Keystone
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO 
35 min
«Le mascherine contro il virus vanno a ruba anche a Lugano»
Il confronto con la Bahnhofapotheke Zürich è di 24mila pezzi contro 300. Ma anche alla farmacia della stazione c'è stato l'assalto "cinese"
CANTONE/ITALIA
53 min
La ticinese Elly Schlein è la più votata in Emilia Romagna
Diverse le esperienze politiche già messe alle spalle, anche in ambito europeo
BELLINZONA
2 ore
Sacchi sul Viale, pochi i trasgressori: «Per loro 200 franchi di multa»
Il capo-dicastero Christian Paglia traccia un bilancio positivo a 8 mesi dall’introduzione dei cassonetti interrati nel centro storico: «Prossimi passi Bellinzona e Giubiasco. Poi tutti i quartieri»
CANTONE
4 ore
«Ridiamo vita ai nuclei tradizionali»
Il PLR, con un'iniziativa parlamentare, chiede d'introdurre degli incentivi finanziari per sostenere i lavori di restauro degli edifici
CANTONE
4 ore
Sei stato in Cina e non stai bene? «Non andare dal medico, chiamalo»
Arrivano le raccomandazioni del DSS che nel contempo rassicura la popolazione sul coronavirus: «Al momento non c'è da preoccuparsi»
CANTONE
4 ore
«L'alcol non è Satana, meglio educare che proibire»
Per Andrea Conconi, direttore Ticinowine, la nuova legge sulla vendita delle bevande alcoliche penalizza fortemente il settore vinicolo. E non solo
BELLINZONA
5 ore
Un educatore di strada contro il disagio giovanile
Ne chiede l’introduzione una mozione indirizzata all’Esecutivo bellinzonese
LUGANO
6 ore
Le aziende si incontrano a Spazio Ticino
Saranno tre le macro aree tematiche: Marketing, comunicazione e formazione; Forniture, logistica e servizi; MICE ed eventi
LUGANO
6 ore
Niente allarmismi se vedete del fumo nella Vedeggio-Cassarate
Nella notte tra mercoledì e giovedì verrà eseguito un test per collaudare gli impianti di ventilazione e antincendio
LUGANO
6 ore
«Cosa fa la città per la mobilità pubblica?»
Paolo Toscanelli, Urs Lüchinger, Rupen Nacaroglu e Peter Rossi hanno presentato un'interpellanza al Municipio
CONFINE
7 ore
A Como e Varese tornano i divieti anti smog
Da domani saranno attivate misure temporanee come l'obbligo di spegnimento dei motori in sosta o il divieto di accensione fuochi all'aperto
CANTONE
7 ore
Il SISA dice no alla «sussidiarietà nella costituzione»
Il Sindacato Indipendente degli Studenti e Apprendisti trova che un'approvazione il prossimo 9 febbraio «aprirebbe scenari preoccupanti»
LUGANO
8 ore
Le tasse di cancelleria «sono da abbassare»
Lo propone il gruppo UDC in Consiglio comunale per mezzo di un'interpellanza
CANTONE
8 ore
Vuoi conoscere la SSPSS?
L'appuntamento è per mercoledì 5 febbraio presso l'aula magna dell'USI
CANTONE / SVIZZERA
18.12.2019 - 20:480
Aggiornamento : 19.12.2019 - 14:40

Comco indecisa: ETA (Swatch) per ora non fornirà prodotti a clienti terzi

L'azienda, con sedi anche a Mendrisio e Riazzino, dovrà attendere ancora fino all'estate 2020 per una risposta definitiva sull'annosa questione

di Redazione
ats

BIENNE - ETA, filiale di Swatch attiva anche in Ticino, non potrà continuare a fornire movimenti meccanici di orologi ai clienti al di fuori del Gruppo Swatch fino all'estate 2020. In questo periodo, la Commissione della concorrenza (Comco) - che voleva imporre il divieto di fornitura a terzi a partire da gennaio - prenderà una decisione finale sulla questione. Un duro colpo per Swatch e la sua filiale, ma questa incertezza preoccupa anche l'intero settore.

Le misure precauzionali prevedono la sospensione temporanea della fornitura di movimenti meccanici a clienti terzi, ha indicato la Comco in una nota odierna, precisando che questa misura non si applica alle piccole e medie imprese (PMI).

Le autorità garanti della concorrenza negli ultimi anni sono preoccupate per la posizione dominante di ETA nella produzione di movimenti meccanici e hanno dunque cercato di porre un freno per permettere ai concorrenti di potersi sviluppare sul mercato.

L'inizio della vicenda risale già a qualche anno fa: nel 2013 la Comco aveva concluso un accordo con il Gruppo Swatch per evitare una posizione dominante sul mercato di ETA, costringendola a consegnare determinati quantitativi di movimenti anche ai produttori rivali.

Tale intesa, che scade a fine 2019, prevedeva una riduzione graduale dei quantitativi forniti. L'idea era quella di permettere l'emergenza di un valido concorrente. Dal canto suo, Swatch vorrebbe liberarsi dell'obbligo di fornitura per decidere liberamente con chi fare affari.

A sei anni di distanza il panorama è cambiato radicalmente: ETA non è più leader del mercato, ha puntualizzato Swatch. Ora, infatti, il primo posto è detenuto dalla giurassiana Sellita, che nel corso del 2019 ha già prodotto quasi un milione di questi movimenti meccanici per orologi. ETA invece circa la metà, sebbene nessuna delle due aziende fornisca dati dettagliati.

Swatch: «Decisione inaccettabile» - La comunicazione odierna della Comco non ha lasciato indifferente Swatch e il suo presidente della direzione Nick Hayek: «È una decisione incomprensibile e inaccettabile», ha detto all'agenzia finanziaria AWP, sostenendo che l'autorità interferisce nella politica economica, contravvenendo alle sue funzioni.

«La Comco ha dormito», ha aggiunto Hayek, che afferma di avere esortato la Comco almeno sei volte dalla metà del 2018. La decisione, comunicata a dodici giorni dalla fine dell'anno, è «assurda» dal punto di vista industriale.

Secondo Hayek, Swatch non potrà consegnare i movimenti prima del 2021, poiché il tempo di consegna di un ordine è di 9-12 mesi e a causa della situazione di incertezza, ETA non ha accettato ordini nel 2019. L'azienda si riserva ora il diritto di richiedere un risarcimento per i danni finanziari scaturiti da questo caso.

PMI escluse, ma parità fra loro - La Comco, nel novembre 2018, ha aperto una procedura di riesame per valutare l'evoluzione della situazione sul mercato. A causa di ritardi processuali, ha precisato l'autorità, non è possibile prendere una decisione prima del 31 dicembre 2019. Ora, in attesa della decisione definitiva, prevista per la prossima estate, l'accordo è stato prolungato al più tardi sino a fine 2020, ma «le forniture saranno temporaneamente sospese».

Per questo motivo si applicano le misure precauzionali: tuttavia, «a causa del processo di ordinazione di ETA, la consegna di movimenti meccanici per orologi a partire del primo gennaio 2020 non è di fatto possibile. Infatti, i clienti devono comunicare ad ETA le quantità di cui hanno bisogno per la pianificazione della produzione con almeno sei mesi di anticipo».

Ciò non vale per le PMI, le quali dovranno comunque essere trattate su un piano di parità. «Se una PMI riceve dei movimenti meccanici per orologi, anche le domande delle altre piccole e medie imprese dovranno essere onorate», ha precisato la Comco.

ETA, società con sede a Grenchen (SO) che dal 1985 fa parte del gruppo Swatch, ha stabilimenti di produzione a Mendrisio e Riazzino, oltre che lungo la catena del Giura e in Vallese.

FH preoccupata - La Federazione dell'industria orologiera (FH) esprime la sua inquietudine in merito alla decisione «poco chiara» della Comco. Ciò, ha avvertito, potrebbe provocare una carenza di movimenti meccanici "Swiss Made", se ETA non potrà fornirli ad aziende terze.

«La decisione darà certamente un po' di ossigeno a qualcuno (ad esempio le PMI), ma soprattutto creerà grande incertezza», ha indicato all'agenzia Keystone-ATS Jean-Daniel Pasche, presidente della FH. «Nei prossimi mesi ciò provocherà problemi di pianificazione ai clienti», ha aggiunto.

Una prima versione di questa notizia indicava erroneamente "ETA dovrà continuare a fornire movimenti meccanici di orologi a clienti terzi" ed è stata corretta

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-27 20:59:34 | 91.208.130.89