keystone-sda.ch / STF (Altaf Qadri)
Ancora record di contagi in India: ora gli Usa promettono aiuti rapidi.
INDIA
25.04.2021 - 10:310
Aggiornamento : 16:05

Ancora numeri da record, e gli Usa offrono aiuto

Quasi 350mila positivi in 24 ore, nessun paese al mondo fa peggio

NEW DELHI - La curva dei contagi continua a crescere in India: nelle ultime 24 ore si sono sfiorati i 350mila casi, portando il totale dall'inizio della pandemia a 16,96 milioni, secondo gli ultimi dati raccolti dalla Johns Hopkins University di Baltimora. Si tratta purtroppo di cifre record a livello mondiale per il quarto giorno consecutivo.

I decessi nell'ultimo giorni sono stati 2'767: non erano mai stati così alti dall'inizio dell'emergenza sanitaria. Le vittime totali del Covid-19 sono 192'311.

L'aiuto degli Usa

Gli Stati Uniti hanno promesso di «distribuire rapidamente» aiuti al personale sanitario indiano, sollecitato oltre misura in questi giorni. Il segretario di Stato Antony Blinken ha twittato: «I nostri cuori sono rivolti al popolo indiano nel mezzo dell'orribile epidemia di Covid-19. Stiamo lavorando a stretto contatto con i nostri partner nel governo e forniremo rapidamente ulteriore supporto al popolo indiano e agli eroi dell'assistenza sanitaria dell'India». Gli ospedali sono al collasso ed è grave la carenza di ossigeno per i pazienti intubati, tanto che è stata necessaria la creazione di treni speciali carichi di preziose bombole, denominati "Oxygen Express".

La variante indiana

Il primo ministro indiano Narendra Modi ha affermato che l'India è scossa da quella che laggiù è la seconda ondata della pandemia e che si dovrebbe dare la priorità alle prove scientifiche per combattere il virus. Modi, spiega l'agenzia stampa Reuters, non dimentica l'ottimismo ed è sicuro che il paese «uscirà presto da questa crisi» grazie all'aiuto di tutti. A colpire duramente è una variante del coronavirus, la B.1.61, che è stato ribattezzata "variante indiana" e che è stata individuata anche in Svizzera nelle scorse settimane.

In queste ore si vive un dramma nel dramma: quello delle sepolture. Molti cadaveri non vengono tumulati per mancanza di spazio ed è avvenuto che fossero bruciati in strada.

 

keystone-sda.ch / STF (Altaf Qadri)
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-19 04:26:29 | 91.208.130.89