Immobili
Veicoli

SVIZZERALa Rega presenta il suo nuovo drone

13.04.22 - 09:59
In dotazione dallo scorso autunno, l'apparecchio è già stato usato in Ticino in operazioni di rilevamento di incendi.
Rega
Fonte ats
La Rega presenta il suo nuovo drone
In dotazione dallo scorso autunno, l'apparecchio è già stato usato in Ticino in operazioni di rilevamento di incendi.
Quello trascorso è stato un anno record per la Guardia aerea svizzera che ha effettuato oltre diciottomila missioni, ovvero circa 50 di media al giorno.

BERNA - Dallo scorso autunno, la Guardia aerea svizzera (Rega) dispone di un drone in grado di localizzare persone scomparse tramite segnali telefonici e immagini riprese da una telecamera termica. L'apparecchio è già stato usato in Ticino in febbraio e marzo in operazioni di rilevamento degli incendi.

Denominato "RGA-UAV-T1A", è stato presentato oggi nel corso della conferenza stampa annuale della Rega all'aeroporto di Zurigo. È un drone che può volare autonomamente su grandi aree ed entra in azione quando gli elicotteri non possono decollare a causa della scarsa visibilità.

Le immagini della telecamera termica vengono analizzate automaticamente e se il sistema vi riconosce una figura umana, le inoltra a uno specialista del centro d'intervento per una valutazione finale. Il drone pesa circa 25 chili e non è in grado di recuperare le persone localizzate. Per farlo, la Rega continua a dipendere dagli elicotteri o dai soccorritori a terra.

Il 2021 è stato un anno da record per la Guardia aerea, che celebra il suo 70esimo anniversario il 27 aprile. La centrale operativa dell'aeroporto di Zurigo ha organizzato 18'017 missioni, il 10,7% in più rispetto all'anno precedente, ciò che corrisponde a circa 50 missioni al giorno.

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA