Immobili
Veicoli

AlimenTIamoci correttamenteLe fibre alimentari solubili: benefici e dove trovarle

03.10.22 - 08:00
Le fibre alimentari sono zuccheri complessi che si trovano nelle pareti cellulari delle piante e dei frutti
FN Project
Le fibre alimentari solubili: benefici e dove trovarle
Le fibre alimentari sono zuccheri complessi che si trovano nelle pareti cellulari delle piante e dei frutti

L’uomo non possiede enzimi digestivi in grado di digerire le fibre. Ma ciò non vuol dire che non facciano bene all’organismo. Infatti le fibre hanno effetti benefici sul microbiota intestinale in quanto contribuiscono al processo di fermentazione diventando delle vere e proprie alleate per il benessere dell’organismo.

Le fibre alimentari non sono tutte uguali, bensì si possono suddividere in base al grado di solubilità e di fermentazione da parte dei batteri intestinali. Ci saranno fibre solubili e insolubili e fibre che fermentano di più o di meno, producendo quantità di gas differenti.

FN Project

 Quali sono le fibre solubili?
Le fibre solubili sono:

    • La pectina, che è un carboidrato presente nella buccia di molti frutti e utilizzato spesso nelle marmellate per la sua capacità di addensare,
    • Gli amidi non digeribili, contenuti nel mais, nelle patate, nel riso e nel grano,
    • L’inulina, che è un oligosaccaride in grado di ridurre i depositi di colesterolo e trigliceridi nel sangue,
    • Gli alginati, che sono sali presenti nelle alghe scure,
    • Le mucillagini, che si trovano sia nelle alghe che nei semi oleosi,
    • Le gomme, che si trovano sotto la corteccia delle piante e vengono utilizzate dalla pianta stessa come elemento di difesa dalle lesioni.


 Quali sono le caratteristiche delle fibre solubili?
Le fibre solubili si sciolgono nei liquidi, formando un gel viscoso ma non sono in grado di trattenere l’acqua. Tuttavia sono altamente fermentabili e quindi producono molti gas nell’intestino.

FN Project

 Quali sono le funzioni delle fibre solubili?
Le fibre solubili svolgono diverse funzioni:

    • Hanno un effetto probiotico in quanto attraverso il processo di fermentazione si generano acidi grassi a catena corta e alcoli che forniscono energia all’organismo e riducono l’immissione di glucosio nel sangue da parte del fegato.
    • Aumentano il senso di sazietà, riducendo i picchi glicemici postprandiali e la risposta insulinica.
    • Intervengono nel metabolismo dei carboidrati e dei lipidi, riducendo l’assorbimento degli alimenti. In particolare riducono l’assorbimento del colesterolo LDL, attraverso i betaglucani (una tipologia di fibre solubili).
    • Rallentano l’assorbimento dei carboidrati, riducendo l’indice glicemico del pasto.
    • Abbassano il ph dell’intestino e ostacolano la crescita dei batteri patogeni.
    • Rallentano il transito intestinale e quindi vengono consigliate spesso a chi soffre di diarrea.
    • Visto l’elevato potere saziante, permettono di ridurre il peso corporeo.

 

Per questo motivo abbiamo ideato il metodo IMMUNE SYSTEM DIET. Il metodo permette di dimagrire, alleviare problematiche gastrointestinali e ripristinare corretti valori ematici tramite la scelta degli alimenti corretti al proprio sistema immunitario. Puoi contattarci al numero 0763602900 (anche su whatsapp) oppure inviare una mail a info@fnproject.ch.

Abbiamo scritto un eBook che spiega in maniera approfondita il metodo dando suggerimenti utili su come impostare la propria alimentazione. È possibile scaricarlo gratuitamente cliccando QUI.

FN Project

 Quali sono gli alimenti ricchi di fibre solubili?
Tra gli alimenti più ricchi di fibre solubili ci sono:

    • Le lenticchie,
    • I fagioli,
    • Le cipolle,
    • I ceci,
    • I carciofi,
    • I piselli.

 Quali sono gli effetti indesiderati legati ad un consumo eccessivo di fibre solubili?
Essendo le fibre solubili ad alta fermentazione, producono dei gas che possono creare gonfiore addominale, meteorismo e flatulenza.
Nei pazienti affetti da colite ulcerosa si consiglia di limitare l’assunzione di fibre solubili in quanto possono creare delle lesioni intestinali e peggiorare la situazione clinica.
Le fibre solubili ricche di acido fitico, come i legumi (fagioli, piselli e lenticchie), legano i sali minerali come ferro e calcio impedendone il loro assorbimento e quindi favorendo l’anemia e l’osteoporosi. 

 

CONTATTI

Tel: 0763602900 (anche su whatsapp)

Per prenotare un primo appuntamento gratuito con il nostro nutrizionista cliccare QUI

 

Articolo a cura FN Project – Nutrition Centre 
 

NOTIZIE PIÙ LETTE