SCOZIA
21.05.2013 - 09:170
Aggiornamento : 25.11.2014 - 05:47

"More Light", un bagliore nell’oscurità dei Primal Scream

La band non rientrava in studio dal 2008, e lo fa con un cambio nella formazione

GLASGOW - Bobby Gillespie (voce) narra il concepimento e le registrazioni di More Light, il nuovo album della sua band, i Primal Scream, pubblicato il 10 maggio scorso.

 

Non rientravano in studio dal 2008, momento in cui diedero alle stampe Beautiful Future (B-Unique/Atlantic Records). Da quegli istanti però qualcosa è cambiato: la line-up, innanzitutto, ha visto Gary Mounfield (Mani, basso) dimettersi dalle fila del combo, (s)vendendosi alla nuova vita degli Stone Roses. A sostituirlo è Simone Butler, anche se in prima battuta pare che Bobby Gillespie, Andrew Innes (chitarra), Martin Duffy (tastiere) e Darrin Mooney (batteria) avessero optato per Debbie Googe (My Bloody Valentine), ma Gillespie smentisce: “I media fraintesero, Debbie si limitò unicamente a prendere parte a una serie di show nel corso della scorsa estate… Tutto qui…”. E intanto, i Primal Scream, con il reclutamento temporaneo di Jason Faulkner al basso e una serie di ospiti (Robert Plant, Kevin Shields e Mark Stewart), già da qualche tempo si trovavano alle prese con la genesi di una produzione ammaliante: “Il rock’n’roll e la psichedelia stanno da sempre alla base della nostra struttura compositiva, ma gli arrangiamenti orchestrali trainano More Light (First International/Ignition/Phonag) in un limbo più sofisticato, più cinematografico, direi…”, mi spiega Gillespie poco dopo l’inizio della nostra interurbana.

 

Bobby, perché questo titolo?

In passato, i nostri testi nascevano dalla paranoia, dalla negatività… Anche More Light ha iniziato a prendere forma all’interno del medesimo contesto ma, a differenza delle produzioni precedenti, d’un tratto si è schiuso, individuando un bagliore nel mezzo di una densa oscurità…

 

Quando è iniziato il concepimento dell’album?

Parte del materiale risale ai primi mesi del 2010, momento in cui ci spostammo a Belfast per incominciare a lavorare ai brani con la produzione di David Holmes…

 

Dove si sono svolte le registrazioni?

Tra Londra (Das Bunker) e Los Angeles (Vox Studios)… Molto gradualmente, aggiungerei…

 

Cosa vuoi dire con questa tua ultima affermazione?

Che anche in studio ci prendiamo il nostro tempo, rielaborando più volte ogni composizione fino a raggiungere la versione definitiva…

 

Quali sono le maggiori influenze musicali confluite nel disco?

Nel corso delle session ascoltavo Bobbie Gentry e Laura Nyro, ma non credo risuonino nell’album… In questi termini, citerei Beatles, Temptations e John Coltrane…

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-22 03:48:44 | 91.208.130.87