+ 44
ULTIME NOTIZIE Motori
TEST DRIVE
1 gior
Toyota C-HR 2.0L Hybrid, crescono prestazioni e ambizioni
Con il restyling di metà carriera arriva il sistema ibrido da 184 cv, che assicura una bella iniezione di brio insieme ad una guida più fluida e piacevole. Aggiornati anche design e tecnologie.
TEST DRIVE
3 gior
EQC 400, anche per Mercedes arriva il “pieno” di corrente
La prima elettrica della Casa sfoggia un carattere a tratti esuberante grazie ai 408 cv dei due motori elettrici, senza trascurare una valida autonomia. Comfort ed accoglienza di qualità.
TEST DRIVE
6 gior
V60 D4 Cross Country, oltre i confini
L’accogliente wagon svedese declinata nell’allestimento crossover si lascia apprezzare per l’isolamento aggiuntivo, senza perdere le conosciute ad apprezzate qualità stradali delle altre versioni.
TEST DRIVE
1 sett
Mazda3 Skyactiv-X, arriva la rivoluzione nel motore a scoppio
La nuova media giapponese porta in dote il 2.0 benzina con accensione spontanea da 180 cv, che promette più efficienza e minori consumi. Abitacolo accogliente, bagagliaio sufficiente.
TEST DRIVE
1 sett
Ford Ranger Raptor, fascino e qualità d’Oltreoceano
Allestito da Ford Performance, è rinforzato, allargato, rialzato per un look tutto muscoli: in 4x4 è spettacolare, ma va bene anche su asfalto. Forte di un 2.0 TD da 213 cv con cambio a 10 marce.
TEST DRIVE
1 sett
Porsche 911 GT2 RS, in pista a Misano Adriatico
Una giornata da piloti: abbiamo provato la più potente delle 911 affrontando cordoli e staccate, gestione delle gomme ed esuberanza dei 700 cv del suo boxer 3.8 biturbo. Ecco come è andata.
PRIME IMPRESSIONI
2 sett
Renault Captur, cambia tutto tranne lo stile
La seconda generazione del crossover segue la scia della Clio e conserva un design “di casa”, in verità evoluto per stile e dimensioni accresciute. Con comfort e accoglienza in evidenza.
Novità
2 sett
Anche Mazda si dà all’elettrico: arriva il crossover MX-30
Strizza l’occhio al fuoristrada ma insiste sulla linea sportiva, ispirata alle coupé. Sotto il cofano un’unità elettrica da 143 cv. Sarà in vendita dalla seconda metà dell’anno prossimo.
Novità
22.02.2019 - 06:000

M di razza per le BMW Suv di taglia media

X3 e X4 si apprestano a vestire la miglior livrea M con il nuovo 3.0 sei cilindri biturbo da 480 cv. Con la massima sportività di settore nel mirino nelle varianti Competition da 510 cv.

Il blasonato reparto sportivo M “nobilita” le due Suv intermedie più recenti della marca bavarese, conferendo loro prestazioni e capacità stradali di altissimo profilo, addirittura prevedendone una speciale versione ulteriormente spinta. Le varianti sportive delle Suv bavaresi entreranno in produzione il prossimo aprile e saranno con tutta probabilità presenti allo stand della marca all’imminente Salone di Ginevra.

Che cuore batte dunque sotto il cofano dei due modelli?
“Appena” tre litri di cilindrata, ma contraddistinto da una grinta fuori dell’ordinario: a muovere X3 e X4 – le due Suv condividono la meccanica e gran parte della stessa architettura costruttiva – provvede il nuovo sei cilindri in linea biturbo sviluppato dalla divisione M, accreditato dunque di ben 480 cavalli nella versione standard e 510 cv in quella Competition. Livelli che mettono le tue BMW sullo stesso livello della miglior concorrenza di settore. Le prestazioni sono di gran respiro, con scatto da 0 a 100 km/h assicurato in 4,2 secondi e punta massima di 250 km orari, nonostante il peso delle due auto prossimo alle 2 tonnellate. Questo vale per le M standard, perché l’iniezione di 30 cv supplementari consente di abbassare ulteriormente i tempi di accelerazione fino a 4,1 secondi. Con il pacchetto M Driver, inoltre, è possibile liberare la velocità massima che sale pertanto a 280/285 km orari a seconda del livello di potenza.

Standard cambio automatico e trazione integrale.
Su questi due fronti non si sceglie e per entrambe le vetture la “ricetta” BMW prevede per l’appunto l’impiego della trasmissione Steptronic a 8 rapporti insieme alla trazione integrale xDrive. Quest’ultima, in ogni caso, include due distinte modalità di funzionamento, ispirate quanto meno in parte a quanto già visto a bordo della M5: in condizioni normali la coppia motrice è ripartita su entrambi gli assali, mentre la soluzione Sport invia la spinta unicamente al retrotreno per ottenere la conduzione più sportiva possibile. Dove tra l’altro viene impiegato un differenziale a slittamento limitato a controllo elettronico, per accentuare ulteriormente l’anima grintosa di X3 e X4 M. L’elettronica di bordo resta comunque vigile e ripristina pressoché in tempo reale la suddivisione di coppia sulle quattro ruote non appena rileva sbandamenti eccessivi, in modo da conservare i più alti livelli di stabilità e sicurezza. Oltre alle novità estetiche tipiche degli allestimenti M, come paraurti e specchietti specifici, le nuove Suv tedesche ad alte prestazioni dispongono di dettagli esclusivi tra cui finiture nere, cerchi in lega da 20” (21” per le Competition), scarico sportivo, sospensioni adattive e impianto frenante M compound con dischi anteriori da 395 mm di diametro.

Guarda tutte le 48 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-21 23:48:26 | 91.208.130.85