Cerca e trova immobili

SVIZZERALa zecca gigante arriva in Svizzera

07.07.22 - 23:58
Colpa del riscaldamento globale. I naturalisti sono in allerta
La zecca Hyalomma marginatum
foto Wiki commons
foto Wiki commons
Fonte 20 Minuten
La zecca gigante arriva in Svizzera
Colpa del riscaldamento globale. I naturalisti sono in allerta
Ha causato la morte di 18 persone in Iraq e ora potrebbe diffondersi anche nel nostro paese. L'esperto: «La gente ci aiuti a monitorarla»

BERNA - Hyalomma marginatum è il suo nome scientifico, quello comune è zecca gigante tropicale. La sua particolarità è che sente l'odore delle sue vittime e le insegue fino a 100 metri di distanza. Finora si trova principalmente in Africa e nell'Europa meridionale, ma gli inverni più caldi permetteranno presto che si stabilisca in Svizzera tutto l'anno, secondo gli esperti.

Per l'esperto di zecche Werner Tischhauser è solo «una questione di tempo». Attualmente «la zecca tropicale gigante arriva da noi soprattutto come clandestino degli uccelli migratori e si vede solo sporadicamente a nord delle Alpi». In Germania nel 2019 l'insetto ha infettato una persona con la febbre maculata.

In Iraq questa primavera è successo di molto peggio: una zecca gigante ha infettato delle mucche con il virus della febbre Crimea-Congo. Dagli animali il virus è passato all'uomo e un centinaio di persone sono state contagiate, diciotto sono morte. 

«La pericolosità di questa zecca consiste nel fatto che è in grado di raccogliere e trasmettere agenti patogeni» ha spiegato Tischhauser a 20 Minuten. «Potrebbe portare in Svizzera agenti patogeni esotici come il virus del Nilo occidentale, che a sua volta potrebbe poi diffondersi e diventare endemico».

La zecca gigante è facile da riconoscere. È grande mezzo centimetro, quindi circa cinque volte più delle specie di zecche originarie del nostro paese, e ha zampe a strisce chiare e scure, a differenza della nostra zecca del legno. Non viene ancora ricercato sistematicamente, ma Tischhauser sta lavorando a un'app che possa essere utilizzata per segnalare gli avvistamenti.

L'applicazione dovrebbe essere aggiornata al più tardi entro il prossimo anno. Nella ricerca, l'esperto confida soprattutto nella collaborazione di proprietari di animali domestici e degli agricoltori. «Abbiamo bisogno di migliaia di occhi, pochi ricercatori da soli possono fare ben poco per contrastare questo pericolo»

NOTIZIE PIÙ LETTE