keystone (archivio)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA / ITALIA
2 ore
I figli alla scuola privata di Zurigo, ma vogliono le norme italiane
Un gruppo di genitori si è rivolto a Repubblica per denunciare l'applicazione delle misure del Cantone anziché del Dpcm
FOTO
VALLESE
6 ore
Si stacca una valanga sopra Nendaz: un morto e un ferito
La grossa slavina ha travolto una guida alpina e uno dei suoi clienti. Stavano sciando fuori-pista.
SVIZZERA
7 ore
I Verdi approvano il piano climatico (da casa)
L'assemblea dei delegati ha pure deciso di dire «tre volte no» ai temi in votazione il prossimo 7 marzo.
FOTO
BERNA
8 ore
Corona-scettici scacciati dalla polizia
Un centinaio di persone si è ritrovato su Piazza federale per protestare contro le misure imposte dal Governo.
VIDEO
ZUGO
9 ore
Attorno alla polizia che balla "Jerusalema" scoppia la querelle
C'è chi ha accusato la Cantonale di non avere i diritti per la clip diventata virale
SAN GALLO
12 ore
Sei anni di carcere al rapinatore mascherato
Tra il 2016 e il 2019, il 27enne aveva colpito nove volte in banche e distributori di benzina della Svizzera orientale.
SVIZZERA
12 ore
Quei giovani rampanti diventati milionari vendendo FFP2 (inutilizzabili) all'esercito
E facendole pagare anche 9.90 l'una. Le ultime novità da un caso di cui si parla poco e che imbarazza Berna
ZURIGO
12 ore
Beccato con un chilo e mezzo di coca nello zaino
Un 23enne lettone, giunto in Svizzera con un volo dal Brasile, è stato fermato all'aeroporto di Zurigo-Kloten.
ZURIGO
14 ore
«Per sostenere l'economia più aperture domenicali dei negozi»
Da farsi a ridosso di Natale 2021, è la proposta di recuperare quelle "saltate" l'anno scorso di Carmen Walker Späh
GRIGIONI
15 ore
Fra hotel e scuole di sci, a St. Moritz previsti nuovi tamponi a tappeto
A partire da lunedì prossimo, l'obiettivo è essere sicuri che la variante britannica non si sia diffusa nel comune.
GLARONA
15 ore
Una frittura finita malissimo
Momenti di panico a Oberurnen dove una famiglia è stata costretta a rifugiarsi sul balcone dopo un incidente in cucina
SVIZZERA
16 ore
La pandemia pesa su AutoPostale che perde il 25% dei passeggeri
E circa 50 milioni di franchi nel solo 2020, i mesi più interessati dal calo sono quelli primaverili
VALLESE
16 ore
Tragedia fuori pista a Saxon, morto uno sciatore 23enne
Il ragazzo si trovava con un amico sui pendii questo venerdì ed è stato sorpreso dal crollo di un blocco nevoso
SCIAFFUSA
17 ore
All'asilo con la mascherina? L'obbligo è durato poco
Ma i docenti che rientrano in una categoria a rischio devono indossare protezioni ultrafiltranti del tipo FFP2
VALLESE
1 gior
Cede un cornicione di neve: morta una guida alpina
L'incidente si è verificato in Vallese. La vittima è un 56enne della regione
BERNA
27.08.2020 - 10:300

Iniziativa per la limitazione: «Con un sì a rischio ricerca e innovazione»

A sostenerlo sono università e istituti di ricerca, che bocciano così l'iniziativa UDC.

A loro avviso una sua approvazione metterebbe in pericolo le condizioni quadro fondamentali che rendono la Svizzera un centro di pensiero e lavoro.

BERNA - Le università e gli istituti di ricerca sono contrari all'iniziativa popolare dell'UDC "per la limitazione", in votazione il prossimo 27 settembre.

A loro avviso una sua approvazione metterebbe in pericolo le condizioni quadro fondamentali che rendono la Svizzera un centro di pensiero e lavoro.

«Grosso impatto» - La fine della libera circolazione delle persone e degli accordi bilaterali con l'UE ad essa legati, avrebbero un grosso impatto sull'istruzione, la ricerca e l'innovazione in Svizzera, hanno ammonito oggi in conferenza stampa a Berna rappresentanti del Consiglio dei Politecnici federali, del Fondo nazionale svizzero, delle università, di Innosuisse e dell'Accademia svizzera di scienze naturali.

«Conseguenze devastanti» - Se l'iniziativa sarà accettata, decadrà anche l'accordo di ricerca con l'UE. Le conseguenze per la Svizzera come sede di istituti di punta in questo ambito e in quello dell'innovazione, e quindi anche per i posti di lavoro, sarebbero devastanti, hanno aggiunto. Molte conoscenze, una rete internazionale insostituibile e la concorrenza con i migliori centri del mondo andrebbero persi.

Chi opera in questi settori ha già iniziato a sperimentare sei anni fa cosa potrebbe significare un "sì" alla proposta democentrista. Dopo l'adozione dell'iniziativa contro l'immigrazione di massa, la Svizzera è stata infatti prima completamente e poi parzialmente esclusa dai programmi di ricerca dell'UE.

I ricercatori attivi in Svizzera sono stati coinvolti in un numero nettamente inferiore di progetti internazionali e hanno ricevuto meno fondi da Bruxelles. Inoltre, l'attrattiva della Confederazione come centro di conoscenza è diminuita a livello internazionale.

«I danni alla scienza elvetica sono stati molto gravi e gli effetti si fanno sentire ancora oggi. Una situazione del genere non deve ripetersi in nessun caso», hanno sottolineato davanti ai media.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Evry 4 mesi fa su tio
I politici "Anguria" Verdi fuori e Rossi dentro desiderano svendere la nostra Patria !!!!! perche la moggior parte di loro starnazzano ma NON fanno niente per la NOSTRA Nazione, se non state bene da noi e sputate nei piatti dove mangiate, le porte per andarsene, se siete coerenti, altrove sono spalancate.
Tato50 4 mesi fa su tio
@Evry Non è vero che non fanno niente per la popolazione !!!! Infatti vogliono aumentare l'aliquota d'imposta cantonale dal 97 al 100 % , ci aumentano il prezzo del carburante e altre ne stanno inventando.;-))) Comunque c'è da dire che cuore ce l'hanno ; trafficano esseri umani con tanto di auto "civetta" davanti ;-((
MIM 4 mesi fa su tio
ah ah ah ma come fanno a trovare certe sciocchezze. Mi viene in mente Erasmus, gli euroturbo piangevano e si strappavano le vesti perché i nostri studenti venivano esclusi, un terremoto, saremmo stati tutti analfabeti... ma invece sono aumentati gli studenti che volevano venire da noi, con o senza Erasmus. Non so se certa gente soffre di amnesia o se davvero è messa male per default.
volabas 4 mesi fa su tio
Ovvio che SI
Claudio Trabattoni 4 mesi fa su fb
Un forte si
Stefano Danielli 4 mesi fa su fb
Le solite cavolate mediatiche di giornalisti rossi e socialisti
Anastasi Rino 4 mesi fa su fb
“SI” all’iniziativa per la limitazione QUANDO È TROPPO È TROPPO!
Giorgio Gori 4 mesi fa su fb
Ma se è pieno di ricercatori stranieri vedi Supsi....
Manuela Rada 4 mesi fa su fb
Jann Binda 4 mesi fa su fb
Aspettino di finire l’università e rimanere a casa sostituiti da personale extra territoriale, con una risposta tipo “cerchiamo qualcuno con più esperienza”, e poi vediamo cosa dicono. Questi vivono nel mondo delle favole, forse. Un cantone devastato dalla libera circolazione, i nostri ragazzi e ragazze che si spaccano la schiena per finire l’apprendistato e prendere la maturità, per cosa ? Dover andare oltre Gottardo poiché ormai in Ticino non vi è più alcuna chance per noi residenti? Ma di cosa stiamo parlando... Magari chi fa questo tipo di studi vive con mamma e papà, e non conosce la realtà dei fatti. E comunque con il si che passa, si rischia al massimo 6 dei oltre 120 accordi trattati con l’UE negli ultimi decenni, dunque molti studi che sanno di aria fritta.
Roberto Oliboni 4 mesi fa su fb
Quante bugie! Ecco un altro motivo per votare SÌ
Massimo D'Onofrio 4 mesi fa su fb
Ma dai:.: terrorismo mediatico da 4 soldi
Pedraita Maurizio 4 mesi fa su fb
Massimo D'Onofrio purtroppo in troppi ci cascano
GI 4 mesi fa su tio
quasi quasi lancio un'iniziativa per limitare l'UDC....
seo56 4 mesi fa su tio
Falsa propaganda di sinistra. Io voto e consiglio di votare un chiaro SI!
KilBill65 4 mesi fa su tio
Mi piacerebbe vedere se e dico se, Chiesa si ricorda delle promesse fatte ai Ticinesi, i temi scottanti derivanti alle casse malati e sui frontalieri (aumenti)….Vedremo se manterra' la promessa!!!......
patrick28 4 mesi fa su tio
il 27 settembre il popolo dirà no ! Ennesima sconfitta dell'UDC. Voglio vedere la faccia del Chiesa la sera della sconfitta !
seo56 4 mesi fa su tio
@patrick28 Ma veramente se facciamo una statistica di sconfitte, quella che esce con le ossa rotte é la sinistra. Che vi piace o no, l’UDC è il primo partito in Svizzera.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-24 01:08:46 | 91.208.130.85