Reuters
ULTIME NOTIZIE Economia
SVIZZERA
45 min
Stoxx Europe 50, Richemont al posto di Vodafone
L'indice raccoglie le più grandi imprese europee: ci sono già ABB, Nestlé, Novartis, Roche, UBS e Zurich Insurance
AUSTRIA
2 ore
La pandemia non ha risparmiato nemmeno le Palle di Mozart
La Salzburg Schokolade, che produce industrialmente il celebre cioccolatino, ha dichiarato bancarotta
MONDO
12 ore
Non è più Zurigo la città più cara del mondo
Al primo posto della classifica, influenzata anche dalle conseguenze della pandemia, è Tel Aviv
Svezia/Stati Uniti
14 ore
Rivelati i migliori artisti del 2021 secondo gli ascolti di Apple e Spotify
In entrambe le classifiche si è distinta la cantante emergente Olivia Rodrigo. Album di 20 anni fa sono tornati in auge
SVIZZERA
18 ore
Quest’anno sotto l'albero troveremo buoni, Lego e AirPods
Galaxus ha analizzato il comportamento dei clienti online, prevedendo i regali più quotati in Svizzera
STATI UNITI
21 ore
Perché SpaceX è a rischio bancarotta
Tutto dipende dallo sviluppo del motore Raptor che, al momento, è «francamente un disastro»
CANTONE
1 gior
Sia NFT, che rivista: l'idea che arriva da Lugano
Si tratta di un progetto della società con sede a Lugano The Cryptonomist, in collaborazione con l'italiana ArtRights
Canada
1 gior
Zara, Adidas e LVMH sono coinvolte nella deforestazione dell'Amazzonia
Gli alberi vengono abbattuti per fare spazio ai capi di bestiame grazie ai quali si producono borse, scarpe e portafogli
UNIONE EUROPEA
1 gior
Dalla Commissione europea, 300 miliardi per i Paesi in via di sviluppo
Il piano si chiama "Global Gateway" vuole essere «una scelta positiva per lo sviluppo delle infrastrutture»
SVIZZERA
26.10.2021 - 21:250
Aggiornamento : 27.10.2021 - 08:02

La sete senza fine di microconduttori che frena le ditte e fa ricco chi ci specula

La crisi dei chip raccontata dall'interno di un'azienda svizzera colpita: «Sono settimane che le macchine sono spente».

Con tempi d'attesa di oltre due anni, c'è chi si rivolge ai venditori privati e speculatori: «I prezzi alle stelle, ma anche loro stanno finendo le scorte».

Fonte 20 Minuten/Fabian Pöschl
elaborata da Filippo Zanoli
Giornalista

ZURIGO -  Servono per fare quasi tutto, ma nel mondo ce ne sono sempre meno e anche la Svizzera non fa eccezione. In questo periodo di carenza endemica di materie prime che riguarda molte aziende svizzere e anche ticinesi, chi basa il proprio ciclo produttivo sui chip si trova impantanato, con poche prospettive di alleggerimento nel medio termine. 

«Sono settimane che le macchine sono spente», racconta in via anonima a 20 Minuten un operaio di un'azienda che lavora con i microconduttori, «tempi d'attesa dal produttore sono di 100 settimane, è una cosa ormai normale». Per questo, chi ne ha davvero bisogno, acquista le giacenze da rivenditori privati a prezzi stratosferici: «prima si pagavano 80 centesimi l'uno, oggi si arriva anche a 300 franchi».

In questo momento di crisi, il cosiddetto “mercato grigio” - ovvero quello degli intermediari non ufficiali - «non è mai stato così dominante». Il loro modus operandi: acquisto in massa dai produttori cinesi poi rimozione del numero di serie e rivendita, dopo speculazione, con un ricavo enorme: «Ma anche loro stanno svuotando i magazzini», conferma la fonte, «se entro la fine dell'anno non ci sarà una svolta le cose inizieranno a farsi davvero grame».

Un'eventualità, questa, tutt'altro che campata per aria e che aveva già portato il presidente Parmelin a ventilare l'ipotesi di un ritorno al lavoro ridotto. Nel frattempo anche in Ticino arriva l'allarme dei rivenditori di automobili, che soffrono le ripercussioni di uno dei settori che sono stati investiti più duramente dalla carenza di materie prime, e che minaccia rincari.

Ma piuttosto che dipendere dall'estero e dal lontano oriente, non varrebbe la pena investire di modo da realizzare i chip se non in Svizzera almeno in Europa, evitando i colli di bottiglia internazionali? In teoria sì, anche se la produzione dei chip è una cosa estremamente complessa che richiede sforzi economici e know-how importanti

È ottimista Swico, l'associazione dei fornitori svizzeri di materiali Ict, interpellata da 20 Minuten: «Ci aspettiamo che entro il 2022 l'Unione Europea si muova in questo senso, con un framework che lanci la produzione nel Vecchio Continente», spiega l'amministratrice delegata Judith Bellaiche, «come impatterà sui prezzi? Al momento, visto che si tratta di prodotti già cari, il margine di guadagno resta e quindi non ci sono ancora stati ritocchi. Ma in futuro le cose potrebbero cambiare».

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-02 08:43:54 | 91.208.130.86