LUGANO
17.10.2013 - 15:400
Aggiornamento : 21.11.2014 - 18:52

Mani arabe sulla Darwin

Una grande compagnia interessata a Darwin: si tratterebbe di Etihad Airways

LUGANO - Questa mattina dall’incontro tra la compagnia aerea Darwin e il Municipio di Lugano è scaturito l’interesse da parte di una compagnia internazionale per il vettore ticinese. Nessuno dice di che compagnia si tratti ma, come vi abbiamo anticipato due settimane fa, negli ambienti più informati un nome circola da tempo: Etihad Airways.

Equity Alliance Strategy. La compagnia di Abu Dhabi ha intrapreso da due anni una strategia di equity alliance,  che consiste nell’acquistare quote importanti delle società con cui Etihad vuole stringere alleanze. Air Berlin, Virgin Australia, Air Serbia, Air Seychelles, Air Berlin, Jet Airways. Sono queste, finora, le compagnie dove gli emiri sono entrati di peso, sempre con quote superiori al 20% del pacchetto azionario.

Il pacchetto di maggioranza relativa. Quanto vi avevamo anticipato a inizio ottobre, oltre alle insistenti indiscrezioni era avvalorato da un  risanamento di bilancio datato 23 settembre. I vertici della compagnia non avevano voluto confermare nulla, negando che vi fosse  un legame tra la spolverata azionaria e “possibili operazioni di negoziazione”. Oggi che l’interesse da parte di una compagnia di prima importanza è svelato, l’ipotesi che l’aggiustamento della struttura azionaria sia stato il primo passo per la riprende quota. Secondo le indiscrezioni da noi raccolte stiamo parlando addirittura del pacchetto di maggioranza relativa, pari al 40%. Ciò darebbe di fatto il controllo di Darwin nelle mani di Etihad.

Etihad  non parla ancora. Benché tutte le prove a nostra disposizione puntino in direzione di Abu Dhabi siamo costretti a usare il condizionale perché nessuno vuole darne conferma ufficiale. La versione ufficiale fornitaci da Fabio Parini, vice presidente di Darwin, negava un collegamento tra l’operazione di bilancio e un interesse della compagnia araba. Eventuali dettagli di un negoziato di questa importanza “riguardano gli azionisti”, ci aveva detto. Ma, durante la stessa conversazione, aveva ricordato che ogni compagnia, in casi simili, ha il diritto di mantenere un certo riserbo. Etihad, invece, ha risposto alle nostre domande con un “no comment”, spiegando che non è solita commentare le speculazioni sulle proprie operazioni strategiche prima dell’ufficialità di un accordo.
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-04-10 05:35:44 | 91.208.130.85