Immobili
Veicoli

REGNO UNITORyanair punta il dito contro gli aeroporti: «Avevano un solo compito»

25.07.22 - 16:16
Disagi, ritardi e voli cancellati, le responsabilità si rimbalzano tra le compagnie aeree e gli scali europei.
Imago
Ryanair punta il dito contro gli aeroporti: «Avevano un solo compito»
Disagi, ritardi e voli cancellati, le responsabilità si rimbalzano tra le compagnie aeree e gli scali europei.
La carenza di personale di terra secondo Neil Sorahan, capo economico della compagnia low cost irlandese, sarebbe all'origine del caos scoppiato in estate.

LONDRA - Le polemiche attorno al caos che sta colpendo gli aeroporti europei non si placano. Alcuni scali, in particolare quello londinese di Heathrow, comunicano che il peggio dovrebbe essere passato. È iniziata quindi la caccia al responsabile. Il capo economico di Ryanair, Neil Sorahan, non ha usato giri di parole attribuendo le responsabilità dei disagi direttamente agli aeroporti e ai governi. Secondo Sorahan il personale di terra non era pronto numericamente per affrontare la stagione. Era «l’unica cosa che dovevano fare» ha aggiunto il dirigente. 

La carenza di personale - «I piani di volo erano noti da mesi, serviva solo aumentare il personale di sicurezza e i gestori del controllo», sostiene ancora il responsabile. Ryanair «aveva tutto il personale a disposizione, operando 3mila voli al giorno», mentre gli scioperi «hanno avuto un impatto minimo». La carenza di personale delle strutture aeroportuali ha causato vari disagi al traffico aereo, provocando interruzioni, ritardi e cancellazioni su base quotidiana durante gli ultimi mesi.

Un portavoce dell'Airport Operators Association (AOA), che rappresenta la maggior parte degli aeroporti del Regno Unito, ha dichiarato: «La stragrande maggioranza dei passeggeri nel Regno Unito ora parte per le vacanze senza interruzioni». Alludendo alla ripresa parziale della attività. Il portavoce ha aggiunto poi che era «essenziale» che l'industria lavorasse insieme per riempire i restanti posti di lavoro, anche per il personale di assistenza a terra.

Una collaborazione difficile - Neil Sorahan non è però dello stesso avviso. Il dirigente della compagnia low cost ha affermato che l’estate stava andando a gonfie vele con profitti fino a 170 milioni di euro fino alla fine di giugno. «Il problema più grande» ha ammesso alla BBC «è stato l’interruzione del controllo del traffico aereo in tutta l’Europa». Il dirigente della compagnia low cost irlandese si è lamentato soprattutto per quanto riguardo la pianificazione. Un aspetto che secondo lui si poteva gestire meglio: «Siamo riusciti a fornire personale per 73 velivoli aggiuntivi con largo anticipo e spetta agli aeroporti migliorare la loro pianificazione il prossimo anno».

Le difficoltà dopo la pandemia - Dopo aver perso migliaia di posti di lavoro durante la pandemia, l'industria dei viaggi si è ritrovata in serie difficoltà per reclutare e formare nuovo personale abbastanza rapidamente da tenere il passo con la domanda in aumento.

Le accuse si rimbalzano e nessuno vuole assumersi le responsabilità per una situazione che è decisamente degenerata. Le compagnie aeree erano state accusate di accettare più prenotazioni di quante ne potevano gestire. Mentre gli aeroporti sono stati criticati di non aver reagito in tempo alla ripresa dei voli dopo i due anni di pandemia. 

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE DAL MONDO