Keystone
Il giorno del giudizio per Christian Sewing.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
20 min
Cambiamento climatico: per il 56% degli americani bisogna agire «subito»
STATI UNITI
1 ora
Stati Uniti: l'attacco al petrolio saudita non favorisce l'incontro Trump-Rohani
TUNISIA
1 ora
Presidenziali tunisine: crolla l'affluenza
SERBIA
2 ore
Gay Pride di Belgrado: incidenti prima del corteo
ARABIA SAUDITA
2 ore
Produzione di petrolio dimezzata: Riad userà le riserve
STATI UNITI
2 ore
Ritrovati oltre 2'200 resti di feti in casa di un medico abortista
TERRITORI PALESTINESI
3 ore
Israele legalizza un avamposto in Cisgiordania
RDC
3 ore
Battello affonda nel Fiume Congo: 36 dispersi
CINA
4 ore
Il bando Usa a Huawei alla fine potrebbe favorire l'hi-tech asiatico
REGNO UNITO
5 ore
«Usciremo dall'Ue come farebbe Hulk»
STATI UNITI
6 ore
Si fa da sé una maglia dell'Uni e a scuola lo bullizzano, l'ateneo gli offre una borsa di studio
CINA
7 ore
A Hong Kong in migliaia in strada sfidano il divieto della polizia
STATI UNITI
9 ore
In California le università dovranno fornire la pillola del giorno dopo
STATI UNITI
10 ore
Pompeo: «C'è Teheran dietro agli attacchi alle raffinerie saudite»
ARABIA SAUDITA
10 ore
Riad ferma la produzione nelle raffinerie colpite
GERMANIA
23.05.2019 - 20:090

Deutsche Bank si rinnova: «Pronti a tagli pesanti»

Davanti agli azionisti (insoddisfatti) il Ceo dell'istituto ha annunciato oggi il ridimensionamento del ruolo dell'investment banking

BERLINO - Anche per Deutsche Bank è arrivato il redde rationem, il giorno del giudizio davanti all'assemblea generale degli azionisti. E il Ceo dell'istituto di Francoforte ha fatto l'unica cosa che rimaneva da fare: prendere il toro per le corna. È così che, di fronte all'insoddisfazione e all'impazienza degli azionisti emersa durante l'assemblea di Francoforte, il Ceo Christian Sewing ha cercato di parare il colpo con un passo importante: annunciando il ridimensionamento del ruolo dell'investment banking nell'istituto.

«Siamo pronti a tagli pesanti», ha detto stamattina di fronte agli azionisti e "intendiamo accelerare la trasformazione indirizzando la nostra banca in modo coerente verso i settori più redditizi e in crescita, che sono di particolare rilevanza per i nostri clienti", ha proseguito.

L'investment banking, secondo Sewing, deve proseguire solo in alcuni settori. In altre direzioni occorrerà fare tagli mirati e ridimensionare i costi, ha detto senza entrare nei dettagli. Ha precisato invece che la società di gestione dei patrimoni DWS rimarrà parte di Deutsche Bank anche se ci saranno accorpamenti con altre società. «La nostra Deutsche Bank ha bisogno di un chiaro orientamento, è una banca che è del tutto indirizzata ai bisogni dei clienti e al tempo stesso meno soggetta alla volatilità», ha aggiunto.

Adeguare la strategia sull'investment banking è una mossa tardiva ma che va nella giusta direzione, ha detto un'azionista dell'istituto di Francoforte, Alexandra Annecke del fondo di investimento Union Investment: «Deutsche Bank non si può più permettere il lusso di un investment banking nella dimensione attuale». Gli azionisti fremono di impazienza per più di una ragione: il titolo in borsa ha toccato minimi record, gli scandali che vedono coinvolta la banca si susseguono sulla stampa a cadenza mensile, i manager si sono suddivisi bonus da capogiro, mentre i colloqui per la fusione con Commerzbank sono finiti con un nulla di fatto.

L'insoddisfazione si concentra soprattutto sul presidente dell'organo di sorveglianza, Paul Achleitner. Da giorni il manager austriaco, in Deutsche Bank dal 2012, è bersaglio delle critiche dei grandi azionisti che non approvano la sua gestione degli ultimi anni. Durante il discorso davanti all'assemblea il presidente ha ammesso i suoi errori: «Ho fatto errori negli ultimi sette anni? Si, ne ho fatti. Sono la causa di tutti i mali? No». La stampa tedesca sottolinea che Achleitner da anni viene ciclicamente preso di mira, ma riesce a passarla liscia. E anche stavolta ce l'ha fatta anche se la riconferma l'ha spuntata con il 71,6% dei voti, segno di un malumore crescente rispetto a un anno fa, quando si aggiudicò oltre l'84%. E anche Sewing perde terreno: ha ricevuto il 75% dei voti contro il 95% di un anno fa.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-15 19:06:33 | 91.208.130.85