Keystone - foto d'archivio
REGNO UNITO
21.10.2019 - 21:050

Aborto e matrimonio gay in Irlanda del Nord

È l'effetto della paralisi del governo e del parlamento locali di Belfast che trasferisce ora temporaneamente la potestà legislativa al parlamento britannico

LONDRA - Cadono dalle 0.00 di domani 22 ottobre le restrizioni imposte dalla legge nazionale in Irlanda del Nord sull'aborto e contro i matrimoni gay. È l'effetto della paralisi del governo e del parlamento locali di Belfast, bloccati da quasi tre anni dal mancato rinnovo della coalizione d'unità nazionale fra la destra unionista protestante del Dup e la sinistra repubblicana cattolica dello Sinn Fein.

Una paralisi prolungata che trasferisce ora temporaneamente la potestà legislativa sul territorio nordirlandese al parlamento britannico, dove un'ampia maggioranza ha già votato a favore dell'estensione della depenalizzazione pressoché totale dell'interruzione di gravidanza in Ulster e della fine del divieto delle nozze fra persone dello stesso sesso.

In concreto le nuove norme avranno effetto a livello operativo nel 2020, ha precisato oggi il ministro britannico per l'Irlanda del Nord, Julian Smith, ma da stanotte sono in vigore.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-06-03 12:57:51 | 91.208.130.85