bruciare i grassi in eccesso. Per raggiungere questo obiettivo è necessario ridurre i carboidrati, per fare in modo che l’organismo del gatto vada a “spendere” i grassi per produrre energia.

Ad ogni modo, prima di iniziare una dieta per il vostro amico felino è sempre meglio consultare il veterinario: lui saprà guidarvi in un percorso che potrà sembrarvi complicato, ma che aiuterà a migliorare la salute del vostro micio.   

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-02-20 07:17:48 | 91.208.130.85