Immobili
Veicoli

BASILEA CITTÀFantasy Basel, le lunghe code dei visitatori in attesa di farsi testare

09.10.21 - 20:55
Si perdono anche due ore, secondo vari lettori-reporter
20 MIN / NEWS-SCOUT
Fantasy Basel, le lunghe code dei visitatori in attesa di farsi testare
Si perdono anche due ore, secondo vari lettori-reporter

BASILEA - È in corso in queste ore a Basilea l'edizione 2021 Fantasy Basel, la più grande convention in Svizzera per gli appassionati di film, giochi, fumetti e cosplay.

L'accesso a quello che è a buon diritto il Comic Con elvetico è consentito con certificato Covid e gli organizzatori hanno predisposto un centro per effettuare i test sul posto. Gratuitamente per gli svizzeri, al costo di 25 franchi per i visitatori stranieri. Un lettore-reporter di 20 Minuten segnala che non tutto è andato liscio come l'olio: «Alcuni di loro sono in fila da due ore».

Sono due le code: la prima è quella per registrarsi e la seconda che si conclude con il vero e proprio test. «Fa caldo ed è soffocante. Le persone sono irritabili» spiega il testimone. Gli fa eco un altro visitatore, che quantifica le attese in questo modo: un'ora davanti allo stand, 45 minuti per l'iscrizione e altri 30 minuti per verificare se si ha il Covid oppure no. Bisogna poi aggiungere altri 30-60 per conoscere i risultati.

Interpellato da 20 Minuten, il portavoce per i media di Fantasy Basel spiega: «Abbiamo riconosciuto il problema e le misure sono già state prese. Per i test stiamo lavorando con un partner che ha esperienza con tali eventi». Eppure si è venuto a creare un bell'ingorgo: «Le cifre delle prenotazioni anticipate erano più o meno le stesse di ieri, quindi si è ipotizzato che il centro di prova sarebbe stato altrettanto occupato oggi. Ci siamo attivati ​​subito quando abbiamo visto che non era così».

COMMENTI
 
Mizzy 8 mesi fa su tio
Scusate… ma… sapendo che ci vuole il certificato covid e sapendo che ci vuoi andare.. non era più semplice farsi testare prima anziché criticare l’organizzazione?
lollo68 9 mesi fa su tio
Speriamo che queste persone se ne ricorderanno quando dovranno votare a fine novembre!
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA