Immobili
Veicoli

SVIZZERALa popolazione svizzera crescerà di quasi un quarto di milione nel 2022

01.10.22 - 08:00
La guerra in Ucraina e la situazione economica del nostro Paese stanno portando a una maggiore migrazione
Getty Images/iStockphoto
La popolazione svizzera crescerà di quasi un quarto di milione nel 2022
La guerra in Ucraina e la situazione economica del nostro Paese stanno portando a una maggiore migrazione

BERNA - Quest'anno la Svizzera sta crescendo più velocemente. Entro la fine dell'anno, il Consiglio federale stima che arriveranno su suolo elvetico circa un quarto di milione di persone. Il dato è contenuto nella risposta a un'interrogazione della consigliera nazionale dell'UDC Martina Bircher (AG).

Il quasi quarto di milione, secondo il Consiglio federale, è composto da: 80'000-120'000 persone con il permesso S, soprattutto provenienti dall'Ucraina, 20'000 richieste di asilo (vedi riquadro) e un aumento della popolazione residente permanente di 100'000 unità. Queste 100'000 persone arrivano per motivi di lavoro o si trasferiscono con qualcuno che ha trovato lavoro in Svizzera. Questa cifra comprende anche i cambiamenti demografici, come l'aumento delle nascite e dei decessi.

Il Coronavirus e la migrazione verso l'interno

Sono incluse anche le persone con lo status di protezione S, dovuto alla guerra in Ucraina, e l'immigrazione nel quadro della libera circolazione delle persone. Nella prima metà del 2022, circa 75'000 persone sono venute in Svizzera per trovare lavoro o per ricongiungersi alle loro famiglie, il 21% in più rispetto all'anno precedente. Se si escludono gli emigranti, tra gennaio e giugno 2022 sono arrivate in Svizzera 38'000 persone. Si tratta di un numero maggiore rispetto agli altri anni.

Secondo la Segreteria di Stato della Migrazione (SEM), il motivo è la ripresa economica del dopo Coronavirus. Quando le misure sono state revocate in primavera, la domanda di beni e servizi è aumentata notevolmente, le aziende avevano bisogno di più personale e talvolta lo hanno assunto all'estero. Di conseguenza, in estate il tasso di disoccupazione si è abbassato, toccando il 2%, mentre il numero di posti vacanti è stato superiore a quello degli ultimi 20 anni.

Anche i dati sull'asilo sono legati all'emergenza sanitaria, afferma la portavoce della SEM Anne Césard: dopo la fine della pandemia, la migrazione verso l'Europa è aumentata notevolmente perché il Coronavirus ha indebolito l'economia di molti Paesi d'origine.

«Avremmo bisogno di altre 400 turbine eoliche».

È probabile che la pressione migratoria continui nei prossimi anni, come afferma l'esperto di migrazione Benjamin Schraven in un'intervista a 20 Minuten. Anche l'Ufficio federale di statistica (UST) prevede un aumento a lungo termine: secondo lo scenario, la popolazione svizzera supererà i dieci milioni nel 2040 e nel 2050 sarà pari a 10,4 milioni di persone.

La consigliera nazionale dell'UDC Martina Bircher descrive l'immigrazione come una spirale senza fine: «Abbiamo una cosiddetta carenza di lavoratori qualificati e facciamo entrare persone per raggiungere le loro famiglie. Questo, a sua volta, aumenta il bisogno di servizi, il che porta a un'immigrazione ancora maggiore». Secondo Bircher, la Svizzera avrà un problema di approvvigionamento. «Dobbiamo controllare noi stessi l'immigrazione, come è scritto anche nella Costituzione». La consigliera ha calcolato che ci vorrebbero 400 turbine eoliche per fornire energia a un quarto di milione di persone in più. Un altro problema è la carenza di spazi abitativi e gli affitti elevati.

Anche il consigliere nazionale dei Verdi Bastien Girod afferma: «Dobbiamo osservare con attenzione e monitorare il processo da vicino». Ma l'immigrazione è anche alla base della crescita economica e indispensabile per i servizi sociali. Tuttavia pone delle sfide nei settori dell'energia e degli alloggi. Sono necessari più abitazioni di utilità pubblica, una migliore densificazione edilizia e una migliore efficienza energetica. «Nel caso dell'energia, l'immigrazione aumenta soprattutto la crescita complessiva, compresa quella pro capite».

La consigliera nazionale del Centro Marianne Binder (AG), invece, è fiduciosa: «Finora siamo stati in grado di gestire l'immigrazione, grazie alle strutture federali, grazie alla buona collaborazione tra comuni, governo federale e cantoni». Questa metodologia continuerà ad avere successo. «Bisogna stare attenti a non gridare al lupo e farsi prendere dal panico. Se la Svizzera non è in grado di gestire questo aumento, chi può farlo?».

Nel 2021, poco meno di 15'000 persone hanno presentato domanda di asilo in Svizzera. Quest'anno saranno di più, perché alla fine di agosto il governo federale aveva già registrato 12'362 domande. I principali Paesi di provenienza sono Afghanistan (3'024 domande), Turchia (2'391), Eritrea (1'238), Algeria (781) e Siria (683).

Tra le 75'000 persone immigrate nella prima metà del 2022, i principali Paesi di provenienza sono stati Germania (14%), Italia (12), Francia (11), Portogallo (6), Spagna (5), Romania e Polonia (4% ciascuno).

NOTIZIE PIÙ LETTE