Immobili
Veicoli

TUNISIARogo nella sede del partito, un morto

09.12.21 - 21:57
Tragico incendio nel quartier generale di Ennahda a Tunisi. Diciotto i feriti, tra cui due politici di spicco
keystone
TUNISIA
09.12.21 - 21:57
Rogo nella sede del partito, un morto
Tragico incendio nel quartier generale di Ennahda a Tunisi. Diciotto i feriti, tra cui due politici di spicco

TUNISI - Una persona è morta e altre 18 sono rimaste ferite nell'incendio scoppiato oggi nella sede centrale di Ennahda, a Tunisi, nel quartiere Montplaisir. Tra i feriti anche due figure di spicco del partito islamico, che sulla propria pagina Facebook ha annunciato la morte nel rogo di uno dei suoi"militanti", un ex impiegato alla reception, classe 1970.

Il ministero dell'interno ha reso noto che il suo corpo"carbonizzato" è stato trovato nell'edificio. I media tunisini hanno citato fonti giudiziarie secondo cui la persona si era"data fuoco al piano terra" dell'edificio.

L'ex primo ministro e vicepresidente di Ennahda, Ali Laarayedh, è stato ricoverato in ospedale dopo essere saltato dal secondo piano dell'edificio per sfuggire alle fiamme, così come il capo del consiglio direttivo Abdelkarim Harouni, hanno detto i compagni di partito.

Un corrispondente dell'Afp ha visto il fumo uscire dalle finestre dell'edificio nel centro di Tunisi mentre la gente cercava di saltare fuori.

Il leader del partito Rached Ghannouchi, presidente del parlamento sospeso della Tunisia, ha detto ai giornalisti che l'uomo morto è stato"un'altra vittima della povertà, dell'emarginazione e di un'altra ingiusta guerra mediatica".

Ghannouchi ha detto che l'uomo"ha trascorso 10 anni in prigione per il suo attivismo contro la dittatura" di Zine El Abidine Ben Ali, ma un decennio dopo la rivoluzione che ha rovesciato il sovrano di lunga data,"non aveva nulla, nemmeno il minimo livello di dignità".

Ghannouchi non si trovava nell'edificio al momento dell'incendio, ha detto il funzionario di Ennahda Mondher Lounisi. Il ministero dell'interno di Tunisi ha annunciato l'apertura di un'indagine sulle cause del rogo.

Ennahda, un movimento di opposizione bandito all'epoca dell'ex presidente deposto Ben Ali, è stata la più grande forza nel parlamento tunisino da poco dopo la rivoluzione tunisina del 2011. Ha svolto un ruolo centrale nella politica nazionale fino a quando il presidente Kais Saied il 25 luglio scorso ha licenziato il premier, sospeso il parlamento e assunto una serie di poteri.

L'incendio è arrivato tre giorni dopo che il partito aveva avvertito che nei suoi confronti era in corso una campagna orchestrata di"diffamazione" volta a portare Ennahda fuori dalla politica nazionale.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE DAL MONDO