AFP
DANIMARCA
10.11.2021 - 11:050

Vittoria rinviata, la Danimarca reintroduce il "coronapas"

Luce verde dal parlamento danese per il ripristino dello stato di "minaccia critica" nei confronti del Covid-19.

L'obbligo di certificazione per accedere a bar, ristoranti e luoghi d'aggregazione sarà nuovamente in vigore nel Paese nordico da venerdì.

COPENHAGEN - La Danimarca non ha ancora sconfitto il Covid-19. Il Paese nordico, che due mesi esatti fa aveva abolito tutte le restrizioni imposte dalla pandemia, è tornato oggi sui propri passi e - alla luce di un deciso peggioramento della situazione epidemiologica - ha nuovamente dichiarato il Covid una "minaccia critica", aprendo così le porte anche al ritorno del "coronapas", il certificato Covid danese.

La maggioranza delle forze politiche dell'arco parlamentare danese, come era stato anticipato nelle ultime 36 ore, ha dato il proprio appoggio alla volontà espressa lunedì sera dalla premier Mette Frederiksen, che aveva rivolto il suo appello a quella fetta (minoritaria) della popolazione danese che ancora non si è vaccinata contro il coronavirus. La commissione nazionale sull'epidemia del legislativo danese, scrive il portale "The Local", ha dato il via libera in queste ore.

«Non c'è altro modo per dirlo. Quelli fra voi che ancora non si sono vaccinati lo facciano» perché «le cose per voi si faranno più difficili», aveva affermato lunedì la premier, in quello che era un chiaro riferimento alla necessità di reintrodurre il "pass" sanitario, che sarà nuovamente obbligatorio - a partire da venerdì - per accedere a ristoranti, bar, locali pubblici e attività aggregative in generale.

Il ripristino dello stato di "minaccia critica", si legge sul quotidiano online danese, resterà in vigore per un mese, al termine del quale le autorità saranno chiamate a rivalutare la situazione.

Tanti vaccinati, ma non abbastanza
La Danimarca è uno dei Paesi che può vantare una percentuale di popolazione del tutto immunizzata contro il Covid fra le più alte del Vecchio continente. Stando alle cifre di OurWorldInData, oltre il 76% dei cittadini ha completato il ciclo vaccinale. I numeri sono elevati, ma evidentemente non ancora sufficienti per raggiungere la tanto agognata soglia dell'immunità di gregge, la cui asticella è stata spinta verso l'alto dall'avvento della variante Delta, da mesi dominante in tutto il pianeta.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-06 12:41:11 | 91.208.130.87