Keystone
GIAPPONE
15.05.2019 - 10:100

Novartis: 308 mila franchi per un'iniezione di Kymriah

È la prima terapia genetica per certe forme di leucemia

ZURIGO - I malati giapponesi affetti da certe forme di leucemia potranno farsi curare in futuro col Kymriah, una terapia genetica messa a punto da Novartis. Dopo numerose trattative, è stato deciso che il sistema nazionale sanitario nipponico dovrà sborsare 33,5 millioni di yen (circa 308 mila franchi) per un'iniezione di questo preparato.

In una nota odierna, il gigante farmaceutico basilese si dice contento di poter vendere questa nuova terapia nel paese del Sol Levante dopo alcune settimane di trattative.

Negli Stati Uniti, il Kymriah è disponibile a 475 mila dollari e in Francia il prezzo provvisorio stabilito nel gennaio scorso ammonta a 320 mila euro (circa 360'000 franchi).

Kymriah è stato omologato in Svizzera lo scorso ottobre come prima terapia genetica in assoluto al costo di 370 mila franchi. Il prezzo aveva provocato la reazione di Thomas Cerny, presidente della fondazione Ricerca svizzera contro il cancro, che aveva parlato di un'esagerazione.

A suo avviso questo genere di cure andrebbe lasciato alla medicina universitaria e non alle aziende. Con Kymriah Novartis non ha infatti brevettato una pillola, bensì un procedimento.

La terapia si basa su linfociti T: queste cellule immunitarie vengono estratte dal sangue del paziente e riprogrammate geneticamente per colpire il tumore; in seguito vengono moltiplicate e iniettate nell'organismo, dove contrastano la malattia. Il metodo d'approccio comporta oneri elevati e ha gravi effetti collaterali. Per i pazienti affetti da leucemia è quindi spesso l'ultima speranza.

Lo scorso 19 di gennaio, in un'intervista alla "Handelszeitung", il CEO di Novartis Vas Narasimhan aveva chiesto una revisione profonda dei meccanismi riguardanti i prezzi dei farmaci, non escludendo pagamenti scaglionati per i trattamenti più onerosi, o il loro rimborso in caso di efficacia insufficiente.

Oltre al Kymriah, Novartis potrebbe anche chiedere l'omologazione di un altro trattamento genico sperimentale, il Zolgensma (AVXS-101), volto a combattere l'atrofia muscolare spinale di tipo uno. La tariffa potrebbe superare il milione di franchi. Sviluppato dal laboratorio americano Avexis, è stato acquisito nel maggio 2018 per 9 miliardi di dollari (circa 8,92 miliardi di franchi).

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-07-19 06:06:23 | 91.208.130.87