Immobili
Veicoli
keystone-sda.ch (Michael Kappeler)
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
LIVE CORONAVIRUS
LIVE
Austria, una lotteria con buoni da 500 euro per convincere i non vaccinati
La figlia neonata di Boris Johnson sarebbe stata alle prese con un «brutto» contagio da Covid-19
MONDO
23 min
I morti per Covid-19 potrebbero essere molti di più di quello che pensiamo
Le vittime della pandemia, secondo un confronto pubblicato su Nature, potrebbero essere arrivate a quota 20 milioni
TONGA
1 ora
Travolto dallo tsunami, racconta un'odissea di 24 ore
L'incredibile storia narrata da un 57enne tongano ad un'emittente radio locale
ITALIA
2 ore
I rapper Baby Gang ed Ezza in manette a Milano con l'accusa di rapina
L'arresto avvenuto nel Milanese. I furti compiuti in gruppo ai danni di ragazzini per le vie della movida milanese
STATI UNITI
3 ore
«Un'invasione dell'Ucraina? Putin la pagherà a caro prezzo»
L'ipotesi di Joe Biden è che la Russia stia per entrare in Ucraina, ma «sarà una decisione che pagherà a caro prezzo»
FOTO
NUOVA ZELANDA
4 ore
Quel che resta di Tonga, nelle prime foto da terra
I soccorsi sono infine riusciti ad arrivare, altri arriveranno presto, mentre sull'isola l'acqua inizia a scarseggiare
SRI LANKA
5 ore
Il dilemma dello Sri Lanka: ripagare il debito o comprare i beni essenziali?
La mancanza dei turisti stranieri causa Covid (e dei dollari) ha causato una reazione a catena, con effetti devastanti
MONDO
10 ore
La resistenza agli antibiotici uccide più di 1,2 milioni di persone ogni anno
È quanto emerso dal primo studio che ha valutato a livello globale il fenomeno
STATI UNITI
11 ore
Biden conferma Kamala Harris: «Insieme anche nel 2024»
Polemiche spente. Il presidente, nel bilancio del suo primo anno, ha speso parole positive per la vicepresidente
GERMANIA
24.03.2021 - 19:000

«È stato un errore», la retromarcia sotto pressione di Merkel

La revoca della decisione del governo per una Pasqua "blindata" è arrivata dopo un fuoco incrociato di critiche

La cancelliera ha convocato questa mattina un vertice a sorpresa con i Länder e ha chiesto scusa ai cittadini.

BERLINO - Il 24 marzo 2021 resterà con ogni probabilità ben stampato nei ricordi di Angela Merkel. All'indomani della decisione, fortemente voluta dalla cancelliera tedesca, di stringere ulteriormente la vite in vista del periodo delle festività pasquali, tutta la frustrazione della Germania - che, lo ricordiamo, si trova in stato di lockdown dal 16 dicembre scorso - si è riversata questa mattina sui titoli dei giornali, che in apertura hanno attaccato frontalmente la strategia del governo. Poche ore dopo, a sorpresa, Merkel ha fatto un passo indietro, revocando tutto.

Un piano - quello concordato dopo oltre dodici lunghe ore di trattative tra Berlino e i rappresentanti dei Länder - «senza coraggio e senza idee» ha tuonato la Bild. Il conservatore Die Welt lo ha etichettato come «stupido». Mentre la Süddeutsche Zeitung ha riassunto il tutto con un perentorio «dodici ore e molta frustrazione».

I due giorni della discordia
E nel mirino delle critiche non ci sono finite solo le restrizioni, ma soprattutto la decisione di istituire due "Ruhetage" in aggiunta ai giorni festivi già in calendario. Uno stop che il mondo economico ha subito bersagliato e che è stato messo in dubbio da alcuni Stati federati che lo ritenevano inapplicabile.

Nel mezzo di un fuoco incrociato di pressioni, il risveglio di Merkel non sarà stato dei più rilassati. Sulla cancelliera, che vive un momento politicamente poco sereno dopo il crollo accusato dal suo partito alle recenti regionali, pesa anche la diffusa frustrazione di una popolazione che ormai vive "sotto chiave" da quasi tre mesi e mezzo. Una serie di tasselli del domino allineati che questa mattina sono crollati innescando la convocazione di un vertice blitz con i Länder.

«È stato un errore. Chiedo scusa»
A quel punto il "mea culpa" di Merkel è stato immediato. «È stato un errore» e quindi «deve essere chiamato come tale» e «corretto per tempo». Poi è stata la volta delle scuse. «So che questo procura dell'altra insicurezza e chiedo perdono a tutti i cittadini e a tutte le cittadine», ha detto la cancelliera dopo l'incontro con i Länder, confermando la revoca dei due "Ruhetage", che ha riconosciuto essere non realizzabili «in così poco tempo».

Ma anche i ministri presidenti dei Länder, o perlomeno alcuni di loro, hanno riposto l’ombrello per mettersi sotto la pioggia al fianco di Angela Merkel. «Credo sia necessario che tutti si scusino» ha detto il presidente bavarese, Markus Söder, ricordando che la decisione era stata presa in modo collegiale dagli Stati. E sulla stessa linea si sono schierati anche Winfried Kretschmann e Armin Laschet, rispettivamente ministri-presidenti del Baden-Württemberg e del Nordreno-Westfalia. «Tutti abbiamo concordato» le misure e «tutti abbiamo espresso preoccupazione», ha rimarcato il numero uno dell’Unione Cristiano-Democratica. Però «alla fine tutti e sedici abbiamo detto: “Facciamo così”».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Cai Cai 10 mesi fa su tio
I nostri governanti, dovrebbero prendere lezioni da questa signora.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-20 11:41:57 | 91.208.130.86