Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
1 ora
In Ticino è tempo di olive
Il prossimo 30 ottobre a Gandria si terrà l'ormai tradizionale raccolta
CANTONE
3 ore
«Mafia gay», la Procura indaga per discriminazione
Pink Cross ha presentato una denuncia contro il direttore di una rivista residente a Lugano
LUGANO
17 ore
Chi ordinò la demolizione? L’inchiesta davanti al muro dei malintesi
Si allontana il reato di "abuso di autorità", mentre per ora rimane l’accusa ai Molinari di "violazione di domicilio"
BELLINZONA
18 ore
«Il sindaco è fan del PSE? Cosa intende fare per favorirlo?»
Scatta l'interpellanza. Mario Branda nel mirino dell'MPS per il suo sostegno al progetto del Polo Sportivo di Lugano
BREGAGLIA (GR)
19 ore
Scontro frontale a Castasegna: un ferito
L'incidente si è verificato sabato mattina nelle vicinanze del valico doganale
MENDRISIO
20 ore
Scuole comunali e spazi: «Qual è la situazione?»
Un'interrogazione del gruppo Lega / UDC / UDF chiede al Municipio lumi sul presente e il futuro
FOTO
CANTONE
21 ore
Premiato l'Osservatorio ambientale
Assegnato il Premio Möbius, che rende merito a una «bella storia digitale»
FOTO
LUGANO
21 ore
In piazza per dire "no" alle restrizioni anti-Covid
Una manifestazione indetta dagli Amici della Costituzione ha luogo oggi a Lugano
Novazzano
1 gior
Dopo la rapina, l'interrogazione: «Chiudere i valichi secondari di sera»
Lo scorso giovedì è stata effettuato un furto a mano armata in un distributore di benzina
CANTONE
1 gior
Nuova Legge sulla ristorazione: più la mandi giù, più torna Su...ter
In dirittura la nuova Lear che rivoluziona l'accesso alla gerenza: «Servono meno corsi e più solidità finanziaria»
CANTONE
1 gior
Certificato Covid elettronico di nuovo funzionante
«Certificato con firma non valida», è ciò che era apparso a molti, forse a tutti, i detentori del Covid-Pass digitale.
CANTONE
22.09.2021 - 12:270
Aggiornamento : 15:04

Cos’è successo nella camera 501? La ricostruzione della difesa

L’avvocato Ravi ha chiesto una condanna per omicidio colposo e la scarcerazione immediata.

LUGANO - La morte è conseguenza di un gioco erotico finito male. E si tratta di omicidio colposo. Un reato che il 32enne, in carcere dal 9 aprile del 2019, ha già pagato. Al termine del processo va quindi immediatamente liberato. È quanto chiesto dai difensori del 32enne che in questi giorni compare davanti alla Corte presieduta dal giudice Mauro Ermani per il delitto di Muralto.

Nelle prime ore del 9 aprile 2019 cosa è dunque successo nella camera 501 dell'Hotel La Palma di Muralto? «I due sono rientrati in albergo alle 2.30 del mattino, entrambi avevano bevuto parecchio» ha esordito l’avvocato difensore Yasar Ravi, ricostruendo i fatti sfociati nella morte della giovane britannica di 22 anni.

Il «presunto» litigio - Nella camera d’albergo c’è stata una discussione, un «presunto litigio», i cui contenuti non sono chiari. «I due sono rientrati in camera in piena notte, quando nell’hotel regnava il silenzio e i rumori possono quindi risultare amplificati. Entrambi erano ubriachi e hanno magari parlato in maniera più animata, ma non sappiamo di cosa» ha osservato l’avvocato Ravi, aggiungendo: «Il presunto litigio non ha però allarmato chi riferisce di averlo udito, che non ha nemmeno richiesto l’intervento dei dipendenti della struttura».

Il difensore si è dunque chinato sui due elementi riportati nell’atto d’accusa che fanno pensare a una violenta lite: la presenza, nella camera, di una bottiglia di vetro rotta e il cavo del telefono fisso strappato dalla presa. Secondo l’avvocato non è possibile stabilire quando sia avvenuta la rottura della bottiglia. «Di certo non è stata usata sulla vittima, in quanto non presentava lesioni in tal senso». Per quanto riguarda il cavo del telefono, anche in questo caso si contano molte ipotesi non confermate. Potrebbe anche essere stato staccato da un ospite precedente, in quanto non è chiaro se i due abbiano richiesto il servizio in camera telefonicamente o alla reception.

Quella notte ci sono stati rapporti sessuali? Sì, ha detto Ravi, rifacendosi alle prove raccolte nella camera: si tratta di liquido seminale dell’imputato, trovato anche sugli abiti che la vittima aveva indossato quella notte. E ha ribadito che il rapporto tra i due «andava a gonfie vele» e che non vi erano le basi per «il movente economico» (come spiegato in mattinata dalla collega Luisa Polli).

Lo strangolamento - Secondo quanto emerge dalla perizia del medico legale, ha quindi sottolineato il difensore, è possibile che la vittima sia deceduta a seguito di una pratica sessuale asfittica. Nella relazione si legge, inoltre, che «gli effetti potenzialmente letali di tali pratiche sono note». Una perizia allestita da esperti dell’Università di Losanna, sottolinea inoltre che «i decessi nello strangolamento erotico sopraggiungono in modo improvviso». Gli elementi disponibili «non permettono comunque di stabilire la durata dell’azione compressiva letale» ha sottolineato Ravi.

L’imputato - ha spiegato l’avvocato - ha raccontato di aver agito su richiesta della vittima, che stringendogli la mano avrebbe chiesto di «aumentare la compressione». Una compressione che è proseguita, «finché lei stringeva la mano, poi ha mollato ed è svenuta». Era in cerca di un piacere, che è diventata «una morte inaspettata e improvvisa».

Da qui la richiesta della difesa di condannare il 32enne per omicidio colposo, non assassinio.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-17 12:47:14 | 91.208.130.89