Immobili
Veicoli

AlimenTIamoci correttamenteEpatomegalia: perché il fegato si ingrossa?

21.11.22 - 08:00
L’epatomegalia è un ingrossamento del fegato, che è collocato sotto il diaframma
FN Project
Epatomegalia: perché il fegato si ingrossa?
L’epatomegalia è un ingrossamento del fegato, che è collocato sotto il diaframma

Le condizioni che possono portare ad un fegato ingrossato sono suddivise in tre categorie:

    • Epatopatie, che sono le cause più frequenti, come ad esempio la steatosi epatica;
    • Scompenso cardiaco e ostruzioni al flusso sanguigno;
    • Neoplasie, ossia una crescita incontrollata e scoordinata di alcune cellule epatiche.

Il fegato ha dimensioni che variano in base all’età, al sesso e alle caratteristiche del corpo.

Le cellule epatiche svolgono diverse funzioni, come:

    • La metabolizzazione degli ormoni;
    • La produzione e metabolizzazione del colesterolo;
    • La produzione di bile;
    • La metabolizzazione e inattivazione delle scorie intestinali, derivanti dalla digestione;
    • La costituzione di una riserva di glucosio.

Per garantire il corretto funzionamento, il fegato ha bisogno di 1,5 L di sangue al minuto.

FN Project

Cause
L’epatomegalia è una manifestazione consecutiva ad una malattia preesistente, come la steatosi. In altri casi può essere causata da scompenso cardiaco oppure da neoplasie.

Nel caso si sviluppi l’epatomegalia in seguito a malattie del fegato preesistenti, potremo avere:

    • Steatosi e steatoepatite alcolica

La steatosi comporta un accumulo patologico di trigliceridi e quindi grasso, a livello delle cellule epatiche.
La causa più frequente è il consumo eccessivo di alcol, che compromette la funzione metabolica dell’organo.
L’accumulo di trigliceridi può portare ad una risposta infiammatoria, nota come steatoepatite.

Se l’infiammazione non viene curata, può diventare cronica, e portare ad una fibrosi e successivamente ad una cirrosi epatica.

    • Steatosi e steatoepatite non alcolica

La steatosi e la conseguente infiammazione, può essere causata anche da condizioni di:

 

    •  Cirrosi epatica

La cirrosi si manifesta attraverso uno stiramento e una modifica della struttura del fegato.

Nei casi gravi di cirrosi, il fegato risulta più piccolo e duro, a causa della trazione che le cicatrici esercitano sull’organo.

 

    • Epatiti virali A, B, C e virus della mononucleosi.
    • Epatomegalia da scompenso cardiaco e da ostruzioni al flusso sanguigno.

Lo scompenso cardiaco è lo stadio finale delle malattie cardiache, per cui i muscoli del cuore non riescono più a pompare il sangue a tutti gli organi.

La pericardite, invece impedisce al cuore di pompare il sangue in maniera adeguata, causando un accumulo di sangue attorno al fegato.
L’ostruzione delle vene sopraepatiche, invece, porta ad un ingrossamento del fegato e ad un’ipertensione.

    • Epatomegalia da neoplasie come nel caso di leucemia, linfoma o da metastasi del fegato.

 Fattori di rischio

I fattori di rischio dell’epatomegalia possono essere::

    • L’eccessiva assunzione di alcol.
    • L’eccessiva assunzione di farmaci, vitamine, integratori o fitoelementi.
    • Le infezioni virali, batteriche o parassitarie.
    • L’epatiti virali A, B e C e la mononucleosi.
    • I disturbi dell’alimentazione, come l’obesità e il sovrappeso.

 

Abbiamo ideato il metodo IMMUNE SYSTEM DIET. Il metodo permette di dimagrire, alleviare problematiche gastrointestinali e ripristinare corretti valori ematici tramite la scelta degli alimenti corretti al proprio sistema immunitario. Puoi contattarci al numero 0763602900 (anche su whatsapp) oppure inviare una mail a info@fnproject.ch.

Abbiamo scritto un eBook che spiega in maniera approfondita il metodo dando suggerimenti utili su come impostare la propria alimentazione. È possibile scaricarlo gratuitamente cliccando QUI.

FN Project

Sintomi
I sintomi dell’epatomegalia dipendono dalle cause scatenanti. Un fegato ingrossato porta generalmente ad una sensazione di pienezza e di malessere addominale.

In base alla propria condizione clinica e alla gravità della situazione si potrà manifestare:

    •  dolore addominale,
    •  stanchezza,
    •  nausea e vomito,
    •  diarrea o stipsi,
    •  segni di colestasi come l’ittero, il prurito, le urine scure e feci chiare,
    •  segni di cirrosi e di ipertensione.

Cura

Il trattamento dell’epatomegalia prevede un’eliminazione dei fattori scatenanti.

In particolare se l’epatomegalia è la conseguenza di una steatosi alcolica, sarà necessario eliminare l’alcol dalla dieta; se invece è la conseguenza di una condizione di obesità o di sindrome metabolica, sarà indispensabile adottare una dieta che vada a ridurre il colesterolo e i trigliceridi.

Nei casi di ipertensione e cirrosi epatica, la cura sarà indirizzata alla prevenzione di possibili complicazioni come le emorragie intestinali.

FN Project

Prevenzione

Per ridurre il rischio di sviluppare una malattia epatica, bisognerà:

    • attenersi ad un’alimentazione salutare;
    • Limitare l’assunzione di integratori, vitamine e fitoelementi che vengono metabolizzati dal fegato;
    • Evitare un abuso di farmaci;
    • Limitare il contatto con sostanze chimiche tossiche, come ad esempio la candeggina.

Dal punto di vista alimentare

L’alimentazione riveste un ruolo chiave, sia come prevenzione che come cura. In particolare bisognerà:

    1. Limitare il consumo di alcolici.
    2. Diminuire il consumo di grassi saturi.
    3. Prediligere il consumo di cibi ricchi di fibre alimentari, carboidrati complessi (meglio se integrali), proteine soprattutto vegetali e acidi grassi polinsaturi (come la frutta secca e i semi oleosi).

 

CONTATTI

Tel: 0763602900 (anche su whatsapp)

Per prenotare un primo appuntamento gratuito con il nostro nutrizionista cliccare QUI

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE