Keystone
UNIONE EUROPEA
09.03.2018 - 18:520

I falsi dati sulle emissioni? Sono costati 50 miliardi a 11 Paesi

I test non attendibili sulle emissioni dei veicoli hanno mandato in fumo moltissimi soldi provenienti dalle tasse di circolazione

BRUXELLES - Undici Paesi dell'Unione europea hanno perso almeno 50 miliardi di euro in tasse di circolazione dal 2010 al 2016, a causa di test non attendibili sulle emissioni dei veicoli. Lo sostiene un rapporto del gruppo dei Verdi-Libera Alleanza Europea (Efa) dell'Europarlamento, come riferisce il sito ambientalista BusinessGreen.

Le tasse di circolazione in molti Paesi europei dipendono dalle emissioni inquinanti dei veicoli, per spingere i costruttori a realizzare mezzi più puliti. Fino al 2017, le auto vendute nell'Unione europea dovevano essere sottoposte ai test NEDC, condotti in laboratorio. Dopo lo scandalo Dieselgate, scoppiato nel 2015, la Ue nel settembre 2017 ha varato test più severi, la procedura WLTP.

Secondo il rapporto dei Verdi-Efa, i controlli più laschi sulle emissioni previsti fino al 2017 hanno portato a minori entrate fiscali per 50 miliardi di euro dal 2010 al 2016 in 11 Paesi (Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Lussemburgo, Olanda, Spagna, Svezia, Regno Unito). Solo nel 2016 i Paesi in questione avrebbero perso complessivamente 10 miliardi di tasse.
 
 

Cerca lavoro in Ticino su www.tuttojob.ch
Commenti
 
Evry 6 mesi fa su tio
Avanti tutta, fate sempre ciò che detta ed impone la CE, in particolare le imposizione dei più intelligenmti .... GERMANICI i quali nell'ultimo secolo hanno già dato prova di tanto ed altro !
Tags
emissioni
paesi
miliardi
tasse
test
tasse circolazione
veicoli
circolazione
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -  Cookie e pubblicità online  -  Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-09-25 09:48:12 | 91.208.130.87