Guardia di finanza
Agenti al lavoro.
ITALIA
17.07.2019 - 18:190

Migranti trattati come bestie, quattro arresti in due centri

Sono finiti in carcere accusati a diverso titolo di associazione a delinquere finalizzata alla truffa e autoriciclaggio in concorso. Dieci gli indagati in stato di libertà

IMPERIA - Trattati come animali, facendo loro mangiare polmone e frattaglie di pollo che, dice il magistrato «non daremmo nemmeno ai gatti». E se si lamentavano, botte e umiliazioni. Con l'operazione 'Patroclo' la Guardia di finanza di Imperia ha messo la parola fine alle umiliazioni e alle vessazioni inflitte ai migranti ospitati nei centri di accoglienza gestiti dalla cooperativa sociale piemontese Caribù il cui responsabile, con sorella e fidanzata, e un avvocato di Torino sono finiti in carcere accusati a diverso titolo di associazione a delinquere finalizzata alla truffa e autoriciclaggio in concorso.

Secondo la Guardia di finanza, sul milione e 700 mila euro di fondi pubblici erogati per la gestione dei centri di accoglienza se ne sono intascati 1,3 milioni che sono serviti a pagare i mutui di immobili acquistati nel Ponente ligure ma anche biancheria intima e altri oggetti personali. Gianni Morra, 62 anni, residente a Cuneo, la sua compagna Manuela De Mita, 48 anni di Asti, l'avvocato torinese Guido Tabasso, 67 anni e la sorella di Morra, Antonella, 58 anni avevano creato il meccanismo perfetto: comunicavano quotidianamente alla prefettura, raddoppiandolo, il numero dei migranti presenti nei centri di Sanremo e Vallecrosia e sovrafatturavano i costi solo parzialmente affrontati per erogare ai migranti i servizi previsti in base all'appalto pubblico. Dieci gli indagati in stato di libertà: tra questi anche una ex funzionaria della Prefettura di Imperia e due commercialisti che fungevano da consulenti.

Intanto, dalle intercettazioni emergono particolari raccapriccianti. Come quella della conversazione tra Morra e Tabasso: «...Nella riunione - dice Morra -, io seduto e loro tutti in piedi. A un certo punto dico "questa è una famiglia", qua e là su e giù. Esce fuori uno con il dito puntato (riferito a un migrante, ndr) e mi dice: 'il business è tuo, guadagni te i soldi' [...]. L'ho preso per i capelli, gli ho tirato un calcio nelle giunture delle gambe, si è inginocchiato da solo...». E Tabasso «...Eeh appunto...». Ancora Morra: «... subito, subito! Poi stava andando via questo qua ... vieni un po' qua! gli ho detto. Vai a cambiarti va! che adesso ti faccio diventare bianco, dai il bianco ai muri!».

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-08-26 09:44:30 | 91.208.130.85