Cerca e trova immobili

AttualitàPro Velo: «piste ciclabili al posto delle autostrade»

11.11.23 - 13:58
L'assemblea sostiene il referendum contro l'ampliamento autostradale deciso dal Parlamento
Ti-Press
Fonte Comunicato
Pro Velo: «piste ciclabili al posto delle autostrade»
L'assemblea sostiene il referendum contro l'ampliamento autostradale deciso dal Parlamento

BERNA - L'assemblea dei delegati della Pro Velo Svizzera ha approvato oggi la risoluzione “NO all'ampliamento delle autostrade – SI a più piste ciclabili”. Nell'ambito di un'ampia alleanza, Pro Velo sostiene il referendum contro l'ampliamento autostradale deciso dal Parlamento. Invece i delegati chiedono finalmente più fondi per il tanto atteso ampliamento dell'infrastruttura ciclistica.

A fine settembre il Parlamento ha deciso la costruzione o l'ampliamento di autostrade per un importo di 5,3 miliardi di franchi. Altri 30 miliardi se ne aggiungeranno nei prossimi anni. «Con questa promozione del traffico automobilistico non ci sono soldi per il necessario passaggio al traffico pedonale, ciclabile e ai trasporti pubblici», afferma Matthias Aebischer, presidente della Pro Velo. L’espansione miliardaria delle autostrade rende la guida più attraente e porta a più traffico. Ciò a sua volta allagherà le strade dei villaggi e delle città, mettendo a dura prova i ciclisti. Tuttavia, l’ampliamento dell’autostrada contraddice fondamentalmente anche gli obiettivi netti zero recentemente fissati nella legge sulla protezione del clima e ostacola il passaggio urgentemente necessario a forme di mobilità rispettose del clima e efficienti in termini di spazio, in particolare le biciclette.

Piste ciclabili al posto delle autostrade
Dal 2023 è in vigore la nuova legge sulle piste ciclabili. I Cantoni, le città e i Comuni hanno il dovere di pianificare e realizzare reti di piste ciclabili di alta qualità. Tuttavia, la legge non prevede fondi aggiuntivi per le infrastrutture ciclabili. Le biciclette dovrebbero continuare a ricevere solo l'1% circa della spesa annuale per i trasporti del governo federale! Questo nonostante il fatto che la bicicletta sia una delle chiavi più importanti per città vivibili e a impatto climatico zero, dove già vivono tre quarti della nostra popolazione. I vantaggi sociali ed economici della bicicletta sono enormi: occupa molto meno spazio, non produce né gas di scarico né rumore e mantiene le persone sane e felici. Diverso è il discorso per il trasporto motorizzato: i suoi costi climatici, ambientali e sanitari ammontano ogni anno a 12 miliardi di franchi di costi esterni.

I delegati della Pro Velo hanno deciso di sostenere il referendum contro i miliardi delle autostrade affinché Consiglio federale e Parlamento possano investire in un'infrastruttura per la mobilità sostenibile - in particolare in una migliore infrastruttura ciclabile su cui bambini e anziani possano spostarsi in sicurezza da A a B e rapidamente.

NOTIZIE PIÙ LETTE