Keystone
SVIZZERA
08.06.2018 - 12:170

Accordi tra banche sui tassi di cambio: i dati di Credit Suisse alla COMCO

Il TAF ritiene che la presunzione d'innocenza viene rispettata, così come il principio di proporzionalità

SAN GALLO - Credit Suisse dovrà fornire dati relativi alle transazioni sulle valute alla Commissione della concorrenza (COMCO). Il Tribunale amministrativo federale (TAF) ha respinto il ricorso dell'istituto di credito nell'ambito di un'inchiesta su sospetti accordi illeciti fra banche in merito ai tassi di cambio.

Credit Suisse sosteneva che la decisione della COMCO violasse il divieto di autoincriminazione e il principio di proporzionalità. In una sentenza pubblicata oggi, il TAF conferma le richieste della COMCO. Quest'ultima ha precisato espressamente che i dati servirebbero unicamente a stabilire il livello di un'eventuale sanzione. La presunzione di innocenza viene quindi rispettata.

Esiste inoltre la possibilità di ricorso contro una decisione definitiva della COMCO, fanno notare i giudici di San Gallo. La banca potrà quindi difendersi contro l'utilizzo dei dati. Il TAF aggiunge che le informazioni sul commercio di valute possono essere ottenute indipendentemente dalla volontà del Credit Suisse.

Nel marzo del 2014, la COMCO aveva aperto un'inchiesta per sospetti accordi illeciti sui tassi di cambio contro Credit Suisse e altre banche. I sospetti riguardavano in particolare «lo scambio di informazioni riservate e il coordinamento generale per l'acquisto e la vendita di valute a un livello di prezzo concordato».

La sentenza del TAF non è definitiva e può essere attaccata davanti al Tribunale federale.

Cerca lavoro in Ticino su www.tuttojob.ch
Tags
comco
suisse
credit
credit suisse
dati
taf
cambio
accordi
tassi
banche
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES

Ultimo aggiornamento: 2018-06-18 19:14:42 | 91.208.130.87