Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
19 min
Google dichiara guerra alle fake news
Il colosso americano stinge i bulloni sulle pubblicità a carattere politico su tutte le sue piattaforme
STATI UNITI
26 min
Aiuti a Kiev, un testimone smonta la difesa di Trump
Secondo Laura Cooper, vice assistente segretario alla Difesa, il presidente ucraino sapeva del blocco degli aiuti militari da parte degli USA
STATI UNITI
2 ore
Psicologa avrebbe guardato film porno con lo stupratore che aveva in cura: denunciata
«Lei lo teneva in pugno», afferma l'avvocato del 55enne, dietro le sbarre per una violenza sessuale perpetrata nel 1988
SPAGNA
10 ore
Furgoncino esce di strada, finisce sui binari e viene travolto da un treno: due morti
L'incidente è avvenuto a Manzanares, a sud di Madrid. La vettura circolava su una strada che corre parallela alla ferrovia
ITALIA
11 ore
Esplosione e vittime nella fabbrica di fuochi d'artificio
Al momento sono 5 i morti accertati
ITALIA
12 ore
Meningite fulminante a 27 anni: «È stata uccisa in sei ore»
La giovane è morta lunedì scorso dopo aver contratto l'infezione. Tutte le persone entrate in contatto con lei sono sottoposte a profilassi
STATI UNITI
15 ore
L'associazione dei medici Usa ha chiesto il bando totale delle e-cig
Che cita 2'000 casi di malattie polmonari e 40 morti legate allo svapo: «Dobbiamo toglierle dalle mani dei ragazzi»
FOTO
GERMANIA
15 ore
È polemica per i cimeli di Hitler ed Eva Braun all'asta
Fra un cappello a cilindro del führer e la borsetta di sua moglie c'è chi la trova «una perversa mancanza di gusto»
STATI UNITI
06.11.2019 - 16:250

Il MoMA compie 90 anni e torna alle origini radicali

Nel 1929 è stato immaginato dalle fondatrici come un luogo dove l'arte moderna doveva "andare e venire"

NEW YORK - Al giro di boa del novantesimo compleanno, il MoMA torna alle origini riscoprendo l'anima radicale dell'epoca della fondazione.

Il 7 novembre 1929 è stato immaginato dalle fondatrici come un luogo dove l'arte moderna doveva "andare e venire". Il museo sulla 53esima strada e' uscito come un "work in progress" dalla sua ultima (e quinta ristrutturazione) completata appena in tempo per l'anniversario.

Dal 1929 il MoMA ha continuamente ridefinito l'idea di museo di arte moderna nella cultura contemporanea occidentale. All'inizio (e fino al 1952) non aveva una collezione permanente: il primo direttore, Alfred Barr, lo immaginava come «un siluro che avanza nel tempo: la punta e' il presente in continua evoluzione, la coda il passato che arretra di 50, 100 anni».

L'idea di Barr era di vendere opere vecchie di oltre 50 anni ad altri musei come il Metropolitan e il Whitney, per comprare creazioni di artisti viventi. Il primo direttore considerava gli spazi a sua disposizione come un laboratorio per l'esplorazione delle varie forme della produzione artistica.

Da allora il MoMA ha continuato a allargarsi sia in metratura che in focus abbracciando installazioni, concettualismo, performance e video-art.

Da ultimo, la rivoluzione culturale del nuovo look da 450 milioni di dollari che utilizza il progetto dello studio Diller, Scofidio +Renfro per trascendere il canone dell'arte occidentale intrecciandone la narrazione con "altre voci e prospettive": non più un universo, ma un "pluriverso" in cui c'è spazio per donne, asiatici, latino-americani, afro-americani, accanto a beniamini del pubblico come "Les Demoiselles d'Avignon" di Pablo Picasso e la "Notte Stellata" di Vincent van Gogh.

Tutto comincio' il 7 novembre di 90 anni fa quando Abby Aldrich Rockefeller e le amiche Lillie P. Bliss e Mary Quinn Sullivan affittarono uno spazio al dodicesimo piano dell'Heckscher Building su Fifth Avenue e 57esima strada, quello dove oggi si trova Bulgari.

"Le Ladies", come erano soprannominate allora, aprirono il nuovo museo al pubblico nove giorni dopo il crollo di Wall Street con una mostra sanzionata da loro di capolavori dei maestri del Modernismo.

Passarono 10 anni prima che il MoMA si insediasse dove si trova oggi, in un appezzamento di proprietà della famiglia Rockefeller, con un progetto realizzato dagli architetti Philip L. Goodwin ed Edward Durell Stone e oltre 20 prima del primo nucleo della collezione permanente.

Nel 1964 Philip Johnson disegnò l'Abby Aldrich Rockefeller Sculpture Garden. Prima dell'ultimo rinnovo, aveva messo le mani agli spazi il giapponese Yoshio Taniguchi, con un ampliamento pari a 58mila metri quadri.

Nelle ultime trasformazioni l'unica costante e' rimasta Glenn Lowry: 65 anni e al timone dal 1995, l'anno scorso e' stato prorogato per altri 7 anni. Lowry resterà in carica fino al 2025: un'estensione temporale tanto lunga da renderlo il direttore per più tempo al servizio dell'istituto.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-21 08:08:13 | 91.208.130.89