Deposit
Un gruppo di sostegno per le persone trans
ULTIME NOTIZIE Ticino
CONFINE
1 ora
«Siamo stati picchiati, perché avevamo chiesto di mettere la mascherina»
L'appello dal Rifugio dell'Alpe di Colonno, in provincia di Como, pubblicato sui social
FOTO
BELLINZONA
1 ora
Un altro mattone per far rivivere Prada
L'antico nucleo medievale di Bellinzona è diventato comparto protetto d'interesse cantonale nell'autunno del 2019.
VERNATE
2 ore
Un'aula senza tetto né pareti
In compenso, ha un grande totem di legno. È stata realizzata dalle scuole di Vernate
CANTONE
2 ore
Quando gli applausi non bastano più
Al via la settimana di protesta per migliori condizioni per gli operatori sociosanitari
CANTONE
2 ore
Una classe in quarantena al Liceo di Lugano 2
Ieri la misura era stata decisa anche per allievi della Scuola cantonale di commercio
CANTONE
3 ore
Coronavirus in Ticino: altri 147 contagi e 15 ricoveri in 24 ore
Negli ospedali ticinesi sono attualmente ricoverate 80 persone positive al coronavirus.
CANTONE
3 ore
In perdita i trasporti, il sindacato scrive a Simonetta Sommaruga
Il SEV teme un aumento delle perdite d’introiti per le imprese di trasporto. Chiede un maggiore sostegno
CANTONE
4 ore
Anche il Ticino avrà il suo rumorometro
È iniziata negli scorsi giorni la sperimentazione del congegno che informerà sul livello di rumore generato dai veicoli.
CANTONE
6 ore
Negazionisti ticinesi: ecco come la pensano
Anche in Ticino i Covid-scettici e i "no mask" non mancano. L'esperto Garzoni risponde ad alcuni di loro
CONFINE
6 ore
Prendeva il reddito di cittadinanza, ma il marito lavorava in Ticino
La donna, residente a Carlazzo, è stata denunciata alla Procura di Como.
CANTONE
22.11.2019 - 06:220
Aggiornamento : 08:00

Gender freedom": il gruppo transgender della Svizzera italiana si fa conoscere

Nato sotto l'egida di Imbarco Immediato, presenterà le sue attività domenica al LUX di Massagno: «Ci ha contattati anche un genitore per il figlio in età prescolare»

MASSAGNO - Avevamo lasciato “Gender Freedom” agli albori, quando il gruppo di sostegno e informazione dedicato alle persone transgender iniziava a muovere i suoi primi passi (v. articolo). Ora, l’organizzazione nata sotto l’egida dell’associazione LGBTQ “Imbarco Immediato” si presenta ufficialmente alla popolazione della Svizzera italiana. 

Lo fa con una serata di approfondimento al cinema LUX Art House di Massagno che si terrà domenica 24 novembre. Kevin Canavera, uno dei responsabili di “Gender Freedom”, spiega come il gruppo sia cresciuto in questi due anni fino a comprendere 10-15 membri che partecipano attivamente agli incontri: «Hanno dai 25 anni in su, ma siamo aperti a tutti», sottolinea. A “Gender Freedom”, del resto, si sono già rivolti anche ragazzi minorenni: «Ci ha contattati anche un genitore per il figlio in età prescolare», fa sapere l’attivista.

In questi due anni, il gruppo ha risposto alle domande dei più giovani anche nel corso di tre giornate autogestite nelle scuole del cantone, dove ha organizzato dei momenti di informazione sull’identità trans insieme a Imbarco Immediato: «La prima volta c’è stato un po’ d’imbarazzo e la partecipazione è stata limitata, ma la seconda abbiamo addirittura dovuto stoppare le domande perché avevamo esaurito il tempo a nostra disposizione», confessa Kevin. Un coinvolgimento e una curiosità che hanno fatto «molto piacere» agli organizzatori.

Per il resto, "Gender Freedom" ha raccolto informazioni utili a chi abbia bisogno di consulenza, intenda iniziare un percorso di transizione o sia semplicemente interessato al tema: «Dalla Svizzera italiana la maggior parte delle persone transgender si reca oltre Gottardo per le operazioni, ma adesso sul territorio ci sono un po' più di psicologi, psichiatri ed endocrinologi che trattano l'argomento. Noi rendiamo disponibili questi nominativi, anche sul nostro sito».

E per la presentazione ufficiale di questa domenica? Che tipo di pubblico prevedete? «Mi aspetto e spero che ci sia tanta gente, dai più giovani ai meno giovani: i diretti interessati, i genitori, magari amici di persone transgender», afferma Kevin.

La serata si aprirà alle 17 con la proiezione in anteprima svizzera del documentario “Io sono Sofia”. Alle 18.30 seguirà una tavola rotonda moderata da Natascia Bandecchi con la protagonista del documentario Sofia, la parrocca della Chiesa cattolica cristiana svizzera Elisabetta Tisi e due ragazzi transgender, Eleonora (ragazza MtF ovvero “male to female”, che ha intrapreso una transizione da uomo a donna) e Ayden (ragazzo FtM, “da femmina a maschio”) accompagnato dalla mamma Leila. Alle 19.15 segue un Sunday Happy Gay, tradizionale aperitivo di Imbarco Immediato con ricco buffet offerto e musica. Alla consolle DJ Matmon.

Il documentario "Sofia"
Regia di Silvia Luzi - Italia, 2019, durata 83 minuti
Sofia ha 28 anni ed è una donna nata maschio. Ha tenuto nascosti il suo corpo e la sua natura per anni, fino alla scelta coraggiosa di rendere pubblico il suo percorso e di condividere il suo tormento. Un racconto che nasce dalla necessità di uscire allo scoperto, una storia intima che si rivolge a chi ancora quel coraggio non lo ha trovato e a tutti coloro che stanno lottando per vedere riconosciuta la propria natura e i propri diritti.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-26 13:27:43 | 91.208.130.86