Cerca e trova immobili

MANNOInaugurato il nuovo ampliamento del Centro Diurno Terapeutico della CRSS

18.09.21 - 13:29
Maggior sostegno sarà dato anche ai famigliari degli ospiti, grazie ad una maggiore flessibilità oraria
Tipress
Inaugurato il nuovo ampliamento del Centro Diurno Terapeutico della CRSS
Maggior sostegno sarà dato anche ai famigliari degli ospiti, grazie ad una maggiore flessibilità oraria

MANNO - Si è svolta oggi a Manno l’inaugurazione dell’ampliamento del Centro Diurno Terapeutico (CDT), alla presenza del Presidente CRSS Filippo Bolla, della direttrice CRSS Josiane Ricci, del Direttore del Dipartimento della sanità e della socialità Raffaele De Rosa e del Sindaco di Manno Giorgio Rossi.

L’ampliamento permetterà di offrire un ambiente specifico più protetto e strutturato che accoglierà gli utenti affetti da una forma di demenza medio grave della malattia con lo scopo di mantenerne il più a lungo possibile le loro capacità. Questo permette di accogliere 15 utenti in un unico turno.

Il personale presente potrà applicare l’approccio Montessori dividendo l’utenza in gruppi a seconda delle gravità della malattia di demenza e delle sue manifestazioni di disturbi comportamentali.

Con questo ampliamento la Croce Rossa Svizzera, Sezione del Sottoceneri, vuole così anche sostenere maggiormente i famigliari degli ospiti, offrendo una maggior flessibilità di orari dal lunedì al sabato.

CRSS è attiva già dal 1999 con l’apertura del suo primo Centro Diurno che era ubicato in Via alla Campagna 9 a Lugano. Successivamente nel 2011 il centro è stato riconosciuto come Centro Diurno Terapeutico con un servizio socio-sanitario assistenziale e terapeutico che ha la finalità di contribuire al miglioramento della qualità di vita dell’anziano, evitando o ritardando l’istituzionalizzazione e supportando il nucleo famigliare. Vista la grande richiesta e per esigenze di spazi, maggiormente conformi alle necessità degli ospiti, è stato costruito nel 2018 l’attuale CDT a Manno.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE