ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
42 min
Riciclaggio, le banche svizzere non sono da meno
Nell'inchiesta del CIGI figurano anche transazioni collegate a Credit Suisse, UBS, Raiffeisen, Julius Bär e ZKB
FOTO
BERNA
1 ora
Piazza Federale è stata occupata
Gli attivisti si sono dati appuntamento quando ancora era buio. È il calcio d'inizio alla settimana Stand Up for Change
SVIZZERA
9 ore
Denaro sporco, riciclaggio in diverse grandi banche
Lo rivelano le conclusioni di una ricerca effettuata dal Consorzio internazionale dei giornalisti investigativi
FRIBURGO
11 ore
Tre giovani in fuga dalla polizia su un'auto rubata
I ladri hanno commesso diverse infrazioni prima di abbandonare la vettura. Sono stati fermati a Cugy
FOTO
SVIZZERA
13 ore
Cleanup Day: raccolti 5262 kg di rifiuti
1114 chilogrammi potranno essere riciclati
GRIGIONI
17 ore
Urtato da un'auto che se ne va
Il 30enne, che spingeva la bici a piedi, ha picchiato la testa al suolo. La polizia cerca testimoni
SVIZZERA
17 ore
UBS si prepara ad acquisire una grande banca europea?
Secondo la "SonntagsZeitung" sarebbe in cantiere un'operazione di assoluto profilo
SOLETTA
17 ore
In motorino in autostrada e senza casco
Il 21enne ha spiegato di avere imboccato per sbaglio l'entrata dell'A1
FRIBURGO
20 ore
Litiga con alcuni giovani e spara con un fucile da caccia
L'uomo di 78 anni, che ha esploso un unico colpo per terra, è stato arrestato dalla polizia. Nessuno è rimasto ferito.
SVIZZERA
20 ore
Giovedì 12 marzo? «Il giorno in cui le cose sono davvero cambiate»
Un libro mostra i retroscena della pandemia, e del lockdown, nel nostro paese
GRIGIONI
21 ore
Contro il guardrail in moto, 30enne in ospedale
Il centauro stava viaggiando sul passo dello Julier con un gruppo di altri motociclisti.
GLARONA
21 ore
Motociclista scivola e si ferisce durante un sorpasso
La sua passeggera è invece uscita indenne dall'incidente avvenuto a Glarona.
SVIZZERA
22 ore
«Ora stiamo usando un bisturi, a marzo ci voleva un'ascia»
Il capo della Task force Covid-19 della Confederazione sostiene la strategia finora adottata da Berna.
SVIZZERA
23 ore
Un salario minimo di 23 franchi all'ora? Si vota a Ginevra
Non solo nazionali: anche a livello cantonale sono previste settimana prossima delle votazioni rilevanti
GIURA
1 gior
Pedone investito da una bici: muore sul posto
L'incidente è avvenuto sabato pomeriggio a Glovelier
BASILEA
16.03.2016 - 17:270
Aggiornamento : 19:55

Un filmato sciocca la rete, adolescenti deridono una disabile

Postano il filmato su Facebook. Molti utenti ridono. Altri si indignano. Pro Infirmis ha chiesto al giovane di scusarsi pubblicamente

BASIELA - Un filmato che indigna. Una notizia che sta facendo il giro della rete tra i portali d'oltre Gottardo. Nel video si vede una donna che fa fatica a camminare che urla contro il ragazzo che la sta riprendendo. Il giovane e un amico ridono di lei, del suo handicap fisico. Se la ridono perché sanno che quel video sarebbe stato postato da lì a poche ore su Facebook e avrebbe raggiunto migliaia di utenti.

«Perché stai facendo questo?» grida la donna in preda alla disperazione. «Perché è divertente», risponde il ragazzino. «Lasciatemi perdere. Lasciatemi in pace», urla ancora la donna. Ma più lei si dimena e impreca più i ragazzini ridono. Continuano a registrare. Allora viene assalita dalla rabbia e minaccia i giovani con il giornale che tiene in mano. Niente da fare. I giovani sempre più bulli se la ridono e arrivano a dire: «Cavoli, questa è proprio una psicopatica».

Virale su internet

L'autore del video posta subito il video su Facebook. «Lo scherzo, Part Two». Infatti questo, non è il primo filmato con protagonista la donna disabile basilese. «Non è una cattiva persona, non ha mai fatto male a nessuno» scrive un utente sotto il video.

Ma ci sono commenti anche molto pungenti. Commenti cattivi, poi prontamente cancellati. Alcuni diretti a colui che ha pubblicato il video, altri dedicati alla donna. Quelli a C.W vanno dal «vigliacco» al «patetico», passando per «dovresti vergognarti». Ma sono molti di più quelli di scherno nei confronti della disabile. Smile e risate non si contano, e in tantissimi hanno pure condiviso il video. Video che è già diventato virale in rete con già 1.400 commenti e 340 Shares.

«Un comportamento disumano»

«L’umiliazione di persone con disabilità è promossa attraverso i social media a causa della loro velocità» afferma Mark Zumbühl, portavoce di Pro-Infirmis. «Già soltanto perché si ha la possibilità di poterlo fare in tempo reale - continua - in molti casi viene fatto senza pensarci».

«Questo non deve comunque valere come una giustificazione» sottolinea Zumbühl. E aggiunge: «Tale comportamento è disumano, si tratta di un atteggiamento denigratorio nei confronti di persone che apparentemente “non sono normali”. D’altronde è noto che la felicità non sta nella normalità». Se un teenager assume un tale comportamento nei confronti degli altri, bisognerebbe chiedersi che tipo di educazione abbia avuto: «Non mostra compassione?».

Le persone coinvolte si rendono conto benissimo di essere «derise e umiliate». Zumbühl: «Tutti coloro che condividono e mettono "mi piace", sono colpevoli esattamente come chi ha pubblicato il video. Questa è un chiara violazione del divieto di discriminazione e mina i nostri valori fondamentali sanciti nella Costituzione federale, in cui è scritto nero su bianco che nessuno può essere discriminato, comprese le persone che presentano disabilità fisiche, mentali o psichiche».

Mark Zumbühl, membro della direzione di Pro Infirmis ha scritto una lettera aperta a C.W., in cui chiede al giovane di scusarsi pubblicamente per ciò che ha fatto.

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Vhpd 4 anni fa su tio
Concordo con il lavoro sociale, assolutamente da fargli fare, ma magari prima fargli fare qualche mesetto a spaccare pietre e senza telefonini o internet... Probabilmente non hanno ancora capito che la salute psichica o fisica non è un diritto, ma un dono che purtroppo non tutti riceviamo, oppure ad un certo punto ci viene sottratto. E soprattutto questo non toglie il fatto di essere un individuo e quindi meritare rispetto. E invito le persone che hanno riso per il video o che l'hanno condiviso a riflettere bene sulle cose che vedono/sentono/leggono, perchè si stanno abbassando al livello di quei ragazzini.
Peggy 4 anni fa su tio
Vergognoso! Fategli fare un po' di lavoro nel sociale, magari in una casa per anziani o in un istituto per persone diversamente abili, vedrete che poi gli passa la voglia di deridere gli altri.
Benji78 4 anni fa su tio
Prendersela con i genitori affermando che non sono in grado di svolgere il proprio ruolo è eccessivo, visto che nessuno li conosce. O almeno può non valere per tutte le famiglie che stanno dietro a questi ragazzini. A volte i figli sbagliano anche se alle spalle hanno una buona famiglia. Poi ci sono dinamiche di gruppo, social network ecc. ecc. D'accordissimo che dovrebbero essere obbligati a chiedere scusa, non pubblicamente perché saranno minori ma all'interessata, e a prestare servizio gratuito per almeno tutto il periodo estivo in una struttura che si occupa di persone disabili. Spero poi che i genitori gli diano anche una pedata nel cu1o...ma solo i genitori.
mgk 4 anni fa su tio
Basilea e turkia
spank77 4 anni fa su tio
I due "esseri" dovrebbero avere "due" opzioni: A) Chiedere scusa pubblicamente nel social incriminato mettendoci la propria faccia B) Chiedere scusa pubblicamente nel social incriminato mettendoci la propria faccia E passare tutta l'estate (se studenti) a prestare servizio gratuito preso un istituto per persone disabili.
ZetaCrea 4 anni fa su tio
...sono curioso di sapere com'è il mondo se sui cellulari
Don Quijote 4 anni fa su tio
Evidentemente gli adolescenti in questione sono disabili a livello neuronale, più che indigniazione ho pietà per il loro futuro.
bm51 4 anni fa su tio
@Don Quijote Troppo buono ...
rojo22 4 anni fa su tio
Il tempo è galantuomo... sicuramente molto di più di quanto non lo sia CW e tutti quelli che hanno apprezzato in qualche modo il video. La storia dirà...
bm51 4 anni fa su tio
@rojo22 Quelli che hanno apprezzato sono ancora peggio di ha girato e postato.
miba 4 anni fa su tio
Indignarsi? Questi sono in sostanza i risultati dell'educazione che viene data ai giovani e cioè mancanza di valori, mancanza di rispetto ed educazione. Non complichiamo le cose ovvie e semplici con una pseudo-indignazione e 50000 teorie in merito...
bm51 4 anni fa su tio
@miba Hai ragione sotto tutti i punti di vista, mi chiedo dove sono i genitori ma è troppo facile mettere al mondo i figli e poi scaricare la responsabilità dell'educazione sulla scuola e le colpe alla società in genere. Questi genitori sono degli irresponsabili e il buonismo legislativo che regna sovrano gli da una grande mano. Bisognerebbe incriminare figli e genitori e fargli pagare un conto molto ma molto salato ma tant'è.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-21 08:16:38 | 91.208.130.86