Keystone / AP
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
6 ore
Trump contro i senzatetto: «Rovinano il prestigio delle città»
ITALIA
7 ore
Prove di dialogo tra Conte e Macron
STATI UNITI
8 ore
La Fed taglia (ancora) i tassi e fa arrabbiare Trump
STATI UNITI
9 ore
«Il muro mette a rischio i siti archeologici dell'Arizona»
NIGERIA
9 ore
Donne in piazza contro i "killer degli hotel"
KENYA
9 ore
Questo cucciolo di zebra non ha le strisce, è a pois
STATI UNITI
10 ore
L'appello di Greta al Congresso: «Ascoltate la scienza»
REGNO UNITO
10 ore
Immagine neonazi contro Harry in tv, la Bbc si scusa
STATI UNITI
11 ore
I 75 miliardi immessi dalla Fed nel sistema finanziario Usa stanno dando i loro frutti
SPAGNA
11 ore
La Spagna torna al voto, Sánchez chiede una «maggioranza più chiara»
ITALIA
11 ore
Oscurato Xtream Codes, trasmetteva il calcio pirata via web
FRANCIA
12 ore
Al vertice del Consiglio d'Europa solo donne: è la prima volta
STATI UNITI
12 ore
Aborti al minimo dalla legalizzazione del 1973
ISRAELE
13 ore
Lieberman: «Un governo con Likud e Blu e Bianco è l'unica opzione»
STATI UNITI
13 ore
Trump nomina il successore di Bolton: è Robert O'Brien
FRANCIA
20.11.2018 - 10:570

Ghosn «non è in condizione di dirigere Renault»

Il ministro dell'Economia Bruno Le Maire chiederà «l'attuazione immediata di una governance temporanea»

PARIGI - Carlos Ghosn «non è in condizione di dirigere Renault»: lo dice il ministro francese dell'Economia, Bruno Le Maire, dopo lo scandalo legato ad una sospetta frode fiscale che travolge lo storico manager del gruppo automobilistico in Giappone.

«Chiederò l'attuazione immediata di una governance temporanea. Oggi, Carlos Ghosn, non è in condizioni di dirigere» l'impresa. Intervistato da France Info, Le Maire ha tuttavia tenuto a precisare che non chiede ancora l'uscita formale dell'uomo simbolo del comparto automobilistico francese.

«Non abbiamo prove e siamo in uno stato di diritto. Se i fatti fossero confermati, sarebbe di notevole gravità». Lui pure ha riferito di aver chiesto una «verifica della situazione fiscale» di Ghosn in Francia, che però non ha svelato nulla di anomalo.

Ieri, il presidente francese, Emmanuel Macron, ha promesso «estrema vigilanza» rispetto alla stabilità del gruppo Renault, di cui lo Stato francese è azionista al 15%.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-19 05:13:40 | 91.208.130.85