Immobili
Veicoli

ZURIGOTroppi sguardi oltre lo schermo? Il software ti dice se bari all'esame

20.05.21 - 08:40
L'Università di scienze applicate di Zurigo interviene contro gli imbroglioni con uno strumento di monitoraggio.
20minuten
ZURIGO
20.05.21 - 08:40
Troppi sguardi oltre lo schermo? Il software ti dice se bari all'esame
L'Università di scienze applicate di Zurigo interviene contro gli imbroglioni con uno strumento di monitoraggio.
Gli studenti vengono filmati durante gli esami. In caso di dubbio, i dati verranno valutati. Ovviamente non mancano le critiche

ZURIGO - L'Università di scienze applicate di Zurigo (ZHAW) dispone di un nuovo strumento per il controllo degli esami sostenuti da casa. Si chiama Proctorio e ha acceso discussioni tra gli studenti.

Proctorio è uno strumento che filma i ragazzi durante l'esame e registra anche i suoni ambientali. Il programma guarda da vicino: ad esempio, misura i movimenti della testa e degli occhi. «Proctorio registra le attività degli studenti durante il test e successivamente le analizza con l'ausilio di algoritmi per valutare eventuali irregolarità», spiega una portavoce della ZHAW a 20 Minuten.

Se compaiono irregolarità, il video viene controllato da una persona, di solito il docente responsabile. «Queste persone decidono se si tratta di un'anomalia che richiede l'avvio di ulteriori misure».

Gli studenti hanno dovuto accettarne l'utilizzo - «Uno stress inutile», denuncia però uno studente. Secondo il ragazzo, il monitoraggio con il nuovo strumento è inaccettabile. «Il controllo del movimento oculare è un limite per me», sottolinea. «Non puoi più guardare a destra o a sinistra senza essere sospettato di frode».

Il giovane è anche infastidito dal fatto che non si abbia altra scelta se non quella di acconsentire all'uso dello strumento. «Non c'è alternativa», afferma.

«Discutibile anche per ragioni di protezione dei dati» - I metodi di monitoraggio della ZHAW sono stati accolti con incomprensione anche dal docente di scuola superiore ed esperto digitale Philippe Wampfler. «Gli strumenti di proctoring creano un'incredibile pressione», afferma. Ogni movimento e ogni suono vengono registrati. «Gli studenti devono continuare a pensare a come lo strumento interpreta ciò che stanno facendo in quel momento. Ciò porta a un grande nervosismo».

Si presume inoltre che tutti gli studenti abbiano condizioni di lavoro ottimali a casa. «Ma in realtà ci sono rumori e altre distrazioni che possono essere interpretate dallo strumento come tentata frode».

«Un buon esame non può essere tenuto in queste condizioni», afferma Wampfler. Anche gli strumenti di registrazione sono discutibili per ragioni di protezione dei dati: «Dove sostengo un esame, cosa ho attorno e dove indirizzo il mio sguardo, non sono affari dell'università».

Il software misura le anomalie - Alla domanda sullo stress che lo strumento provoca negli studenti, una portavoce della ZHAW spiega: «Capiamo che possa non essere familiare essere controllati da un supervisore a distanza».

I comportamenti evidenti che lo strumento rileva, però, includono: lasciare la stanza, la presenza di altre persone, un livello di rumore superiore alla media o sguardi che si allontanano dallo schermo più della media.

Lo ZHAW assicura che nessuno fallirà l'esame a causa dei troppi sguardi fuori dallo schermo. «Forse uno sguardo fuori dalla finestra potrebbe essere contrassegnato come anomalo se avviene in misura ripetuta», ammette la portavoce. Ma alla fine, l'analisi viene effettuata da una persona che può contestualizzare ciò che il software ha notato.

Proctorio viene utilizzato in circa un terzo di tutti gli esami che si svolgono online e che interessano circa 5000 studenti.

Controllo tramite zoom - Altre scuole e università non monitorano costantemente gli studenti durante gli esami. «In alcune facoltà viene utilizzato un sistema di interrogazione che consente di randomizzare le domande degli esami e di fissare limiti di tempo», afferma una portavoce dell'Università di Berna.

«L'Università di Zurigo si basa principalmente su progettazione intelligente delle domande d'esame, variazione delle domande e sequenze e controlli di accesso tramite login UZH», spiega invece un portavoce dell'Università di Zurigo.

In entrambe le università, tuttavia, è possibile per i docenti controllare gli esaminandi tramite la piattaforma Zoom. «Per motivi di protezione dei dati, però, non è consentito registrare il filmato», sottolinea il portavoce dell'UZH.

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA