Depositphotos (kiuikson)
Immagine di archivio.
ZURIGO
22.09.2021 - 21:260

È stato condannato per molestie il proprietario di un'agenzia per modelli

La condanna è di tre anni, di cui uno da scontare. L'imputato sostiene che molte dichiarazioni siano false

ZURIGO - Questa sera il tribunale distrettuale di Zurigo ha condannato a una pena detentiva parziale di tre anni, di cui uno da scontare, un 34enne che ha approfittato della sua posizione di proprietario di un'agenzia di modelli per molestare sessualmente dei giovani uomini.

La corte, che ha accolto in pieno le richieste dell'accusa, lo ha ritenuto colpevole di coazione sessuale e molestie sessuali. Gli è anche vietato l'esercizio della professione con i minorenni. Deve inoltre pagare un risarcimento a diverse vittime. Il verdetto non è ancora definitivo: può essere impugnato al Tribunale cantonale. L'uomo è stato assolto da circa un terzo delle accuse. Tra le altre cose, non si è potuto dimostrare che l'accusato avesse usato gocce KO, la cosiddetta ecstasy liquida. Inoltre, vari episodi erano già caduti in prescrizione.

Imputato «perfido e meschino» - Nelle presentare le motivazioni della sentenza, il giudice che presiedeva il tribunale ha definito il comportamento dell'imputato perfido e meschino. Se si suggerisce a modelli inesperti che qualcuno ha una possibilità nel settore solo se si lascia toccare, allora c'è un abuso di potere. Si tratta di una pressione subliminale; la vittima ingenua crede che questo sia normale. In questo modo le aggressioni possono essere nascoste, ha detto il giudice.

L'arringa della difesa - La difesa aveva chiesto l'assoluzione. Nell'arringa di quasi tre ore, il difensore ha sostenuto che il suo cliente, a capo di un'agenzia di modelli un tempo di successo internazionale, non ha commesso alcun atto sessuale contro la volontà di altre persone. Il legale non ha negato che ci siano stati commenti lascivi, baci, sesso orale e anale. Ma senza coercizione o altri fattori penalmente rilevanti: «Non c'è stata violenza e nessuna minaccia; è stato consensuale».

Il fatto che il suo cliente abbia strofinato il suo pene sulla coscia di un giovane e promettente modello in un centro di benessere spa è stato al massimo un tocco accidentale. «Non c'è molto spazio nella Jacuzzi», ha commentato l'avvocato della difesa. E l'espressione "Tu sei sexy" non è rilevante per il diritto penale. «Un po' di flirt è e deve essere permesso».

«Un ingannatore di prima classe» - Al contrario, l'avvocato di una delle parti lese ha dichiarato che il suo cliente era tutt'altro che consensuale. Il proprietario dell'agenzia di modelli è «un ingannatore di prima classe», un grande affabulatore. Ha saputo vendersi bene, era così eloquente da convincere i giovani del suo potere. Poi ha sfruttato il grande rapporto di dipendenza e si è trasformato in «un mostro sessuale».

Le dichiarazioni delle varie vittime sono chiare, ha sottolineato anche il procuratore nella sua breve requisitoria. L'accusato ha sfruttato il suo rapporto di dipendenza. Ha fatto credere a giovani uomini ingenui che lui era l'unico che poteva dare loro il sogno di una carriera da modello.

Sono state fatte molte dichiarazioni false, ha detto dal canto suo l'imputato. Altrimenti è rimasto in silenzio o non ha mai commentato le richieste di chiarimento sulle varie accuse: «Nulla da dichiarare».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-18 21:25:54 | 91.208.130.87