ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
INDIA
20 min
Chandrayaan 2: la sonda indiana dei record è in orbita e diretta verso la Luna
STATI UNITI
33 min
Microsoft investe 1 miliardo nella OpenAI di Elon Musk
STATI UNITI
45 min
«Huawei ha aiutato la Corea del Nord con la rete 3G»
INDIA
1 ora
Quattro anziani linciati a morte: pensavano fossero stregoni
STATI UNITI
2 ore
Google, Intel e Qualcomm alla Casa Bianca per parlare di Huawei
SPAGNA
2 ore
Pedro Sánchez tende la mano a Podemos e non cita la Catalogna
STATI UNITI
2 ore
Tweet «offensivi» verso afroamericani e musulmani: Miss Michigan detronizzata
STATI UNITI
3 ore
Attacco hacker, Equifax patteggia 700 milioni di dollari
STATI UNITI
4 ore
Crollano gli investimenti cinesi negli Usa
ITALIA
4 ore
Caos treni, gli anarchici: «È bastata una sigaretta»
ISLANDA / STATI UNITI
5 ore
In Islanda una lapide per il ghiacciaio scomparso e un messaggio ai posteri
REGNO UNITO
5 ore
Aggressioni sessuali, incriminato deputato conservatore
REGNO UNITO
5 ore
La Stena Impero deve essere «rilasciata immediatamente»
GERMANIA
5 ore
Falso allarme bomba, evacuata sede della Linke
FRANCIA
6 ore
Greta Thunberg al parlamento francese: da destra si invita a boicottarla
SUD AFRICA
03.03.2016 - 17:590
Aggiornamento : 18:32

Pistorius, respinto l'ultimo ricorso

La più alta corte del Paese ha respinto la richiesta di revisione "in quanto non ha alcuna possibilità di successo"

PRETORIA - La Corte costituzionale, la più alta istanza processuale del Sudafrica, ha respinto il ricorso di Oscar Pistorius contro il verdetto per omicidio volontario emesso nel processo di appello per la morte di Reeva Steenkamp. Lo ha dichiarato uno degli avvocati dell'atleta, che il 18 aprile conoscerà la sua sentenza. Pistorius ora rischia 15 anni di carcere.

L'avvocato Andrew Fawcett ha detto che dopo la decisione dell'Alta corte di respingere il ricorso, "si procederà con la sentenza".

Pistorius, 28 anni, è ricorso presso la Corte costituzionale dopo che in dicembre la Corte d'Appello lo ha riconosciuto colpevole di omicidio volontario, scardinando il verdetto di primo grado che parlava di omicidio colposo e rovesciando la sentenza a cinque anni di reclusione. Nella richiesta di ricorso la difesa di Pistorius affermava che la Corte d'Appello ha compiuto errori giuridici nel non valutare gli elementi emersi nel processo di primo grado. E che aveva sbagliato nel ritenere che 'Blade Runner' non potesse non essere cosciente che stava uccidendo.

La sentenza di primo grado - da molti considerata troppo clemente - condannava Pistorius a 5 anni per una fattispecie di reato che incrociava l'omicidio colposo con l'eccesso di difesa: in sostanza, Pistorius fu punito per non aver verificato dove fosse Reeva prima di sparare e di aver ecceduto, pur in preda alla paura, nella reazione a una semplice intrusione (presunta) in casa sua. In sostanza, l'impianto di primo grado diede ampio credito alla versione della difesa sulla 'buona fede' di Pistorius.

Una costruzione, questa, che il giudice Lorimer Eric Leach ha demolito il 3 dicembre scorso in appello leggendo in aula a Bloemfontein - capitale giudiziaria del Sudafrica - il verdetto: la fatidica notte di San Valentino del 2013 Pistorius era cosciente di uccidere, indipendentemente da chi credesse di colpire. Non poteva cioè non sapere che sparando quattro colpi nell'angusto spazio di un bagno attraverso una porta chiusa avrebbe ucciso con ogni probabilità. Che dietro la porte ci fosse Reeva o un semplice rapinatore, come il paratletatleta ha sempre sostenuto di credere, non cambia la sostanza. Dalle sue motivazioni non sembra però dimostrata la premeditazione dell'omicidio di Reeva, che l'accusa ha riproposto, neppure come risultato di una crisi di ira al culmine di una furibonda lite.

In Sudafrica la pena minima per l'omicidio volontario è di 15 anni, ma il giudice che commina la pena ha la facoltà di ridurla se intervengono "circostanze eccezionali".

Pistorius sta aspettando la sentenza del 18 aprile agli arresti domiciliari in casa dello zio.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-07-22 18:53:41 | 91.208.130.85