tio/20minuti
Nadia Prandi
CANTONE
16.07.2019 - 09:370
Aggiornamento : 11:13

Il fiuto, tutto ticinese, per gli esplosivi

Nadia e Roberta hanno addestrato i loro cani a riconoscere sostanze pericolose. «Compreso l’esplosivo utilizzato dagli jihadisti»

LUGANO - Ticinesi “cacciatori” di esplosivi? Sembrerebbe. Dopo il lustro portato al nostro Cantone grazie al lavoro di Matteo Gallidabino (il professore che ha appena sviluppato una tecnica per identificare i dispositivi esplosivi), altre due ticinesi si mettono in evidenza nell’ambito di queste particolari “intercettazioni”.

Un addestramento particolare - Nadia Prandi e Roberta Locatelli, assieme a due amici a quattro zampe (un Labrador e uno Springer Spaniel) hanno seguito una formazione (presso la la SK-9) che ha permesso loro di ottenere una certificazione particolare: «I nostri cani possono essere impiegati nella ricerca di sostanze esplosive. Sono in grado di riconoscere dispositivi già pronti o semplicemente gli elementi che possono essere impiegati per la produzione degli stessi».

La formazione non è stata una passeggiata: «Il corso dura 18 mesi. Si devono superare diversi esami. Ma da febbraio i nostri cani possono essere usati, tra le altre cose, per la ricerca del TATP, esplosivo altamente instabile, utilizzato soprattutto dagli jihadisti».

Un lavoro di prevenzione - A richiedere i loro servizi sono soprattutto privati: «Non ci sostituiamo alla polizia. Il nostro è un lavoro principalmente preventivo. Interverremo ad esempio in un importante concerto che si terrà a Zurigo. Ma siamo stati chiamati anche da un semplice privato che voleva far controllare il suo jet appena acquistato prima di farlo decollare». 

Dal Ticino, al momento, non è arrivata ancora nessuna richiesta in questo senso: «Per ora siamo intervenute prevalentemente nella Svizzera interna. D’altra parte costituiamo certamente un costo aggiuntivo, ma di questi tempi la prudenza non è mai troppa». 

Intervenire ovunque - La “mobilità” del servizio che sono in grado di offrire è certamente un  plusvalore: «Una macchina è difficile da spostare. Noi possiamo raggiungere qualunque luogo». 

Per ora, fortunatamente, Nadia e Roberta non hanno avuto a che fare con sostanze pericolose: «Fino ad ora non abbiamo trovato nulla. Questo è certamente positivo».

 

tio/20minuti
Guarda le 4 immagini
2 mesi fa La scoperta ticinese che riconosce gli esplosivi "home made"
Dieci giovani ticinesi da tenere d'occhio
Commenti
 
Tato50 1 mese fa su tio
Per l'indirizzo posso dartelo io. D'altra parte chi ha redatto l'articolo e fatto le foto avrà avuto il benestare delle interessate.
Oli 1 mese fa su tio
Bravissimi. Oltre al numero di previdenza sociale e i nomi completi vogliamo metter anche gli indirizzi? Così tediamo tutto più facile.. furboni. Proprio per un compito così delicato, la sicurezza personale è la prima cosa, ma qui è sbandierato al vento.
Tato50 1 mese fa su tio
@Oli Era indirizzato a te il mio Post sopra. Errore di comunicazione-;))
Salbra 1 mese fa su tio
Brave e bravi cucciolotti ! Vi faccio un mondo d'auguroni !!!
Tato50 1 mese fa su tio
Tanti auguri da Sky !!!!!!!
Valerio Castellani 1 mese fa su fb
Ottimo incentivare 👁🌹sicurezza in primis 🐠🐠🦅👁👍
Romy Mac 1 mese fa su fb
Bravissime !
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-08-25 00:49:22 | 91.208.130.85