ULTIME NOTIZIE Ticino
ARBEDO-CASTIONE
10 ore
Officine: «I terreni per il compenso agricolo ci sono?»
CAMORINO
11 ore
Asilanti in sciopero, l’appello a De Rosa: «Chiudete il bunker»
CEVIO
11 ore
Troppo caldo per la funivia San Carlo-Robiei
MURALTO
12 ore
Un telo nero per oscurare la scena del presunto delitto
CANTONE
13 ore
«Biometria 2020», quasi un milione per il progetto
BELLINZONA
13 ore
Con lo striscione in Parlamento per il diritto allo studio
CANTONE
14 ore
Sette milioni per sentieri e percorsi per mountain bike
CANTONE
14 ore
Il Fogazzaro fa scuola: stop alle autorizzazioni "infinite"
LUGANO
15 ore
«Altro che allarmismo, la canicola può uccidere»
CANTONE
16 ore
Mini-blocco dei ristorni: «Benino ma non benissimo»
TENERO
17 ore
Campofelice Camping Village entra nei migliori campeggi d'Europa
CANTONE
17 ore
Ristorni, il Governo trattiene i soldi dovuti da Campione
LUGANO
17 ore
Nuovi defibrillatori a Carabbia e Viganello
LOCARNO
17 ore
Droni, arrivano le nuove regole
LUGANO
18 ore
Lo IUFFP sarà alta scuola pedagogica
CANTONE
11.10.2018 - 16:330

Ecco come far riflettere i giovani sull’influsso dei social media

Arriva in ticino il Teatro Forum con il progetto "I Girl – I Boy –I Phone"

BELLINZONA - Dopo il successo ottenuto nella Svizzera tedesca e in Romandia, il 15 ottobre 2018 debutterà in Ticino il Teatro Forum con il progetto "I Girl – I Boy – I Phone "(https://www.igirlboyphone.ch/).

Gli attori del Teatro Pan (www.teatro-pan.ch),con il sostegno di TravailSuisse, della Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione (SEFRI) e SWISSMEM, introdurranno situazioni ricavate dalla vita quotidiana (privata, scolastica, lavorativa) e incentrate sull’influenza dei Social media nelle questioni relative all’identità nel campo del razzismo, della parità dei sessi e della digitalizzazione.

Il metodo del Teatro Forum si rifà al principio del Teatro dell’oppresso, una forma teatrale popolare e interattiva concepita e sviluppata dal regista e scrittore brasiliano Augusto Boal nella seconda metà del ‘900, nella quale compare per la prima volta la figura dello spettatore.

La struttura drammaturgica delle scene, scritte da Sissy Lou Mordasini e coordinate dalla sapiente regia di Cinzia Morandi, inviterà studenti e docenti a intervenire direttamente nell’azione narrativa prendendo posizione e proponendo soluzioni diverse e alternative alla scrittura originale. Dal profilo pedagogico-didattico, questa modalità interattiva di comunicazione teatrale si prefigge di stimolare una riflessione emotiva e intellettuale che dovrebbe tradursi in una presa di coscienza individuale e collettiva sui temi affrontati.

In questa prima fase di rappresentazioni (15,17, 19 e 22 ottobre 2018) saranno coinvolte classi del CPT Trevano (SPAI e SAM) e classi del CSIA. Le rappresentazioni si terranno nell’aula magna del CPT Trevano alla mattina alle 09.00 e il pomeriggio alle 13.30. Nel corso della primavera e del prossimo autunno sono previste ulteriori repliche con lo scopo di coinvolgere la quasi totalità degli allievi dei due istituti.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-27 05:12:26 | 91.208.130.87