Immobili
Veicoli
Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
LOCARNO
1 ora
Un 31 gennaio insolitamente silenzioso in Città Vecchia
Anche quest'anno gli organizzatori di Bandir Gennaio hanno gettato la spugna.
CANTONE
8 ore
1348 nuovi positivi e un decesso in Ticino
Sono 158 i pazienti ricoverati, 16 dei quali si trovano in cure intense
AIROLO
22 ore
Sorpasso nel tunnel del San Gottardo, automobilista condannato
Un cittadino degli Emirati Arabi è stato sanzionato per la manovra compiuta lo scorso 24 novembre
LUGANO
23 ore
Davide Enderlin a processo
L'ex consigliere comunale luganese è stato rinviato a giudizio e dovrà rispondere di illeciti per oltre 3 milioni
ARBEDO-CASTIONE
1 gior
Il Motel Castione affonda schiacciato dall'Iva
Negli scorsi giorni la società ha depositato i bilanci, oggi lo stop intimato dal Cantone
CANTONE
1 gior
Cardiocentro nell'EOC: «È stato un primo anno positivo»
L'integrazione è pienamente riuscita e da quest'anno la cardiologia dell'Ente sarà gestita totalmente dal Cardiocentro.
CANTONE
1 gior
Ecco i prossimi radar, molti nel Luganese
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 24 al 30 gennaio
CANTONE
1 gior
Mancata riscossione dell'IVA: «Non devono essere i conducenti a risarcirla»
L'invio di un complemento di fattura dopo circa cinque anni ha fatto storcere il naso a molti.
FOTO
LUGANO
1 gior
«Ringrazio tutto il personale sanitario»
Il presidente della Confederazione ha parlato con i medici e gli infermieri in prima linea nella lotta al Covid-19.
CANTONE
1 gior
«Bene gli applausi agli infermieri, ma diamogli anche 6'000 franchi»
L'MPS ha presentato una serie di emendamenti al Preventivo 2022 focalizzati su sanità, dumping e disoccupazione
LOCARNO
1 gior
Kursaal firma con un nuovo gestore. «Ma noi siamo ancora interessati»
Il Gruppo ACE, che attualmente gestisce la casa da gioco, non nasconde il proprio stupore: «Non sapevamo nulla»
CANTONE
1 gior
Rinnovato il CCL dell'Autolinea Mendrisiense
Si tratta di un contratto collettivo «solido e garante di buone condizioni di lavoro», sottolineano i sindacati.
CANTONE
08.04.2020 - 17:190
Aggiornamento : 18:08

Il monito di Unia: «Parlare oggi di riapertura è sbagliato e pericoloso»

Il sindacato punta il dito contro il mondo economico reo di esercitare «pressioni incomprensibili»

Gli ambienti economici vengono accusati di avere un «orecchio pericolosamente selettivo» che coglie solo la notizia del superamento del picco ma non «l'invito a mantenere alta la guardia» delle autorità sanitarie.

BELLINZONA - «Gli sforzi compiuti dalla popolazione e da buona parte del mondo economico non vanno vanificati con una ripresa prematura delle attività produttive non essenziali». Parole e musica scandite con forza dal sindacato Unia Ticino dopo le «fughe in avanti» degli ambienti economici, che con il loro «orecchio pericolosamente selettivo» hanno colto solo la notizia del superamento in Ticino del picco dei contagi da coronavirus ma non il messaggio delle autorità sanitarie cantonali che invitano a mantenere alta la guardia.

 

Economia sotto accusa - Il sindacato punta il dito contro il mondo economico che sta esercitando «pressioni in modo assolutamente incomprensibile». Unia si riferisce in particolar modo «alle vergognose parole» pronunciate dai rappresentanti della grande economia nazionale: dal «non dobbiamo proteggerci troppo dal coronavirus» del presidente degli impresari costruttori Gianluca Lardi, al richiamo al Ticino a una presunta «ragionevolezza» giunto dal presidente di Swissmem Hans Hess. Interventi questi a cui hanno fatto seguito i primi parziali allentamenti delle misure restrittive che Unia «contesta». 

Autorizzazioni bocciate - Unia - successivamente - fa il punto della situazione per quel che concerne il rilascio di autorizzazioni straordinarie: «Nell’ultima settimana abbiamo dovuto esprimere diversi preavvisi negativi di fronte a richieste oggettivamente non fondate. Così come ha fatto per quanto riguarda la riapertura del cantiere Alptransit del Monte Ceneri, dove è oggettivamente impossibile soddisfare le misure di protezione sanitarie e di distanza sociale». Ma non solo. «Anche in altre realtà lavorative dove questi criteri sono soddisfatti - precisa il sindacato - la situazione risulta insostenibile, soprattutto per i lavoratori più vulnerabili». Unia cita l'esempio delle cave di granito dove le distanze sociali sono certamente garantite, ma i lavoratori sono sempre a rischio lavorando costantemente a contatto con le polveri silicee derivanti dal taglio e dalla lavorazione della pietra, le quali possono avere gravi effetti sul loro sistema respiratorio.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Zico 1 anno fa su tio
Chissà se i sindacati hanno sospeso le quote dei loro associati, così tanto per aiutare chi è in difficoltà
Ginoarrotino 1 anno fa su tio
Per giustizia sociale bisognerebbe estendere a tutti il lavoro ridotto...stipendio all'80% come a noi della ristorazione... e non tutelare i lavoratori del pubblico sindacati compresi.... con il loro stipendio pieno, fosse per loro aprire tutto a settembre o natale non gli cambia niente cosi' si vedrebbe se hanno fretta di aprire o meno.
Canis Majoris 1 anno fa su tio
Una semplice domanda: ma a qualcuno di voi piace questo tipo di economia? Pensatela a 360 gradi...
biondo 1 anno fa su tio
I soliti Sinistri individui che pensano allo Stato come un salvadanio senza fondo! I primi mantenuti del contribuente. UNIA pensate al bene del paese e cercate di non vedere l'imprenditoria come il cancro della società....sono proprio loro i vostri datori di lavoro che vi danno lo stipendio.
marco17 1 anno fa su tio
@biondo Allora anche il governo ticinese (due leghisti, un liberale, un PPD e un socialdemocratico) è composto di "sinistri" che impediscono alla gente di lavorare?
gigipippa 1 anno fa su tio
I sindacati non si rendono ancora ben conto che in futuro, sempre al fine di evitare gli assembramenti, molte belle regole dovranno saltare. In primis gli orari di apertura dei negozi e permettere a tutti di lavorare a turni in modo flessibile.
Equalizer 1 anno fa su tio
Quelli con bocca e pancia piena parlano sempre bene, non capiscono che è tutta una catena, di non essere che questi fenomeni dei sindacati, la sera scendano in cantina a stampare soldi. Le micro imprese proprietari per primi cosi come dipendenti se non lavorano non c'e futuro, ma proprio per nessuno. Quindi ognuno cercherà di fare il meglio possibile ma qualcosa bisogna fare, e quindi un plauso ai GC che hanno adattato le restrizioni al bisogno, con un'occhio sulla pianificazione futura per altri adattamenti.
Bibo 1 anno fa su tio
@Equalizer Esattamente! magari cominciassero loro a liberare i loro (nel senso quelli affiliati a unia) lavoratori dalla tassa che pagano. Ma loro si sa, comunque vada hanno sempre introiti assicurati...
marco17 1 anno fa su tio
@Bibo I sindacati difendono i lavoratori e fanno bene a vigilare sulle condizioni di lavoro. Ma mi sembra che in questo caso, ne facciano (come molti ticinesi del resto, di ogni orientamento politico) una questione ideologica e perdono il senso della realtà.
Bibo 1 anno fa su tio
@marco17 Certo, i sindacati sono utili, ma come hai detto hanno perso il senso della realtà...solo criticare e niente altro. Coi piedi al caldo sono capaci tutti di farlo, ma non ci pensano minimamente di fare un gesto tipo rinunciare alla quota loro destinata almeno per questa periodo di crisi...
marco17 1 anno fa su tio
L'importante è che chi lavora lo possa fare in sicurezza per evitare il contagio. Se ciò è possibile alla Posta, nei supermercati o nelle farmacie, perché non dovrebbe essere possibile per altri commerci o in aziende del settore industriale? Manteniamo la chiusura per le attività che possono avvalersi del telelavoro.
Galium 1 anno fa su tio
@marco17 Sono completamente d'accordo, anche se in uno scenario del genere bisogna tenere la guardia molto alta contro eventuali abusi.
miba 1 anno fa su tio
Pressioni in modo assolutamente incomprensibile? Mica poi così tanto incomprensibile... O forse UNIA è forse dell'opinione che lo Stato sia in grado di mantenere a tempo indeterminato tutta la sua popolazione, tutti i suoi commercianti, tutte le sue ditte/imprese? Oppure essendo UNIA notoriamente a sinistra si rifà a qualche ideologia/metodo della vecchia URSS? Alla fine ci sarà un conto da pagare e presumo sia abbastanza salato, paga UNIA???
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-22 18:35:25 | 91.208.130.87