Cerca e trova immobili

SVIZZERASvizzeri soddisfatti della propria vita, ma uno su dieci non sbarca il lunario

26.03.24 - 17:22
Chi non riesce ad arrivare a fine mese ha detto di sentirsi spesso depresso o scoraggiato.
Deposit Photos
Fonte Ufficio federale statistica
Svizzeri soddisfatti della propria vita, ma uno su dieci non sbarca il lunario
Chi non riesce ad arrivare a fine mese ha detto di sentirsi spesso depresso o scoraggiato.

BERNA - Rispetto al resto dell'Europa, la soddisfazione delle persone che vivono in Svizzera rispetto alla propria vita è sempre elevata e nel 2022 ha addirittura raggiunto il valore più alto tra tutti i Paesi europei. Anche il tenore di vita generale si è mantenuto elevato nel raffronto europeo. Eppure, quasi una persona su dieci ha avuto difficoltà a sbarcare il lunario e il 4,9% della popolazione ha dovuto rinunciare a beni, servizi e attività sociali importanti per motivi finanziari. Stando ai risultati dell'indagine 2022 sui redditi e sulle condizioni di vita (SILC) dell'Ufficio federale di statistica (Ust), il tasso di povertà si è attestato all'8,2%.

Otto su dieci - Su una scala da 0 a 10, il livello medio di soddisfazione nei confronti della propria vita attuale in Svizzera è stato di 8, contro il 7,9 dell'Austria, il 7,2 dell'Italia, il 7,0 della Francia e il 6,5 della Germania. In Svizzera, la soddisfazione nei confronti della propria vita è pressoché invariata dal 2014 e aumenta con l'età, il livello di formazione e il reddito. La popolazione esprime una particolare soddisfazione nei settori relazionali, come la vita in comune, l'ambiente di lavoro e le relazioni personali. Nel 2022 più della metà delle persone dai 16 anni in su si è dichiarata molto soddisfatta in questi ambiti (punteggi di 9 o 10). Viceversa, solo una persona su tre era molto soddisfatta del tempo libero disponibile o della propria situazione finanziaria.

Il tenore di vita è tra i più alti d'Europa - Il tenore di vita generale è misurato in base alla mediana del reddito disponibile equivalente, corretta per tener conto delle differenze del livello dei prezzi tra i Paesi. In Svizzera tale reddito era 2,5 volte superiore a quello greco, 1,5 volte superiore a quello italiano, 1,3 volte superiore a quello francese, 1,2 volte superiore a quello tedesco e 1,1 volte superiore a quello austriaco. Ne consegue che, nonostante l'alto livello dei prezzi in Svizzera, il tenore di vita della popolazione della Svizzera è superiore rispetto a quello dei Paesi vicini e della maggior parte dei Paesi dell'UE.

Condizioni di vita non uguali per tutti - Nel 2022, il 9,9% delle persone in Svizzera ha avuto difficoltà a sbarcare il lunario e il 4,9% della popolazione ha vissuto in condizioni di deprivazione materiale e sociale. Ciò significa che, per motivi finanziari, queste persone hanno dovuto rinunciare a beni, servizi e attività sociali importanti (come l'acquisto di vestiti nuovi, lo svolgimento di attività regolari nel tempo libero o l'incontro con gli amici), non sono riuscite a pagare le fatture in tempo o non hanno potuto sostenere una spesa imprevista. Una situazione che si riflette sul livello di soddisfazione nei confronti della propria vita: in questo gruppo di persone solo una persona su nove si è detta molto soddisfatta della propria vita attuale (il 10,9% contro il 37,9% della popolazione totale). Le persone in condizioni di deprivazione hanno inoltre indicato con particolare frequenza di sentirsi scoraggiate o depresse per la maggior parte del tempo o sempre (il 24,3% contro il 5,4% della popolazione totale) e molto più di rado di sentirsi per la maggior parte del tempo o sempre felici (il 37,1% contro il 76,6% della popolazione totale).

L'8,2% della popolazione è colpito da povertà reddituale - Nel 2022 (redditi del 2021), in Svizzera l'8,2% della popolazione era colpito da povertà reddituale, il che corrisponde dunque a circa 702mila persone. Il tasso di povertà è quindi tendenzialmente più basso rispetto all'anno precedente (8,7%), seppure presenti una differenza statisticamente non significativa. Peraltro, queste cifre non tengono ancora conto degli aumenti intervenuti dal 2022 sui prezzi di elettricità, riscaldamento e beni di consumo. 

Come negli anni precedenti, le persone più frequentemente colpite da povertà reddituale sono quelle straniere, quelle che vivono in economie domestiche monoparentali, quelle senza formazione postobbligatoria e quelle che vivono in economie domestiche che non partecipano al mercato del lavoro. Con il 3,8% (144 000 persone), anche il tasso di povertà della popolazione occupata è stato leggermente inferiore rispetto all'anno precedente (4,2%). Nemmeno questo sviluppo, però, è statisticamente significativo. 

La soglia di povertà è calcolata sulla base delle direttive della Conferenza svizzera delle istituzioni dell'azione sociale (COSAS) e nel 2022 ammontava mediamente a 2284 franchi al mese per una persona che viveva sola e a 4010 franchi per due adulti con due bambini. Tale importo deve poter coprire le spese per le necessità quotidiane (cibo, igiene, mobilità ecc.) e le spese per l'alloggio, ma non i premi per l'assicurazione malattia obbligatoria, giacché, come i contributi alle assicurazioni sociali, le imposte e gli eventuali alimenti, anche questi vengono dedotti in anticipo dal reddito dell'economia domestica.

Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

bambinoalto 2 mesi fa su tio
In Ticino, ad occhio sarà tre volte tanto il disagio.

Blobloblo 2 mesi fa su tio
1 su 10 in Svizzera, e in Ticino?

UMARELL 2 mesi fa su tio
E poi ci si meraviglia che tanti vanno ad abitare all’estero… la percentuale di povertà nel nostro paese non puo che continuare a aumentare. Non servono tante statistiche, lo viviamo sulla nostra pelle, ma questo per i nostri politici ben rimunerati e con pensioni dorate è un « non problema », non li tocca direttamente. Giusto aiutare chi sta peggio di noi, ma vale sempre la regola che per poter aiutare dobbiamo prima essere una comunità autosufficiente!!
NOTIZIE PIÙ LETTE