Keystone
STATI UNITI
22.07.2019 - 18:080

«Huawei ha aiutato la Corea del Nord con la rete 3G»

Lo rivela il Washington Post. La violazione delle sanzioni a Pyongyang complicherebbe i rapporti tra Stati Uniti e Cina

WASHINGTON - Huawei ha aiutato la Corea del Nord a costruire e mantenere la sua rete wireless 3G: negli ultimi otto anni ha curato diversi progetti nel Paese guidato da Kim Jong-un insieme ad un'altra big cinese, Panda International.

L'indiscrezione del Washington Post piove come una doccia fredda su Huawei e su Donald Trump: le rivelazioni alimentano infatti i dubbi su possibili violazioni delle sanzioni americane a Pyongyang e rischiano di complicare la strada per un accordo commerciale fra Stati Uniti e Cina, impegnate in una guerra che vede al centro proprio il colosso delle telecomunicazioni.

Secondo documenti riservati forniti da un ex dipendente di Huawei al Washington Post, i rapporti fra il gigante cinese e la Corea del Nord affondano le radici nel 2006, con la creazione della società nordcoreana Koryolink, nata poco dopo la visita segreta di Kim Jong-il, il padre di Kim Jong-un, al quartier generale di Huawei a Shenzhen, in Cina.

Koryolink ha avviato ufficialmente le sue attività nel 2008 come joint venture fra l'egiziana Orascom e la Korea Post and Telecommunications Corp, controlla da Pyongyang. Una joint venture in cui la cinese Panda ha avuto un ruolo cruciale. Huawei ha usato Panda per fornire alla Corea del Nord antenne e apparecchiature per Koryolink, offrendo allo stesso tempo software e servizi di manutenzione della rete.

I rapporti di fiducia fra Huawei e Pyongyang si sono intensificati negli anni, tanto che il governo nordcoreano ha chiesto al colosso cinese di sviluppare un protocollo codificato e protetto così da allentare i timori di spionaggio nei confronti del regime. Nei documenti di Huawei visionati dal Washington Post non si fa riferimento diretto alla Corea del Nord, identificata invece con il nome in codice 'A9'.

Huawei, da parte sua, smentisce le rivelazioni: «Non abbiamo alcuna attività» in Corea del Nord e «siamo impegnati a rispettare tutte le leggi nei Paesi in cui operiamo, inclusi i limiti all'export e le sanzioni». Ma la smentita non sembra destinata ad avere grande effetto, soprattutto per le grandi aziende hi-tech americane che cercano di ottenere dalla Casa Bianca le licenze necessarie per superare i divieti imposti con l'iscrizione del gigante cinese nella lista nera del commercio.
 
 

Commenti
 
Bayron 4 sett fa su tio
Un motivo in più per sabotare Huawei!
Rhodium 4 sett fa su tio
@Bayron Ecco un altro povero filo americano che si beve tutte le cazzate
Bayron 4 sett fa su tio
@Rhodium Un povero..... sarai tu. Io non insulto nessuno e anche se dissento, rispetto le idee degli altri.
Rhodium 4 sett fa su tio
@Bayron Povero nel senso che non hai senso critico se credi a tutte le fesserie made in USA.
Rhodium 4 sett fa su tio
Gli Yankee le provano tutte pur di mettere zizzania.
Bayron 4 sett fa su tio
@Rhodium Già come i russi...
miba 4 sett fa su tio
Questa mi puzza tanto di fake news........
Bayron 4 sett fa su tio
@miba Se lo dici tu... sarà così...
miba 4 sett fa su tio
@Bayron Ma dai, sii realista! Fino a pochissimo tempo fa la Corea del Nord aveva un sistema telefonico ed internet disastrati ed ora improvvisamente sarebbero stati sommersi dalla tecnologia Huawei??? Dai, facciamo i seri.....
Bayron 4 sett fa su tio
@miba Sarà...
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-08-20 01:20:07 | 91.208.130.87