Immobili
Veicoli
«Ho lasciato tutto e me ne sono andato»
Renato Molo
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
35 min
Morti sul Susten: erano due insegnanti
La scuola è in lutto per la tragedia di ieri nel canton Uri. Il Decs: «Vicini alle famiglie»
CANTONE/SVIZZERA
58 min
Sempre più disagi? FFS nel mirino dal Ticino a Berna
Fabio Regazzi ha depositato un'interpellanza, co-firmata da tutti i deputati ticinesi in Consiglio nazionale
CAPRIASCA
1 ora
Sabato sarà chiusa la cantonale Tesserete - Bidogno - Bogno
Avverranno dei lavori di posa della pavimentazione tra le 7 e le 17.30
LUGANO
2 ore
Sessione esami: il miglior punteggio al liceo Diocesano
Consegnate lo scorso venerdì le maturità a 32 allievi
LUGANO
4 ore
I "dissidenti" non lavorano più
Dopo l'intervento dell'ispettorato del lavoro, alla casa anziani Opera Charitas di Sonvico è tornata la pace
ACQUAROSSA
18 ore
Grazie alle piante, una quinta elementare vince il primo premio
Hanno partecipato a una conferenza nazionale sull'ambiente, riportando il miglior titolo nella loro categoria
FOTO
MELIDE
18 ore
Cade un albero vicino al parco giochi
Nessuna persona è rimasta coinvolta, in azione i pompieri
FOTO
CONFINE
19 ore
Cade da un muro a secco, interviene l'elisoccorso
Un 45enne si è infortunato nel territorio di Curiglia con Monteviasco, in provincia di Varese
FOTO
URI
21 ore
Furgone militare nel burrone: morti due ticinesi
Tragedia sul Susten ieri pomeriggio. Il veicolo in dotazione a un'associazione è precipitato per 220 metri
FOTO E VIDEO
MENDRISIO
22 ore
Festa della Musica, «bilancio estremamente positivo»
Grande riscontro di pubblico, appuntamento per la decima edizione l'anno prossimo
FOTO
ASCONA
23 ore
Ascona e New Orleans sono ufficialmente sorelle
Sabato pomeriggio è stato firmato il patto che lega le due città
LOCARNO
27.01.2022 - 06:000
Aggiornamento: 08:58

«Ho lasciato tutto e me ne sono andato»

Storia di Renato Molo, classe 1980: via dalle certezze, in piena pandemia parte verso l'ignoto. Oggi abita in Colombia.

«In Svizzera – racconta da Cartagena de Indias – avevo un ottimo lavoro. Ma sentivo che mi mancava qualcosa. Dovevo uscire dalla mia comfort zone». 

LOCARNO - Ha lasciato il suo posto sicuro per prendersi un anno sabbatico e in seguito decidere di trasferirsi in Colombia. Se il 50% degli svizzeri sarebbe pronto a cambiare datore di lavoro dopo la pandemia, come emerso da un recente sondaggio pubblicato dalla società di consulenza Randstad, quello di Renato Molo, locarnese (Gerre di Sotto), classe 1980, allora è un caso che va oltre. Perché lui la scelta di mollare tutto l'ha presa prima che arrivasse il Covid. Ed è rimasto coerente, nonostante tutte le avversità. «Facevo il rappresentante nelle zone di Losanna e del Vallese – racconta –. Ottima posizione e ottimo stipendio. Ma sentivo che mi mancava qualcosa. Dovevo uscire dalla mia comfort zone». 

Stop alla routine – Renato, che anni fa si è diplomato alla scuola alberghiera, ha deciso di raccontare la sua nuova vita aprendo un blog, colombia-experience.com. Lo scrive da Cartagena De Indias. Qui ha conosciuto Maria, la sua nuova compagna che gestisce un ristorante. «Ma prima di arrivare a Cartagena ho avuto tutto il tempo per pensare. Per godermi l'ignoto e l'incertezza. Non ne potevo più della routine. E lo dico con tutto il rispetto, sapendo che quello che abbiamo in Svizzera è prezioso. Semplicemente io avevo bisogno d'altro». 

Il gusto del tempo – Già nel 2019 Renato matura l'intenzione di partire. A metà febbraio del 2020 lo comunica al datore di lavoro. Poi arriva la pandemia. «Un imprevisto enorme». Il sogno di Renato vacilla, ma non crolla. La partenza si sposta di qualche mese. Ad autunno il 41enne si imbarca per il Messico. «È l'11 novembre del 2020 quando arrivo a Città del Messico. Mi sono subito reso conto che questo non era un semplice viaggio per me. Sentivo che finalmente potevo assaporare il gusto del tempo. Senza quella sensazione di vederselo sfuggire dalle mani. In Messico ho visto di tutto e di più. A un certo punto mi sono preso una moto. Ho attraversato le montagne, il deserto. Sono partito da Playa del Carmen per arrivare a Puerto Escondido, che si trova sulla costa pacifica».    

Ultima chance per fare una follia – Renato non è sposato e non ha figli. Ed era consapevole che questa per lui poteva essere una specie di ultima chance per fare una follia. «In Ticino ho i miei genitori e mia sorella a cui tengo molto. So che un giorno tornerò in Svizzera. Ma adesso il mio presente è a Cartagena. Non voglio avere rimpianti. Non sarà evidente, qui ogni cosa te la devi sudare. Il fatto che la mia compagna abbia un ristorante è una base ma non una garanzia. Abbiamo diversi progetti, tra cui quello di aumentare l'offerta del suo cooking studio, con degustazioni di rum e cioccolato. Il turismo è prevalentemente statunitense, con viaggiatori pronti a pagare quel qualcosa in più per vivere determinate esperienze». 

«Più convinto che mai» – Il 41enne si guarda indietro e non si pente di nulla. E ricorda come è avvenuto il passaggio tra il Messico e la Colombia. «La vita è una sola. Ero in Messico e l'avevo visto in lungo e in largo. La Colombia da sempre rappresentava un mio pallino. E così nella primavera del 2021 ho preso il volo per Medellin. Quando sono arrivato era tutto abbastanza tranquillo. Poi però c'è stato il picco pandemico. Tante attività erano chiuse e non si poteva uscire dopo le sei di sera. È per questo che mi sono spostato nella zona di Cartagena, dove c'erano meno restrizioni. Ho conosciuto Maria e mi sono sentito a casa. Poco prima di Natale sono rientrato in Ticino per questioni burocratiche e per salutare i miei cari. Poi sono ripartito. Più convinto che mai». 

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-06-27 11:17:54 | 91.208.130.87